Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Il mio libro di racconti biblici

 RACCONTO 79

Daniele nella fossa dei leoni

Daniele nella fossa dei leoni

GUARDA! Sembra proprio che Daniele sia in pericolo! Ma i leoni non gli fanno alcun male. Sai perché? Chi ha messo Daniele qui dentro con tutti questi leoni? Cerchiamo di scoprirlo.

Il re di Babilonia è ora un uomo di nome Dario. Dario ha stima di Daniele perché è molto buono e saggio. Sceglie Daniele come alto funzionario del suo regno. Allora altri uomini del reame diventano gelosi di Daniele. Ed ecco cosa fanno.

Vanno da Dario e dicono: ‘Pensiamo che tu, o re, dovresti fare una legge secondo cui per 30 giorni non si dovrà pregare nessun dio o uomo eccetto te, o re. Chiunque disubbidisca, sia gettato ai leoni’. Dario non sa perché questi uomini vogliono che si emani tale legge. Ma l’idea gli piace, e mette la legge per iscritto. Ora la legge non si può cambiare.

Venuto a sapere di questa legge, Daniele va a casa e prega, come ha sempre fatto. Quegli uomini malvagi sapevano che Daniele non avrebbe smesso di pregare Geova. Sono contenti perché pare che il loro piano per sbarazzarsi di Daniele funzioni.

Quando il re Dario scopre perché questi uomini hanno voluto che fosse emanata quella legge, ne è molto dispiaciuto. Ma non può cambiare la legge, perciò deve dare il comando di gettare Daniele nella fossa dei leoni. Ma il re dice a Daniele: ‘Spero che il tuo Dio, che tu servi, ti protegga’.

Dario è così sconvolto che quella notte non riesce a dormire. La mattina dopo corre alla fossa dei leoni. Puoi vederlo lassù che grida: ‘Daniele, servitore dell’Iddio vivente! L’Iddio che tu servi ti ha potuto liberare dai leoni?’

‘Dio ha mandato il suo angelo’, risponde Daniele, ‘a chiudere la bocca dei leoni così che non mi hanno fatto alcun male’.

Il re è molto contento. Comanda che Daniele sia tirato fuori dalla fossa. Poi fa gettare ai leoni gli uomini cattivi che hanno cercato di sbarazzarsi di Daniele. Ancor prima che essi raggiungano il fondo della fossa, i leoni li afferrano e rompono loro le ossa.

Il re Dario scrive poi a tutti i sudditi del suo regno: ‘Ordino che tutti temano l’Iddio di Daniele. Egli fa grandi miracoli. Ha liberato Daniele dalla bocca dei leoni’.