Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Il mio libro di racconti biblici

 RACCONTO 43

Giosuè diviene condottiero

Giosuè diviene condottiero

MOSÈ desidera entrare in Canaan con gli israeliti. Perciò chiede a Geova: ‘Ti prego, Geova, fammi attraversare il fiume Giordano, e fammi vedere il buon paese’. Ma Geova dice: ‘Basta! Non me ne parlare più!’ Sai perché Geova dice questo?

È a causa di ciò che accadde quando Mosè colpì la roccia. Ricorderai che lui e Aaronne non avevano glorificato Geova. Non dissero al popolo che sarebbe stato Geova a dare acqua dalla roccia. Per questa ragione Geova disse che non li avrebbe fatti entrare in Canaan.

Quindi, alcuni mesi dopo la morte di Aaronne, Geova dice a Mosè: ‘Prendi Giosuè e fallo stare davanti al sacerdote Eleazaro e al popolo. E dinanzi a tutti loro di’ che Giosuè è il nuovo condottiero’. Come puoi vedere nella figura, Mosè fa esattamente ciò che Geova dice.

Poi Geova dice a Giosuè: ‘Sii forte, e non temere. Condurrai gli israeliti nel paese di Canaan, che ho promesso loro, e io sarò con te’.

In seguito Geova dice a Mosè di salire in cima al monte Nebo nel paese di Moab. Da lassù Mosè può guardare oltre il fiume Giordano e vedere il bel paese di Canaan. Geova dice: ‘Questo è il paese che ho promesso di dare ai figli di Abraamo, Isacco e Giacobbe. Te l’ho fatto vedere, ma non ti permetterò di entrarvi’.

Lassù in cima al monte Nebo Mosè muore. Aveva 120 anni. Era ancora forte, e la sua vista era ancora buona. Il popolo è molto triste e piange la morte di Mosè. Ma è felice di avere Giosuè come nuovo condottiero.