Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Chi sta facendo la volontà di Geova oggi?

 LEZIONE 18

Come aiutiamo i fratelli colpiti da un disastro naturale?

Come aiutiamo i fratelli colpiti da un disastro naturale?

Repubblica Dominicana

Giappone

Haiti

Quando si verifica una calamità naturale i Testimoni di Geova organizzano immediatamente operazioni di soccorso a favore dei fratelli della zona colpita. Queste iniziative dimostrano la sincerità dell’amore che nutriamo gli uni per gli altri (Giovanni 13:34, 35; 1 Giovanni 3:17, 18). In quali modi diamo il nostro aiuto?

Contribuiamo economicamente. Nel I secolo, quando in Giudea ci fu una grande carestia, i cristiani di Antiochia inviarono denaro per aiutare i fratelli (Atti 11:27-30). Anche oggi se veniamo a sapere che i fratelli in una parte del mondo sono in grave difficoltà inviamo denaro tramite la nostra congregazione per fornire loro il necessario in senso materiale (2 Corinti 8:13-15).

Provvediamo aiuto pratico. Gli anziani della zona in cui si è abbattuta una calamità si mettono in contatto con ogni componente della congregazione per assicurarsi che tutti stiano bene. Un comitato di soccorso può coordinare la distribuzione di cibo, acqua potabile, indumenti, alloggi, nonché l’assistenza medica. Molti Testimoni con delle specializzazioni utili si recano volontariamente e a proprie spese nella zona disastrata e partecipano alle operazioni di soccorso o ai lavori di riparazione di case e Sale del Regno danneggiate. L’unità che caratterizza la nostra organizzazione e l’esperienza che abbiamo acquisito nel lavorare insieme ci permettono di attivarci prontamente di fronte a un’emergenza. Anche se aiutiamo in primo luogo “quelli che hanno relazione con noi nella fede”, quando è possibile diamo una mano anche ad altri, indipendentemente dalla loro religione (Galati 6:10).

Diamo sostegno spirituale ed emotivo. Chi è stato colpito da un disastro ha particolare bisogno di conforto. In tali circostanze traiamo forza da Geova, “l’Iddio di ogni conforto” (2 Corinti 1:3, 4). Ci fa piacere parlare delle promesse bibliche con le persone delle comunità colpite e assicurare loro che presto il Regno di Dio porrà fine a tutte le disgrazie che causano dolore e sofferenze (Rivelazione 21:4).

  • Cosa permette ai Testimoni di attivarsi prontamente quando si verifica una calamità naturale?

  • Che tipo di conforto diamo a chi è stato colpito da un disastro?

Per saperne di più

NEWS

Giappone: un anno dopo si ricomincia a vivere

I Testimoni di Geova continuano a dare aiuti umanitari e sostegno ai sopravvissuti al terremoto.

AIUTO ALLA COLLETTIVITÀ

Soccorsi dopo l’uragano Sandy: amore all’opera

Ecco cosa hanno fatto i Testimoni di Geova per aiutare i loro compagni di fede e altre persone colpite dall’uragano.