Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Svegliatevi!  |  1992-08-08

Uno sguardo al mondo

Uno sguardo al mondo

 Uno sguardo al mondo

Ecclesiastici e abusi sessuali

La televisione nazionale australiana ha trasmesso di recente un documentario intitolato “Il più grande tradimento”. In esso si asseriva che il 15 per cento degli ecclesiastici australiani avevano commesso reati di natura sessuale, che andavano dalle molestie ai bambini allo stupro di parrocchiane. Nel giro di poche ore dalla trasmissione, diversi centri istituiti per assistere le vittime di aggressioni sessuali furono inondati da telefonate di persone che dicevano di avere subìto aggressioni di questo tipo. Molti che chiamavano dicevano di aver tenuto nascosta la cosa per molti anni. Una donna disse che parlava di ciò che aveva subìto da bambina per la prima volta dopo 40 anni! Un’altra disse che quando era bambina il sacerdote abusò di lei e poi la minacciò dicendole che sarebbe andata all’inferno se avesse osato dirlo a qualcuno. Portavoce di diversi gruppi religiosi hanno contestato la percentuale del 15 per cento ma hanno ammesso che la cattiva condotta sessuale degli ecclesiastici era un grosso problema.

I bambini preferiscono la TV

La maggior parte dei bambini ritiene che leggere libri sia troppo faticoso. Questa è la conclusione a cui è giunto uno studio che la rivista tedesca Eltern ha condotto su 1.960 studenti di età compresa fra gli 8 e i 15 anni. La maggioranza preferiva guardare la televisione. Commentando questo studio, il quotidiano Schweinfurter Tagblatt affermava che il 64 per cento degli studenti prediligeva la TV e che la cosa che i bambini leggono più volentieri è la guida ai programmi televisivi. Un 14enne ha ipotizzato che guardare la TV dev’essere una capacità naturale innata negli esseri umani, mentre leggere è un processo complicato che si deve imparare.

Diminuiscono le razze degli animali d’allevamento

Molte specie di animali domestici d’allevamento rischiano l’estinzione, dice il quotidiano parigino Le Figaro. Dall’inizio del secolo si sono estinte metà delle specie europee di animali d’allevamento, e un terzo delle specie rimaste potrebbe scomparire fra breve. Le moderne tecniche di allevamento tendono a selezionare razze di bestiame che danno il massimo rendimento, e quindi il massimo guadagno. La stessa tendenza prevale anche nei paesi in via di sviluppo. Di conseguenza, man mano che si permette che varie razze di bovini, suini e polli si estinguano, la produzione alimentare mondiale viene a dipendere in misura sempre maggiore da un numero sempre più esiguo di specie animali. Gli scienziati ora temono che questa perdita di diversità genetica aumenti di molto il pericolo che una nuova malattia possa spazzare via buona parte del bestiame mondiale.

Il canto di un uccello estinto

Recentemente, con l’ausilio di un computer e un sintetizzatore, è stato riprodotto artificialmente il canto dell’huia, un uccello neozelandese. Se si tiene conto del fatto che l’huia si estinse nel 1907, questo risultato è sorprendente. Secondo il Times di Londra, David Hindley ha trovato alcune registrazioni di un maori, Henare Hemana, imitatore dell’huia. Nel 1954, anno in cui furono fatte le registrazioni, Hemana aveva 80 anni ma era in grado di fischiare a memoria “un incredibile repertorio di richiami dell’huia”. In seguito la versione di Hemana fu confermata quando si scoprirono altre imitazioni registrate del canto di questo uccello. Sulla scorta di queste registrazioni e di informazioni raccolte da diversi testi, Hindley potrebbe aver composto un canto che un esemplare di huia ha cantato per l’ultima volta 85 anni fa.

Violenza sessuale in Sudafrica

“Il Sudafrica è uno dei luoghi più violenti della terra”, ha osservato il Sunday Star Review di Johannesburg. Un reato violento che sta destando l’interesse internazionale è lo stupro. In Sudafrica vengono denunciati ogni anno, in media, 23.000 casi di stupro. Secondo le stime, però, “viene denunciato solo un caso su 36”. Molto spesso lo stupratore è un uomo che conosce la sua vittima, come il marito, un parente o un amico. Il Sunday Star Review osservava che “secondo uno studio sulla violenza condotto da Lloyd Vogelman, dell’Università del Witwatersrand, in Sudafrica una donna su due prima o poi verrà violentata”.

Frodi con le carte di credito

L’Associazione banchieri canadesi (CBA) riferisce che negli scorsi due anni in Canada le frodi con le carte di credito sono più che raddoppiate, e continuano ad aumentare. Paul Facciol, presidente della sottocommissione carte di credito della CBA, ha osservato che ‘la maggior parte delle perdite è dovuta a carte di credito smarrite o rubate’. Secondo il Globe and Mail, “l’anno scorso le carte di credito rubate, false o falsificate sono costate alle due principali società, la Visa e la Mastercard, oltre 46 milioni di dollari [canadesi]: circa  14 volte più dei 3,3 milioni di dollari persi in tutte le rapine alle banche”.

