Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Svegliatevi!  |  febbraio 2011

Una vita più sicura per gli anziani

Una vita più sicura per gli anziani

 Una vita più sicura per gli anziani

UNA ragazza sta pattinando sul ghiaccio. A un certo punto scivola e finisce a terra. Un attimo dopo è di nuovo in piedi e la sua unica preoccupazione è la figuraccia che ha appena fatto. Una donna anziana inciampa e cade in casa, fratturandosi il femore. Subisce un intervento chirurgico e il periodo di riabilitazione dura diversi mesi. Ora, avendo ancora più paura di cadere, evita ogni attività fisica e si indebolisce sempre di più.

Secondo un rapporto dell’Ufficio Regionale Europeo dell’OMS, ogni anno cade circa il 30 per cento delle persone che hanno superato i 65 anni. In quella fascia d’età le cadute sono la principale causa di morte per infortunio. A ragione la Bibbia dice riguardo agli anziani: “Hanno avuto timore semplicemente di ciò che è alto, e ci sono terrori nella via”. — Ecclesiaste 12:5.

Anche se la terza età porta con sé dei problemi fisici, applicando alcuni consigli pratici si può aumentare la sicurezza e migliorare la qualità della vita. Innanzi tutto è bene cercare di mantenersi per quanto possibile forti e in salute. Inoltre si può fare qualcosa per rendere più sicura la propria casa.

Come mantenersi forti e in salute

Man mano che si invecchia, la coordinazione può risentirne e forse si inizia ad avere problemi di vista e di equilibrio. I muscoli e le ossa si indeboliscono e di conseguenza si diventa più fragili. Tuttavia, regolare esercizio fisico e buone abitudini alimentari possono rallentare questo processo. “È importante fare esercizi che migliorino l’equilibrio, la postura, la forza e la flessibilità”, dice Nita, una fisioterapista.

Una pubblicazione del Dipartimento americano della Sanità e dei Servizi Sociali afferma: “Indipendentemente dalla loro salute e dalle loro capacità fisiche, gli anziani possono trarre enormi vantaggi dal mantenersi fisicamente attivi. Si può fare esercizio e vederne i benefìci anche se si hanno difficoltà a stare in piedi o a camminare. Nella maggioranza dei casi non muoversi per niente può solo peggiorare le cose”. * Tra l’altro, l’attività fisica può contribuire a combattere le malattie cardiache, i dolori articolari, l’osteoporosi e la depressione. Può migliorare la circolazione, la digestione e il sonno e accrescere la fiducia in sé e la prontezza di riflessi.

Se non siete abituati a fare attività fisica è meglio che prima consultiate il vostro medico. Inoltre rivolgetevi subito al medico se mentre fate esercizio vi sentite svenire o accusate dolori al petto. Anzi, in una situazione del genere può essere il caso di chiamare un’ambulanza. Sono  sintomi molto seri: non prendeteli alla leggera! È anche consigliabile sottoporsi a una visita oculistica una volta all’anno.

Per quanto riguarda l’alimentazione, evitate i cibi poveri di vitamine e minerali anche se si preparano in fretta e senza difficoltà. Gli anziani in particolare hanno bisogno di alimenti con alti contenuti di vitamina D e calcio, che possono contribuire a preservare la massa ossea o almeno a rallentarne la riduzione. Pertanto privilegiate gli alimenti integrali, i latticini magri, nonché frutta e verdura fresche. Prima di stravolgere la vostra dieta, però, consultatevi col medico. Potrebbe consigliarvi un’alimentazione adeguata e indicarvi quali cibi evitare a motivo dei vostri problemi di salute.

Inoltre cercate di mantenere ben idratato l’organismo. La disidratazione, comune tra gli anziani, soprattutto tra quelli che vivono da soli o in case di riposo, può favorire cadute, stato confusionale, stitichezza, perdita dell’elasticità della pelle e infezioni, e portare addirittura alla morte.

Rendete più sicura la vostra casa

La maggioranza delle cadute avviene in casa, ma prendendo alcune precauzioni si può ridurre notevolmente il rischio. Mentre leggete i seguenti consigli pensate a come applicarli alla vostra casa.

Bagno

● Il pavimento dovrebbe costituire una buona base d’appoggio anche quando è bagnato.

● La doccia, o la vasca, dovrebbe avere un tappetino o un rivestimento antiscivolo e se si usa una sedia per la doccia questa dovrebbe permettere di raggiungere agevolmente i rubinetti. Sarebbe utile che il telefono della doccia fosse munito di tubo flessibile, in modo da usarlo anche da seduti.

● È bene che in bagno ci siano dei maniglioni a cui aggrapparsi quando si entra e si esce dalla vasca o si usano i sanitari. I maniglioni devono essere robusti e ben fissati. Il water dovrebbe essere abbastanza alto da permettere di sedersi e di alzarsi senza troppa difficoltà.

● Usate delle luci notturne oppure una torcia elettrica.

