Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Svegliatevi!  |  agosto 2013

 IL PUNTO DI VISTA BIBLICO

Alcol

Alcol

È sbagliato far uso di bevande alcoliche?

“Il vino che rallegra il cuore dell’uomo, l’olio che fa brillare il suo volto e il pane che dà forza al cuore dell’uomo” (Salmo 104:15, La Nuova Diodati)

COSA DICONO ALCUNI

Per molti le bevande alcoliche sono praticamente un alimento base che si consuma a ogni pasto. Per altri, invece, farne uso non è appropriato. Perché punti di vista così diversi? Le opinioni variano a seconda di fattori come usanze locali, salute e religione.

COSA DICE LA BIBBIA

La Bibbia condanna l’ubriachezza e gli eccessi nel bere, ma non il consumo moderato di bevande alcoliche (1 Corinti 6:9, 10). Nell’antichità, infatti, fedeli servitori di Dio bevevano vino, una bevanda menzionata oltre duecento volte nella Bibbia (Genesi 27:25). “Mangia il tuo cibo con allegrezza e bevi il tuo vino con buon cuore”, dice Ecclesiaste 9:7. Dato che il vino contribuisce a uno spirito gioioso, veniva generalmente consumato in occasioni festose, come i banchetti nuziali. Fu a una di queste feste che Gesù Cristo compì il suo primo miracolo, trasformando l’acqua in “vino eccellente” (Giovanni 2:1-11). Il vino veniva anche utilizzato per scopi terapeutici (Luca 10:34; 1 Timoteo 5:23).

 La Bibbia stabilisce dei limiti su quanto bere?

“Guai a quelli che bevono vino senza misura” (Isaia 5:22, Parola del Signore)

PERCHÉ LA QUESTIONE DOVREBBE INTERESSARVI?

Ogni anno molte famiglie soffrono perché uno o entrambi i genitori bevono troppo. Gli eccessi nel bere sono anche la causa di tantissimi incidenti domestici e stradali. A lungo andare, inoltre, l’abuso di alcol può causare danni al cervello, al cuore, al fegato e allo stomaco.

COSA DICE LA BIBBIA

La moderazione nel mangiare e nel bere è un requisito fondamentale agli occhi di Dio (Proverbi 23:20; 1 Timoteo 3:2, 3, 8). La mancanza di autocontrollo porta a essere disapprovati da lui. La Bibbia afferma: “Il vino è schernitore, la bevanda inebriante è tumultuosa, e chiunque ne è sviato non è saggio” (Proverbi 20:1).

Un modo in cui l’alcol svia chi non è saggio è intaccandone la fibra morale. Osea 4:11 dice: “La fornicazione e il vino e il vino dolce tolgono il buon motivo”. Un uomo di nome Giovanni lo ha imparato a sue spese. * Dopo aver litigato con la moglie, andò in un hotel, si prese una sbornia e commise adulterio, azioni delle quali in seguito si pentì amaramente e che si ripromise di non compiere mai più. L’abuso di alcol può danneggiarci sul piano fisico, morale e spirituale, e la Bibbia dice che gli ubriaconi non otterranno la vita eterna (1 Corinti 6:9, 10).

Quando non è il caso di bere?

“L’accorto vede il pericolo e si nasconde, gli inesperti vanno avanti e la pagano” (Proverbi 22:3, CEI)

PERCHÉ LA QUESTIONE DOVREBBE INTERESSARVI?

“L’alcol è una sostanza tossica [...] superiore alle sostanze o droghe illegali più conosciute”, dice un opuscolo realizzato con il patrocinio del Ministero della Salute italiano. Ci sono pertanto circostanze in cui anche il consumo moderato di alcol potrebbe essere poco saggio.

COSA DICE LA BIBBIA

Le persone spesso “vanno avanti e la pagano” perché bevono nel momento sbagliato. La Bibbia dice che “per ogni cosa c’è un tempo fissato”, quindi c’è anche un tempo per astenersi dal consumo di bevande alcoliche (Ecclesiaste 3:1). Per esempio, una persona potrebbe essere per legge troppo giovane per bere. O magari un alcolista sta cercando di togliersi il vizio. Altri ancora potrebbero assumere farmaci che interagiscono con l’alcol producendo effetti indesiderati. Per molte persone, infine, il “tempo fissato” per astenersi dal bere è quando si recano o sono al lavoro, specialmente se devono manovrare macchinari potenzialmente pericolosi. Le persone sagge considerano la vita e la salute preziosi doni di Dio (Salmo 36:9). Mostriamo rispetto per questi doni quando ci lasciamo guidare dai princìpi biblici anche in relazione alle bevande alcoliche.

^ par. 11 Il nome è stato cambiato.