Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Svegliatevi!  |  ottobre 2012

Cosa possono fare i genitori

Cosa possono fare i genitori

“In aula eravamo stipati come sardine! Non c’erano ventilatori e si moriva dal caldo”. — Luis, Bolivia.

“Nella nostra scuola c’erano pochi insegnanti, e gli studenti non venivano seguiti. La scuola non aveva né un laboratorio né una biblioteca. Mancavano anche le carte geografiche”. — Dorcus, Myanmar.

“La maggioranza degli insegnanti faceva una gran fatica a tenere a bada la classe. A volte alcuni studenti erano davvero indisciplinati e studiare era molto più difficile”. — Nina, Sudafrica.

COME indicano questi commenti, certe scuole sono tutt’altro che il posto ideale per imparare. In che modo potete aiutare i vostri figli a trarre il massimo dalla scuola nonostante le difficoltà? Ecco qualche suggerimento:

Prendete l’iniziativa.

Anziché concentrarvi sui problemi, molti dei quali probabilmente sfuggono al vostro controllo, concentratevi su quello che potete fare. Se vostro figlio è in difficoltà in una certa materia o è sommerso di compiti, parlatene insieme e cercate di trovare delle soluzioni. Per esempio, in casa dovreste creargli uno spazio più adatto allo studio? Vostro figlio ha bisogno di una mano a organizzarsi per dare la giusta priorità alle attività più importanti? Potrebbe aver bisogno di prendere qualche ripetizione? Per avere altri suggerimenti potreste andare a parlare con l’insegnante. Consideratelo un alleato, non un nemico.

Ricordate a vostro figlio il giusto scopo dell’istruzione.

L’istruzione dovrebbe preparare vostro figlio a diventare un adulto maturo e responsabile. Lo scopo non dovrebbe essere quello di imparare come si diventa ricchi. Eppure, da alcuni studi emerge che molti ragazzi si fanno un’istruzione proprio con quest’obiettivo. La Bibbia incoraggia ad avere un punto di vista equilibrato sulle cose materiali. Pur riconoscendo che “il denaro è per una protezione”, avverte che “quelli che hanno determinato di arricchire” non troveranno la vera felicità. — Ecclesiaste 7:12; 1 Timoteo 6:9.

L’istruzione dovrebbe preparare vostro figlio a diventare un adulto maturo e responsabile

Lasciate che vostro figlio impari dalle avversità.

Molti insegnanti dicono che per quanto sia difficile avere a che fare con certi studenti, relazionarsi con i genitori è anche peggio. Alcuni si mobilitano non appena il figlio si mette nei pasticci o prende un brutto voto. Per esempio, un articolo della rivista Time parlava di una professoressa i cui studenti “dalla classe chiamavano a casa col cellulare per lamentarsi  perché avevano preso un voto basso e poi, nel bel mezzo della lezione, le passavano il telefono perché il padre o la madre voleva dire la sua. A questa professoressa alcuni genitori hanno anche detto che, siccome sborsavano un sacco di soldi per l’istruzione del figlio, potevano accettare solo il massimo dei voti”.

Molti insegnanti dicono che per quanto sia difficile avere a che fare con certi studenti, relazionarsi con i genitori è anche peggio

Venendo sempre in loro soccorso, questi genitori non fanno il bene dei figli. Impediscono loro di “imparare di persona cosa significa prendere decisioni, sbagliare e rimediare ai propri errori”, dice Polly Young-Eisendrath in un suo libro sull’argomento. E aggiunge: “Se i genitori interferiscono troppo cercando di rimediare ai problemi dei figli mentre questi se ne stanno con le mani in mano, da una parte i genitori diventeranno ancora più esperti ma dall’altra i figli saranno sempre più incapaci e non impareranno mai a cavarsela da soli”. — The Self-Esteem Trap.

Abbiate obiettivi ragionevoli.

Come menzionato in precedenza, la scuola prepara i vostri figli ad assumersi le responsabilità della vita da adulto. (Genesi 2:24) Ma quanti anni occorrono per raggiungere questo obiettivo?

Non partite dal presupposto che per condurre una vita dignitosa vostro figlio debba andare all’università. Ci sono altre opzioni meno dispendiose. In certi casi chi impara un mestiere vive bene quanto chi si laurea.

Per tirare le somme: Non esistono scuole perfette, e oggi vostro figlio affronta problemi che anni fa erano impensabili. Ma con il vostro sostegno può farcela! Perché non trattate come famiglia i suggerimenti contenuti nelle pagine da 3 a 7 di questa rivista?