UN GIORNO Gesù dice a un uomo che dovrebbe amare il suo prossimo. L’uomo chiede a Gesù: ‘Chi è il mio prossimo?’ Gesù sa cosa pensa quest’uomo. Pensa che il suo prossimo siano solo le persone della sua stessa razza e religione. Vediamo allora che cosa gli dice Gesù.

A volte Gesù insegna raccontando una storia. E ora fa proprio questo. Racconta la storia di un giudeo e un samaritano. Abbiamo già imparato che i giudei non amavano i samaritani. Ed ecco la storia che Gesù racconta:

Un giorno c’era un giudeo che andava a Gerico scendendo per una strada di montagna. Ma fu sorpreso dai ladroni, che gli presero il denaro e lo picchiarono, lasciandolo mezzo morto.

Più tardi passò di lì un sacerdote ebreo. Vide l’uomo malconcio. Cosa pensi che abbia fatto? Attraversò la strada e continuò per la sua via. Poi passò un altro uomo molto religioso. Era un levita. Si fermò? No, neanche lui si fermò ad aiutare il pover’uomo. Puoi vedere il sacerdote e il levita che si allontanano.

Ma guarda chi c’è con l’uomo che è stato picchiato: un samaritano! E sta aiutando il giudeo. Prima gli medica le ferite, poi lo porta in un luogo in cui può riposare e ristabilirsi.

A conclusione della storia, Gesù chiede all’uomo che gli ha fatto la domanda: ‘Chi di questi tre pensi che si sia reso prossimo dell’uomo malmenato? Il sacerdote, il levita o il samaritano?’

L’uomo risponde: ‘Il samaritano, perché è stato buono con l’uomo malmenato’.

Gesù dice: ‘Hai ragione. Va, dunque, e tratta gli altri allo stesso modo’.

Ti piace come insegna Gesù? Possiamo imparare molte cose importanti se ascoltiamo ciò che Gesù dice nella Bibbia, non è vero?