Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Il mio libro di racconti biblici

 RACCONTO 111

Un ragazzo che si addormentò

Un ragazzo che si addormentò

COS’È accaduto a quel ragazzo? È forse gravemente ferito? Ecco, uno degli uomini che escono dalla casa è Paolo! Hai notato? C’è anche Timoteo. Il ragazzo è forse caduto dalla finestra?

Sì, proprio così! Paolo stava tenendo un discorso ai discepoli qui a Troas. Sapeva che non li avrebbe rivisti per molto tempo perché doveva partire in nave il giorno dopo. Perciò continuò a parlare fino a mezzanotte.

Questo ragazzo di nome Eutico stava seduto sulla finestra, al terzo piano della casa. Essendosi addormentato, cadde giù dalla finestra. Puoi quindi capire perché sembrano tutti così preoccupati. Quando vanno a raccogliere il ragazzo, lo trovano morto, proprio come temevano!

Vedendo che il ragazzo è morto, Paolo si stende su di lui e lo abbraccia. Poi dice: ‘Non vi preoccupate. Sta bene’. Ed è vero! Questo è un miracolo! Paolo lo ha riportato in vita! Un fremito di gioia pervade la folla.

Tornano tutti di sopra e prendono un pasto. Paolo continua a parlare fino all’alba. Ma sta pur certo che Eutico non si riaddormenta! Quindi Paolo, Timoteo e quelli che viaggiano con loro salgono sulla nave. Sai dove vanno?

Paolo è al termine del suo terzo viaggio missionario, e sta per tornare a casa. Poiché nella sola città di Efeso Paolo è rimasto tre anni, questo viaggio è durato anche più del secondo.

Dopo aver lasciato Troas, la nave si ferma per un po’ a Mileto. Efeso si trova a pochi chilometri di distanza. Così Paolo manda a chiamare gli anziani della congregazione perché vengano a Mileto, dove può parlare loro per l’ultima volta. Al momento della partenza della nave, come li rattrista vedere Paolo andarsene!

Infine la nave torna a Cesarea. Mentre Paolo sta qui in casa del discepolo Filippo, il profeta Agabo avverte Paolo. Gli dice che quando arriverà a Gerusalemme sarà arrestato. E così accade. Quindi, dopo essere stato due anni in prigione a Cesarea, Paolo è inviato a Roma per essere processato dinanzi a Cesare, l’imperatore romano. Vediamo cosa succede mentre è in viaggio per Roma.