Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Svegliatevi!  |  febbraio 2011

Chi si nasconde dietro l’occulto?

Chi si nasconde dietro l’occulto?

 Chi si nasconde dietro l’occulto?

LA BIBBIA dice che “Dio è luce e che unitamente a lui non ci sono tenebre alcune”. (1 Giovanni 1:5) Questo vale soprattutto in senso spirituale. Pertanto, è possibile che dietro l’occulto ci sia il vero Dio? Oppure vi è implicata una forza sinistra?

Fra le pratiche occulte ci sono prevalentemente divinazione e spiritismo, che includono astrologia, numerologia, chiromanzia e stregoneria, nonché comunicare con i “morti” e fare sortilegi. Queste pratiche hanno una lunga storia alle spalle, che risale perlopiù all’antica Babilonia, le cui rovine si trovano in Iraq. (Isaia 47:1, 12, 13) Da Babilonia le pratiche occulte si diffusero in tutto il mondo antico e divennero intrinsecamente legate a molte culture e civiltà.

Consideriamo un episodio che si verificò nella città di Filippi, nell’antica Macedonia. Là un piccolo gruppo di ministri cristiani, tra cui c’erano l’apostolo Paolo e il medico Luca, si imbatté in una ragazza che aveva poteri occulti. Notate come lo stesso Luca svelò la misteriosa fonte di quei poteri: “Una serva con  uno spirito, un demonio di divinazione, ci venne incontro. Essa forniva ai suoi signori molto guadagno praticando l’arte della predizione”. — Atti 16:16-18.

In effetti i poteri di quella ragazza non venivano dal vero Dio, Geova, ma da un demonio, uno spirito malvagio. Per questo Paolo e i suoi compagni si rifiutarono di ascoltarla. Forse ora vi chiedete chi sono e da dove vengono i demoni. Ancora una volta è la Bibbia a rispondere.

Chi sono i demoni?

Molto tempo prima di creare l’uomo, Geova diede origine in cielo a un numero imprecisato di “figli”, creature spirituali intelligenti. (Giobbe 38:4, 7) Anche loro, come gli esseri umani, furono dotati di libero arbitrio e per molto tempo rimasero leali a Dio. Ma quella situazione idilliaca ebbe bruscamente fine. Come mai?

Dopo che Dio ebbe creato l’uomo, un essere spirituale iniziò a bramare qualcosa a cui non aveva diritto: l’adorazione. Servendosi di un serpente, un po’ come un ventriloquo si servirebbe di un pupazzo, questo angelo malvagio indusse subdolamente la prima donna, Eva, a disubbidire al Creatore. (Genesi 3:1-6) La Bibbia definisce questo angelo ribelle “l’originale serpente, colui che è chiamato Diavolo e Satana”. (Rivelazione [Apocalisse] 12:9) Gesù disse che era “un omicida”, e aggiunse: “Non si attenne alla verità . . . Quando dice la menzogna, parla secondo la propria disposizione, perché è un bugiardo e il padre della menzogna”. — Giovanni 8:44.

Col tempo altri “figli [spirituali] del vero Dio” si unirono a Satana nella ribellione. (Genesi 6:1, 2) In seguito si parla di loro come di “angeli che peccarono” e “angeli che non mantennero la loro posizione originale ma abbandonarono il proprio luogo di dimora”, cioè il luogo che Dio aveva assegnato loro in cielo. (2 Pietro 2:4; Giuda 6) Vennero chiamati demoni. (Giacomo 2:19) Sono decisi ad allontanare il maggior numero possibile di esseri umani dalla vera adorazione, come fecero con molti israeliti dei tempi biblici. (Deuteronomio 32:16, 17) In modo simile, oggi come in passato Satana e i demoni si servono astutamente di false credenze religiose. — 2 Corinti 11:14, 15.

Proteggetevi

Anche se gli spiriti malvagi hanno poteri sovrumani, con l’aiuto di Dio possiamo ‘prendere la nostra determinazione contro di loro’ e avere la meglio. (1 Pietro 5:9) Per ricevere questo aiuto, però, dobbiamo sapere cosa richiede Dio da noi e agire di conseguenza. Rivolgendosi ai cristiani dei suoi giorni, l’apostolo Paolo scrisse: “Non abbiamo cessato di pregare per voi e di chiedere che siate pieni dell’accurata conoscenza della sua volontà in ogni sapienza e discernimento spirituale, per camminare in modo degno di Geova al fine di piacergli pienamente”. — Colossesi 1:9, 10.