Scale

● Le scale dovrebbero essere sgombre, in buone condizioni e ben illuminate.

● Dovrebbero essere dotate di corrimano stabili, se possibile su entrambi i lati, strisce antiscivolo e interruttori della luce alle due estremità.

● Salire e scendere le scale può aiutare a non perdere la forza nelle gambe. Se avete problemi di equilibrio, però, non avventuratevi per le scale da soli.

Camera da letto

● Fate in modo che attorno al letto e ai mobili ci sia spazio sufficiente per muoversi in sicurezza.

● Tenete in camera una sedia come appoggio per vestirvi.

● Tenete un’abat-jour o una torcia elettrica accanto al letto.

Cucina

● I ripiani dovrebbero essere sgombri per potervi appoggiare comodamente i generi alimentari o altre cose.

● Il pavimento della cucina dovrebbe essere antiscivolo e non avere una superficie troppo riflettente.

● Fate in modo che le cose che mettete nella dispensa siano a un’altezza ragionevole così da prenderle senza bisogno di aiuto. Se possibile evitate di usare scalette o sgabelli e non salite mai sulle sedie.

Consigli generali

● Mettete luci notturne nel percorso dalla camera da letto al bagno e in altre stanze dove potreste dover andare di notte.

● Di notte, quando non si è completamente svegli e si hanno i riflessi intorpiditi, sarebbe utile usare un bastone o un deambulatore.

● Le sedie dovrebbero sempre essere stabili (senza ruote), avere i braccioli ed essere dell’altezza giusta per permettere di sedersi e alzarsi agevolmente.

 ● Per evitare di inciampare fate riparare, sostituire o rimuovere i tappeti sfrangiati, il linoleum rialzato o le mattonelle rotte. Controllate che i cavi elettrici siano stesi lungo le pareti e non intralcino il cammino.

● I tappeti possono far inciampare. Dove c’è la moquette sarebbe meglio toglierli, mentre sulle mattonelle o sul parquet è bene renderli stabili mettendovi sotto un tappetino antiscivolo.

● Non usate pantofole sformate, aperte dietro o con suole lisce. E non portate scarpe o sandali con tacchi alti.

● Alcuni farmaci hanno particolari effetti collaterali. Se dopo aver assunto un certo farmaco vi sentite svenire o avete difficoltà a mantenere l’equilibrio consultate il medico. Potrebbe modificare il dosaggio o prescrivervi un farmaco diverso.

Se vi accorgete che è necessario qualche cambiamento e non siete in grado di occuparvene da soli chiedete aiuto a un familiare, a un amico o a qualcuno che si occupa della manutenzione dell’edificio. Non procrastinate.

Cosa possono fare gli altri

Se avete nonni, genitori o amici anziani, cosa potete fare per aiutarli a prevenire cadute potenzialmente pericolose? Innanzi tutto potreste offrirvi di rivedere con loro i consigli appena menzionati e di aiutarli a fare eventuali modifiche. Potreste preparare per loro un pasto sano una o due volte alla settimana, a seconda delle necessità. Visto che gli anziani hanno anche bisogno di regolare esercizio fisico, perché non li portate a fare una passeggiata, forse mentre svolgete le vostre attività? Molti anziani sarebbero contenti di uscire di casa se avessero una persona di fiducia che li accompagnasse. In alcuni paesi lo Stato offre servizi quali assistenza sociale, fisioterapia, ergoterapia e consulenze per rendere sicura la casa. Il vostro medico potrà darvi maggiori informazioni su questi servizi.

Il nostro Creatore, definito “l’Antico di Giorni”, richiede che mostriamo rispetto per gli anziani, specialmente se sono i nostri genitori. (Daniele 7:9) Dà questo comando: “Onora tuo padre e tua madre”. (Esodo 20:12) Dice anche: “Ti devi levare davanti ai capelli grigi, e devi mostrare considerazione per la persona del vecchio, e devi aver timore del tuo Dio”. (Levitico 19:32) Chi rispetta le persone anziane dimostra di avere un sano timore di Dio. Quando a loro volta gli anziani sono sinceramente riconoscenti per l’aiuto che ricevono si conquistano l’amore e il rispetto degli altri. Allora assisterli non è un dovere, è un piacere.

[Nota in calce]

^ par. 7 Il numero di Svegliatevi! del 22 maggio 2005 approfondiva i benefìci della regolare attività fisica.

[Riquadro/Illustrazioni a pagina 15]

UN DISPOSITIVO PER LE EMERGENZE

In certi paesi gli anziani possono procurarsi un piccolo dispositivo elettronico da usare per le emergenze, come nel caso di una brutta caduta. Semplicemente premendo un pulsante è possibile richiedere assistenza. Questi dispositivi si possono portare al collo o al polso. Se nella vostra zona questo servizio è disponibile e magari vivete soli, potreste prendere in considerazione la possibilità di avvalervene.