Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Testimoni di Geova

Italiano

Svegliatevi!  |  gennaio 2010

  Il punto di vista biblico

Che cos’è il Giorno del Giudizio?

Che cos’è il Giorno del Giudizio?

La Bibbia dice che Dio “ha stabilito un giorno in cui si propone di giudicare la terra abitata”. (Atti 17:31) A molti non piace l’idea di dover subire un giudizio. La pensate così anche voi?

IN TAL caso vi farà piacere sapere che il Giorno del Giudizio è un provvedimento amorevole che recherà grandi benedizioni all’umanità, anche a coloro che sono morti. (Matteo 20:28; Giovanni 3:16) Perché il Giorno del Giudizio è necessario? Cosa succederà effettivamente in quel “giorno”?

Il Giorno del Giudizio: perché è necessario?

Quando creò gli esseri umani, Dio non li pose sulla terra con l’intento di metterli alla prova per capire se erano idonei per la vita in un altro mondo. Li creò perché vivessero sulla terra per sempre. Pur essendo perfetti sul piano fisico e mentale, i primi due esseri umani si ribellarono a Dio. Di conseguenza persero la prospettiva della vita eterna e condannarono al peccato e alla morte tutti i loro discendenti. — Genesi 2:15-17; Romani 5:12.

Il Giorno del Giudizio sarà un periodo di mille anni durante il quale gli uomini avranno l’opportunità di riottenere quello che Adamo ed Eva avevano perso. * Notate che nel brano di Atti 17:31, riportato sopra, si legge che il Giorno del Giudizio riguarderà quelli che vivono sulla “terra abitata”. Coloro che riceveranno un giudizio favorevole vivranno per sempre sulla terra in condizioni perfette. (Rivelazione [Apocalisse] 21:3, 4) Quindi il Giorno del Giudizio contribuirà alla realizzazione del proposito originale di Dio per gli esseri umani e la terra.

Il Giudice nominato da Dio è Cristo Gesù. La Bibbia dice che egli ‘giudicherà i vivi e i morti’. (2 Timoteo 4:1) Chi sono “i vivi” che verranno giudicati? E in che modo i morti torneranno in vita sulla “terra abitata”?

Gesù giudica “i vivi”

Siamo ormai prossimi alla predetta fine del presente sistema di cose, quando Dio distruggerà tutti gli elementi della società umana corrotta  ed eliminerà i malvagi. “I vivi” che saranno giudicati sono coloro che sopravvivranno alla fine di questo sistema. — Rivelazione 7:9-14; 19:11-16.

In quel tempo di giudizio, che durerà mille anni, Cristo Gesù governerà sulla terra insieme a 144.000 uomini e donne risuscitati alla vita celeste. Essi serviranno quali re e sacerdoti, applicando i benefìci del sacrificio di riscatto di Gesù ed elevando gradualmente gli esseri umani fedeli alla perfezione fisica e mentale. — Rivelazione 5:10; 14:1-4; 20:4-6.

Durante il Giorno del Giudizio, a Satana e ai demoni verrà impedito di influire sulle attività umane. (Rivelazione 20:1-3) Tuttavia alla fine di tale giorno Satana potrà mettere alla prova la lealtà di ogni essere umano. Quelli che rimarranno leali a Dio avranno superato la prova che Adamo ed Eva non superarono. Saranno ritenuti degni di ricevere la vita eterna nel Paradiso ripristinato sulla terra. Chi deciderà di ribellarsi a Dio sarà distrutto in modo definitivo, proprio come Satana e i demoni. — Rivelazione 20:7-9.

Giudicati “i morti”

La Bibbia afferma che nel Giorno del Giudizio i morti “sorgeranno”. (Matteo 12:41) Gesù disse che “l’ora viene in cui tutti quelli che sono nelle tombe commemorative udranno la sua voce e ne verranno fuori, quelli che hanno fatto cose buone a una risurrezione di vita, quelli che hanno praticato cose vili a una risurrezione di giudizio”. (Giovanni 5:28, 29) Qui non si fa riferimento ad anime disincarnate di persone morte. I morti sono del tutto inconsci e non hanno un’anima che continua a vivere altrove. (Ecclesiaste 9:5; Giovanni 11:11-14, 23, 24) Gesù riporterà in vita sulla terra quelli che si sono addormentati nella morte.

Sotto il dominio di Cristo i morti verranno risuscitati su una terra paradisiaca

I risuscitati verranno forse giudicati sulla base delle opere compiute prima di morire? No. La Bibbia insegna che “colui che è morto è stato assolto dal suo peccato”. (Romani 6:7) Quindi, proprio come quelli che sopravvivranno alla fine di questo sistema, coloro che verranno risuscitati alla vita sulla terra saranno giudicati “secondo le loro opere”, le opere compiute durante il Giorno del Giudizio. (Rivelazione 20:12, 13) Saranno le loro azioni a determinare infine se la risurrezione significherà per loro vita eterna o distruzione. Molti di quelli che verranno risuscitati acquisteranno per la prima volta conoscenza di Geova Dio e dei requisiti da lui stabiliti per ottenere la vita. Avranno l’opportunità di vivere in armonia con la volontà divina e di ricevere la vita eterna sulla terra.

Nessuna ragione di avere timore

Il Giorno del Giudizio non sarà solo un periodo in cui Dio darà istruzioni; in quel tempo chi sarà in vita potrà applicare ciò che imparerà e goderne i benefìci. Immaginate la gioia di riabbracciare i vostri cari ritornati in vita e di raggiungere la perfezione insieme a loro!

Immaginate la gioia di riabbracciare i vostri cari ritornati in vita

Alla fine del Giorno del Giudizio, Dio permetterà a Satana di mettere alla prova la lealtà delle creature umane. Ma non c’è nessuna ragione di avere timore o di essere in ansia. Quando arriverà la fine del Giorno del Giudizio tutti saranno pienamente preparati per la prova finale. Il Giorno del Giudizio rientrerà quindi nella realizzazione del proposito di Dio di eliminare gli effetti della ribellione originale avvenuta contro di lui nel giardino di Eden.

^ par. 7 Nella Bibbia la parola “giorno” può indicare unità di tempo di varia durata. Vedi per esempio Genesi 2:4.