Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Il mio libro di racconti biblici

 RACCONTO 80

Il popolo di Dio esce da Babilonia

Il popolo di Dio esce da Babilonia

SONO passati quasi due anni da quando Babilonia è stata presa dai medi e dai persiani. E guarda ora: gli israeliti escono da Babilonia! Chi li ha liberati, e come?

È stato Ciro, il re di Persia. Molto tempo prima che Ciro nascesse, Geova aveva fatto scrivere questo di lui dal profeta Isaia: ‘Farai esattamente ciò che io desidero. Le porte della città saranno lasciate aperte perché tu possa conquistarla’. E fu proprio Ciro a prendere Babilonia. Di notte i medi e i persiani entrarono nella città attraverso le porte che erano state lasciate aperte.

Ma il profeta di Geova, Isaia, aveva detto anche che Ciro avrebbe dato il comando di ricostruire Gerusalemme e il suo tempio. Diede questo comando? Sì. Ecco cosa dice Ciro agli israeliti: ‘Andate a Gerusalemme a costruire il tempio di Geova vostro Dio’. Ed è proprio ciò che questi israeliti si accingono a fare.

Ma non tutti gli israeliti che sono a Babilonia possono fare il lungo viaggio di ritorno a Gerusalemme. È un viaggio lunghissimo, di circa 800 chilometri, e molti sono troppo anziani o malati per affrontarlo. E ci sono altre ragioni per cui alcuni non partono. Ma a questi Ciro dice: ‘Date argento e oro e altri doni a coloro che tornano a ricostruire Gerusalemme e il suo tempio’.

Perciò agli israeliti che partono per Gerusalemme vengono dati molti doni. Inoltre, Ciro dà loro le scodelle e le coppe che il re Nabucodonosor aveva preso dal tempio di Geova quando distrusse Gerusalemme. Il popolo ha moltissime cose da portare con sé.

Dopo circa quattro mesi di viaggio, gli israeliti arrivano a Gerusalemme proprio in tempo. Sono passati esattamente 70 anni da quando la città fu distrutta e il paese fu lasciato completamente disabitato. Ma anche se gli israeliti sono tornati nel loro paese, li attendono tempi duri, come vedremo.