Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La vera fede, il segreto per una vita felice

 SEZIONE 10

Smascherato il nemico della fede

Smascherato il nemico della fede

MOLTO tempo prima di fare la terra, Geova Dio creò gli angeli nei cieli. A un certo punto, però, un angelo cominciò a desiderare l’adorazione che spetta giustamente solo a Dio. Spinto da tale desiderio, fece di se stesso Satana, che significa “oppositore”, cioè uno che fa resistenza a Dio. In che modo Satana agì in opposizione a Dio?

Satana si servì di un serpente per sviare Eva

Parlando per mezzo di un serpente, Satana ingannò Eva inducendola a disubbidire a Dio. Sottintese astutamente che, vietandole di mangiare il frutto di un particolare albero, Geova Dio la stava privando di qualcosa di buono. Sfacciatamente definì Dio un bugiardo e insinuò che Eva dovesse respingere la Sua guida, dicendo: “Dio sa che nel medesimo giorno in cui ne mangerete i vostri occhi davvero si apriranno e voi sarete davvero simili a Dio, conoscendo il bene e il male”. (Genesi 3:5) Stoltamente Eva credette alle menzogne di Satana. Infranse la legge di Dio e spinse Adamo a fare la stessa cosa. Da allora Satana è il nemico di tutti quelli che hanno vera fede. E continua tuttora a ingannare le persone. In quali modi?

Si diffonde una fede corrotta

Satana si è servito dell’idolatria e delle tradizioni umane per sviare le persone

Satana usò l’idolatria e le tradizioni umane per sviare i figli di Israele. Gesù, il Messia, disse ai loro capi religiosi che, poiché insegnavano “come dottrine comandi di uomini”, la loro adorazione era vana. (Matteo 15:9) Quando rigettò il Messia, quella nazione fu rigettata da Dio. Gesù disse: “Il regno di Dio vi sarà tolto e sarà dato a una nazione che ne produca i frutti”. (Matteo 21:43) Pertanto i seguaci di Gesù divennero il popolo che godeva del favore di Dio.

Satana quindi agì per sviare i seguaci di Gesù. Ci riuscì? Con una parabola profetica Gesù predisse ciò che sarebbe successo. Parlò di un uomo che seminò grano eccellente in un campo. Poi un nemico seminò zizzanie in mezzo al grano. Il grano e le zizzanie vennero lasciati crescere insieme fino alla mietitura. Quindi le zizzanie vennero separate dal grano e distrutte. Il grano invece venne radunato nei depositi del proprietario.

Gesù spiegò ai suoi discepoli il significato della parabola. Lui stesso è il Seminatore. “In quanto al seme eccellente”, continuò, “questi sono i figli del regno; ma le zizzanie sono i figli del malvagio, e il nemico che le seminò è il Diavolo. La mietitura è il termine di un sistema di cose, e i mietitori sono gli angeli”. (Matteo 13:38, 39) Gesù paragonò i suoi veri discepoli al grano. Ma Satana seminò falsi discepoli, come zizzanie, in mezzo a questi veri discepoli di Gesù. Fu così che, come predetto da Gesù, nei secoli successivi alla sua morte comparvero falsi discepoli. Questi promossero insegnamenti apostati, come la Trinità, cioè l’idea che ci siano tre persone in un unico Dio. I falsi discepoli iniziarono anche a praticare l’idolatria e a immischiarsi nella politica. Solo pochi rimasero fedeli agli insegnamenti di Gesù.

 Preservata la vera fede

Comunque, come spiegò Gesù, a un certo punto ci sarebbe stato un cambiamento. Gli angeli di Dio avrebbero separato quelli privi di vera fede, riservandoli alla distruzione. In questo modo sarebbe stato più facile identificare quelli che hanno vera fede. Infine sarebbe stato distrutto anche Satana il Diavolo, l’originale nemico della fede. La vera fede avrebbe così trionfato!

Ma come si possono identificare oggi coloro che hanno vera fede? Di seguito esamineremo la risposta a questa domanda.

Gli angeli di Dio sono alla ricerca di persone che desiderano avere vera fede