Secchi pericolosi

“In media, ogni due settimane circa, un bambino cade in un grosso secchio pieno d’acqua o di qualche altro liquido e annega”, afferma Don Barkas, del corpo dei vigili del fuoco di Santa Barbara, in California. Un articolo apparso nel California Fire Service menzionava in particolare i secchi da 20 litri, che sono molto diffusi e vengono adibiti a usi diversi. A quanto pare, un bambino incustodito potrebbe arrampicarsi fino all’orlo del secchio, sporgersi per giocare e quindi caderci dentro. Quand’è pieno fino all’orlo, o anche solo in parte, il secchio pesa più di un bambino di 8-12 mesi. L’articolo afferma che negli ultimi 7 anni negli Stati Uniti oltre 200 bambini piccoli sono annegati dopo essere caduti in secchi pieni di qualche liquido.

Aumenta la popolazione mondiale

Il Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione ha pubblicato recentemente le sue ultime stime relative alla crescita della popolazione mondiale. Secondo il New York Times, “le nuove proiezioni indicano che nel mondo si aggiungeranno 97 milioni di persone all’anno sino alla fine del secolo e poi 90 milioni all’anno sino al 2025”. Il 97 per cento di questo incremento demografico dovrebbe avvenire nei paesi in via di sviluppo. Tale aumento della popolazione costituisce una seria minaccia per la qualità della vita umana. “Il rapporto avvertiva che questi tassi di incremento si tradurranno in un maggior numero di poveri e di affamati, un maggior flusso migratorio verso le città e i paesi più ricchi e ulteriori pressioni sulle scorte mondiali di cibo, acqua e altre risorse naturali”, osservava il Times. Ci si aspetta che la popolazione mondiale, che attualmente è di 5 miliardi e mezzo di persone, tocchi i 10 miliardi circa nel 2050.

La moda può far male

“I danni fisici provocati dalla moda non sono una novità”, ha osservato Barbara Schreier, esperta di storia del costume. Cosa intendeva dire? Secondo la rivista In Health, un rapporto del National Safety Council ha rivelato che in un solo anno negli Stati Uniti “102.397 persone hanno riportato lesioni fisiche provocate da capi di abbigliamento e 43.868 sono rimaste impigliate oppure si sono ferite o trafitte a causa dei gioielli che indossavano”. Portare borse pesanti ha provocato danni ai muscoli della spalla e del collo. Naturalmente, i dati citati sopra si riferiscono solo ai casi in cui è stata chiesta assistenza medica.

Schiavitù oggi

In genere si pensa che il problema dello schiavismo sia stato risolto nel XIX secolo. Una recente indagine condotta dalla rivista Newsweek, però, “fa pensare che i casi di servitù involontaria si contino a milioni”. Secondo l’organizzazione britannica Anti-Slavery International, in tutto il mondo ci sono più di 100 milioni di persone ridotte in schiavitù. Questa gente viene considerata come una proprietà e viene costretta ai lavori forzati in luoghi come Antille, Medio Oriente, Africa e Asia. “Molti vengono picchiati regolarmente per ridurli all’ubbidienza”, osserva Newsweek. Si dice che alcuni lavoratori vengano marchiati a fuoco. In qualche luogo alcuni uomini si guadagnano da vivere facendo i mercanti di schiavi, e sono specializzati nel rapire e vendere giovani donne. In un paese il “cambio attuale” per una ragazza è di sei mucche.

AIDS in Brasile

Il dott. Luís Alberto Pelegrino Ferreira, virologo brasiliano, ha osservato di recente che nello stato di Santa Catarina il 42 per cento dei malati di AIDS ha un’età compresa tra i 20 e i 29 anni. Egli ha affermato che l’alta incidenza dell’AIDS tra i giovani adulti “ci porta a concludere che il contagio è avvenuto quando queste persone avevano un’età compresa tra i 15 e i 19 anni”. È ovvio che la promiscuità sessuale in età precoce ha contribuito a questa triste situazione. Tuttavia è ampiamente riconosciuto che il virus HIV si può trasmettere anche mediante le trasfusioni di sangue. Il quotidiano O Estado de S. Paulo riferisce che sei emofilici, membri della stessa famiglia, sono stati tutti contagiati dall’HIV attraverso trasfusioni di sangue contaminato.

Un mondo bellicoso

Di recente, per descrivere il mutato clima politico mondiale, si è parlato molto di “nuovo ordine mondiale”. Questa espressione spesso ha una connotazione positiva, in quanto collega questa nuova serie di circostanze con la possibilità di raggiungere la pace mondiale. Tuttavia, sotto il titolo “Il nuovo ordine mondiale” la rivista Asiaweek ha elencato di recente oltre 100 nazioni, presentando un quadro più realistico della situazione mondiale. Le nazioni erano elencate a seconda delle dimensioni del loro esercito. In cima alla lista c’era la Cina, con un esercito di 2.300.000 uomini. Seguivano India e Corea del Nord, ciascuna con 1.000.000 di soldati circa. Una trentina di paesi vantano un numero di soldati con sei cifre. In fondo all’elenco c’era il Burkina Faso con un esercito di 7.000 uomini. Il totale di tutti gli eserciti elencati da Asiaweek supera i 15.000.000 di soldati!