INTORNO alla metà del XX secolo sembrava che l’uomo fosse riuscito a debellare la cimice del letto. Negli anni ’70, tuttavia, molti paesi decisero di limitare l’uso di quella che allora era la principale arma contro questo insetto, ovvero il DDT, poiché si trattava di una sostanza tossica e nociva per l’ambiente.

Nel corso del tempo questa cimice ha sviluppato una resistenza sempre maggiore anche ad altri trattamenti chimici. Inoltre, i viaggi sono diventati sempre più frequenti e le persone si sono trasformate in veicoli involontari di questi animaletti. Con quali ripercussioni? “Negli scorsi 12 anni”, secondo un rapporto del 2012 sul controllo di questi insetti, “negli Stati Uniti, in Canada, nel Medio Oriente, in alcuni paesi europei, in Australia e in alcune zone dell’Africa si è registrato un nuovo ritorno delle cimici del letto”.

Di recente in un solo anno a Mosca le segnalazioni riguardanti le cimici sono decuplicate. Dall’altra parte del globo, in Australia, a partire dal 1999 la presenza di questi insetti è aumentata del 5.000 per cento!

Alcuni, inavvertitamente, portano con sé le cimici uscendo da negozi, teatri o alberghi. “Avrete a che fare con le cimici del letto”, dice il direttore di un albergo negli Stati Uniti. “Oggigiorno questo è il prezzo da pagare per chi è nel mondo degli affari”. Come mai le cimici del letto sono così difficili da debellare? Cosa potete fare per proteggervi? Qualora infestassero la vostra casa, quali misure pratiche potete adottare per eliminarle e impedire che ritornino?

Molto resistenti

Una cimice del letto adulta è lunga circa cinque millimetri

Più piccole di un seme di mela e con un corpo appiattito, le cimici del letto possono nascondersi praticamente ovunque. Si annidano nei materassi, nei mobili, nelle prese di corrente e persino nei telefoni. In genere stanno a una distanza di 3-6 metri da dove si dorme o si sta seduti. Lo fanno per rimanere il più vicino possibile alla loro fonte di nutrimento: l’uomo. *

Di solito le cimici del letto entrano in azione quando le loro vittime dormono. Tra l’altro la maggior parte delle persone non si accorge della loro puntura, dal momento che le cimici iniettano nel corpo dei malcapitati una sostanza anestetica che consente loro di nutrirsi ininterrottamente anche per dieci minuti. Inoltre, pur potendosi cibare tutte le settimane, sono note per la loro capacità di restare mesi senza mangiare.

A differenza delle zanzare e di altri insetti, le cimici del letto non sono responsabili della trasmissione di malattie infettive. Ciò nonostante le loro punture possono causare prurito e l’insorgere di eruzioni cutanee, oltre a condizionare, come avviene in molti casi, lo stato emotivo della persona. Chi è vittima delle cimici può soffrire di insonnia, provare un certo imbarazzo e persino avvertire punture immaginarie  per molto tempo dopo la scomparsa delle cimici. Un rapporto stilato in Sierra Leone identifica in questi insetti “la causa di forti irritazioni e di notti insonni” e mette in guardia dal pesante “stigma sociale legato alle cimici del letto”.

Combattetele

Controllate attentamente le valigie

Chiunque può finire nel mirino delle cimici del letto. Ad ogni modo, dato che prima ci si accorge della loro presenza e più facile sarà sbarazzarsene, è importante riconoscere le loro tracce, sia in casa che in viaggio. Controllate accuratamente i mobili, i battiscopa e le valigie assicurandovi che non ci siano piccole uova, della grandezza di semi di papavero, o residui di sangue. Per rendere più accurata la vostra ispezione utilizzate una torcia elettrica.

Sigillate eventuali crepe e fessure

Riducete al minimo gli spazi in cui le cimici potrebbero insinuarsi. Sigillate eventuali crepe o fessure nelle pareti o nei telai delle porte. Anche se la presenza delle cimici non è dovuta allo sporco, sarà più facile individuarle ed eliminarle passando regolarmente l’aspirapolvere e riducendo il disordine. Se vi trovate in una camera d’albergo, potete ridurre le probabilità di andarvene con le cimici tenendo le valigie lontane dal pavimento e dal letto.

Se la vostra casa è infestata

Passate regolarmente l’aspirapolvere

Trovare in casa o nella camera d’albergo delle cimici del letto potrebbe farvi provare ansia o imbarazzo. Mentre erano in vacanza Dave e la moglie furono punti dalle cimici. “Eravamo molto a disagio”, racconta Dave. “Cos’avremmo raccontato ad amici e parenti al nostro ritorno a casa? Cos’avrebbero pensato se andando via da casa nostra avessero avuto prurito o un’irritazione cutanea?” Anche se reazioni del genere rientrano nella norma, non esitate a chiedere aiuto solo per via dell’imbarazzo. Il Dipartimento di Salute e Igiene Mentale di New York dà questa rassicurazione: “Sbarazzarsi delle cimici del letto è difficile, ma non impossibile”.

Fate un’accurata ispezione e adottate le misure necessarie perché le cimici del letto non si annidino in casa vostra

Non commettete, però, l’errore di sottovalutarle. Se trovate delle cimici in casa, vi sarà senz’altro utile rivolgervi a un tecnico specializzato nella disinfestazione. Anche se i trattamenti chimici menzionati precedentemente non sono più in uso, oggi il controllo di questi parassiti prevede l’utilizzo congiunto di diversi metodi efficaci. Inoltre l’entomologa Dini Miller fa questa constatazione: “La risoluzione del problema richiede lo stesso grado di impegno da parte dei clienti dell’albergo, del direttore della struttura e di chi esegue la disinfestazione”. Seguendo le istruzioni di un tecnico specializzato e prendendo le dovute precauzioni, potete proteggervi da questo fastidioso insetto.

^ par. 7 Secondo gli entomologi, le cimici del letto si nutrono del sangue degli esseri umani e di altri mammiferi, inclusi animali domestici.