Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Svegliatevi!  |  dicembre 2012

Una doppia pelliccia per le highland

Una doppia pelliccia per le highland

CORNA arrotondate, un lungo ciuffo sugli occhi, pelliccia irsuta e corpo robusto: non può che essere una highland!

La highland è la più antica razza bovina conosciuta: da secoli queste mucche prosperano nel clima rigido degli altipiani e delle isole scozzesi. In origine quelle che pascolavano sugli altipiani erano più grosse e avevano il pelo rosso, mentre quelle delle isole al largo della costa occidentale erano di dimensioni più piccole e solitamente avevano il pelo nero. Oggi entrambe le tipologie di highland vengono considerate un’unica razza, i cui colori variano: rosso, nero, marrone chiaro e giallo, quasi fino al bianco.

Il ciuffo folto e alquanto buffo della highland svolge una funzione importante. Durante l’inverno la ripara dai venti impetuosi, dalla pioggia battente e dalle forti nevicate. D’estate, invece, la protegge da insetti volanti che possono provocare infezioni.

Da queste parti una mandria di highland è chiamata fold, nome che risale a un’antica usanza: chi possedeva una fattoria, o la gestiva, la sera portava il bestiame in una sorta di rifugio, fatto con pietre e aperto da un lato, chiamato fold; qui il bestiame trovava riparo dalle intemperie e dai lupi.

Una singolare pelliccia

Unica nel suo genere, la highland ha il corpo ricoperto da una doppia pelliccia. Quella esterna, irsuta, raggiunge talvolta i 33 centimetri. Questa efficiente pelliccia di lana è impermeabile alla pioggia e alla neve. Nello strato sottostante si trova la pelliccia interna, soffice e lanosa, che consente all’animale di rimanere al caldo.

 Jim, che per lavoro ha a che fare con questi bovini da molti anni, spiega: “Fare lo shampoo a queste mucche è molto difficile, perché è quasi impossibile bagnarle completamente”. A motivo della loro pelliccia di lana, le highland prosperano e si riproducono sui pascoli di montagna in cui imperversano piogge scroscianti e venti gelidi, laddove nessun’altra specie bovina sopravvivrebbe.

Durante l’estate, se il clima si fa eccessivamente caldo e secco, le highland si adattano e perdono la pesante pelliccia. In seguito, quando tornano il freddo e l’umidità, il pelo ricresce.

Una preziosa risorsa

A differenza delle pecore, le mucche non distruggono la vegetazione masticando radici e teneri germogli. Le highland addirittura contribuiscono a migliorare le condizioni del terreno nei pascoli più poveri. Come fanno? Con le loro lunghe e possenti corna e con il loro ampio muso ripuliscono il terreno da cespugli che la maggior parte delle altre specie di bovini non toccherebbe neanche. Questa sorta di “giardinaggio” favorisce la ricrescita dell’erba e degli alberi.

La doppia pelliccia delle highland presenta un altro enorme vantaggio. Non essendo necessaria la presenza di un ulteriore strato adiposo per mantenere il calore, la carne delle highland è, in paragone ad altre carni bovine, a basso contenuto di grassi e colesterolo ma ricca di proteine e ferro. Inoltre, per produrre questa carne di prima scelta non occorre utilizzare foraggi costosi.

Prudenza!

Le highland vantano una lunga tradizione che le ha viste vivere a stretto contatto con l’uomo. Le popolazioni dell’antica Scozia erano solite tenerle in casa al pianterreno. La presenza di questi animali contribuiva a scaldare l’ambiente al piano superiore, dove viveva la famiglia.

Anche se in genere l’addomesticamento rende docili i bovini, a volte alcune highland possono rappresentare un pericolo. Una madre, ad esempio, può essere estremamente protettiva nei confronti del proprio vitellino. Inoltre, anziché passare in mezzo a una mandria di highland, è più prudente aggirarla.

L’adattabilità che contraddistingue questa specie ne ha favorito la presenza in ogni parte del mondo. Prospera fino alle latitudini dell’Alaska e della Scandinavia e la si trova anche sulle Ande, a pascolare a 3.000 metri d’altezza. Nello stesso tempo vive senza problemi in zone più calde.

A quanto pare emblema della Scozia non sono solo il tartan, il kilt e la cornamusa, ma anche la bella e inconfondibile specie delle highland. Ci sono anche nel vostro paese mucche con una doppia pelliccia?