Fra coloro che acquisirono questa “accurata conoscenza” c’erano diversi della città di Efeso che praticavano le arti occulte. Notate come la conoscenza della verità influì su di  loro. La Bibbia dice: “Un gran numero di quelli che avevano praticato le arti magiche misero insieme i loro libri e li bruciarono davanti a tutti”. Tra l’altro quei libri valevano “cinquantamila pezzi d’argento”, una bella somma. (Atti 19:17-19) Questo esempio di intrepidezza è stato preservato a nostro beneficio. — 2 Timoteo 3:16.

Princìpi che possono proteggervi

Ci sono altre cose che potete fare per difendervi dai demoni. Ecco alcuni versetti biblici pertinenti.

“Non credete ad ogni espressione ispirata, ma provate le espressioni ispirate per vedere se hanno origine da Dio”. (1 Giovanni 4:1) Alcune affermazioni fatte da astrologi, sensitivi, medium e stregoni potrebbero in effetti essere vere. Per esempio la ragazza indemoniata di Filippi disse la verità quando si rivolse a Paolo e ai suoi compagni con queste parole: “Questi uomini sono schiavi dell’Iddio Altissimo, che vi proclamano la via della salvezza”. (Atti 16:17) Tuttavia Paolo e i suoi compagni non la vollero con loro. Anzi, Paolo ordinò allo spirito malvagio di uscire da lei. Pertanto verificate l’attendibilità di ciò che viene detto in materia di religione confrontandolo con quello che dice la Bibbia. — Atti 17:11.

“Sottoponetevi perciò a Dio; ma opponetevi al Diavolo, ed egli fuggirà da voi”. (Giacomo 4:7) I demoni sono nemici di Dio e anche vostri. Non fatevi nemmeno incuriosire dal loro mondo oscuro. Sottomettetevi invece a Dio prestando ascolto ai suoi amorevoli comandamenti, che non sono gravosi. (1 Giovanni 5:3) Per esempio Dio disse all’antica nazione di Israele: “Non si deve trovare in te alcuno . . . che usi la divinazione, né praticante di magia né alcuno che cerchi presagi né stregone, né chi leghi altri con una malia né alcuno che consulti un medium spiritico né chi per mestiere predìca gli avvenimenti né alcuno che interroghi i morti. Poiché chiunque fa queste cose è detestabile a Geova”. (Deuteronomio 18:10-12) Il punto di vista di Dio non è cambiato. — Galati 5:19, 20.

“Non c’è nessun sinistro incantesimo contro [i servitori di Geova]”. (Numeri 23:23) Tutti quelli che desiderano piacere a Dio non hanno motivo di temere i demoni. Infatti questi spiriti malvagi “rabbrividiscono” davanti a Dio, consapevoli del suo immenso potere, che alla fine egli userà per annientarli. (Giacomo 2:19) Dio ‘mostra la sua forza a favore di quelli il cui cuore è completo verso di lui’ e “non permetterà mai che il giusto vacilli”. — 2 Cronache 16:9; Salmo 55:22.

“I viventi sono consci che moriranno; ma in quanto ai morti, non sono consci di nulla”. (Ecclesiaste 9:5) La Parola di Dio insegna che i morti sono semplicemente morti. Non dovremmo aver paura di loro, perché non possono fare del male a nessuno. (Isaia 26:14) Per ingannare le persone, a volte i demoni si fingono spiriti dei morti, il che spiega perché alcuni riscontrano che lo “spirito” di una persona buona non rispecchia affatto la persona che conoscevano.

“Non potete partecipare alla ‘tavola di Geova’ e alla tavola dei demoni”. (1 Corinti 10:21, 22) Tutti quelli che amano veramente Geova staranno alla larga da libri, film e videogiochi che si basano sull’occulto o promuovono pratiche e credenze occulte. * Salmo 101:3 dice: “Non porrò di fronte ai miei occhi nessuna cosa buona a nulla”. Inoltre i divertimenti legati all’occulto sono spesso infarciti di violenza e immoralità, che ‘chi ama Geova’ ripudia. — Salmo 97:10.

I demoni hanno sempre cercato di nascondere la loro vera natura, ma non sono riusciti del tutto nel loro intento. Tramite la Bibbia, Geova li ha smascherati facendo emergere quello che sono veramente: perfidi bugiardi e spietati nemici dell’umanità. Che differenza con il nostro Creatore, Geova Dio! Come mostra il prossimo articolo, egli ci ama, ci dice sempre la verità e desidera che viviamo felici per sempre. — Giovanni 3:16; 17:17.

[Nota in calce]

^ par. 19 La sensibilità della coscienza varia a seconda del retaggio religioso e della maturità spirituale. La cosa importante è mantenere la coscienza pulita davanti a Dio e non turbare quella degli altri, inclusi i propri familiari. Romani 14:10, 12 dice: “Tutti compariremo davanti al tribunale di Dio”.