SAI chi è questo piccino? È Gesù. È appena nato in una stalla. La stalla è un luogo in cui si tengono gli animali. Maria sta adagiando Gesù nella mangiatoia, che è il posto in cui si mette il foraggio per gli asini e altri animali. Ma perché Maria e Giuseppe sono qui con gli animali? Questo non è un luogo adatto per dare alla luce un bambino, non è vero?

No, non lo è. Ma ecco perché si trovano qui: l’imperatore romano Cesare Augusto ha richiesto per legge che tutti tornino nella città in cui sono nati per fare scrivere il loro nome in un libro. Ebbene, Giuseppe era nato qui a Betleem. Quando però lui e Maria arrivarono, non trovarono alloggio. Dovettero perciò venire qui, dove stavano gli animali. Quel giorno stesso Maria partorì Gesù! Ma, come vedi, egli sta bene.

Hai notato i pastori che vengono a trovare Gesù? Erano nei campi di notte a badare alle pecore, quando una luce splendente rifulse loro intorno. Era un angelo! I pastori ebbero molto timore. Ma l’angelo disse: ‘Non abbiate timore! Ho una buona notizia per voi. Oggi, a Betleem, è nato Cristo il Signore. Egli salverà il popolo! Lo troverete avvolto in fasce a giacere in una mangiatoia’. Improvvisamente molti angeli vennero e si misero a lodare Dio. Allora i pastori si affrettarono a cercare Gesù, e ora lo hanno trovato.

Sai perché Gesù è una persona così straordinaria? Sai chi è veramente? Ricorda che nel primo racconto di questo libro parlammo del primo Figlio di Dio. Questo Figlio lavorò con Geova nel fare i cieli e la terra e tutte le altre cose. Ebbene, Gesù è proprio lui!

Sì, Geova prese la vita di suo Figlio dal cielo e la mise nel seno di Maria. Subito dentro di lei cominciò a crescere un bambino, proprio come gli altri bambini crescono dentro la loro mamma. Ma questo bambino era il Figlio di Dio, che infine nacque qui in una stalla a Betleem. Comprendi ora perché gli angeli erano felici di annunciare la sua nascita?