Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Il mio libro di racconti biblici

 RACCONTO 21

Giuseppe odiato dai suoi fratelli

Giuseppe odiato dai suoi fratelli

GUARDA com’è triste e disperato questo ragazzo. È Giuseppe. I suoi fratelli lo hanno appena venduto a questi uomini diretti in Egitto. Lì Giuseppe sarà reso schiavo. Perché i suoi fratellastri hanno fatto questa cattiva azione? Perché sono gelosi di lui.

Il loro padre Giacobbe amava molto Giuseppe. Glielo dimostrò facendogli fare una bella veste lunga. Vedendo quanto Giacobbe amava Giuseppe, i suoi 10 fratelli maggiori cominciarono a essere gelosi e a odiarlo. Ma c’era anche un’altra ragione per cui lo odiavano.

Giuseppe aveva fatto due sogni. In entrambi questi sogni i suoi fratelli si erano inchinati dinanzi a lui. Quando Giuseppe narrò questi sogni ai fratelli, il loro odio crebbe.

Un giorno, mentre i fratelli maggiori di Giuseppe badano alle pecore del loro padre, Giacobbe chiede a Giuseppe di andare a vedere come stanno. Vedendo arrivare Giuseppe, alcuni fratelli dicono: ‘Uccidiamolo!’ Ma Ruben, il più grande, dice: ‘No, non lo fate!’ Allora afferrano Giuseppe e lo gettano in una cisterna senz’acqua. Poi si siedono per decidere cosa farne.

A questo punto passano di lì alcuni ismaeliti. Giuda dice ai fratellastri: ‘Vendiamolo agli ismaeliti’. Ed è ciò che fanno. Vendono Giuseppe per 20 pezzi d’argento. Che azione spietata e crudele!

Cosa diranno i fratelli al padre? Uccidono un capro e immergono più volte la bella veste di Giuseppe nel sangue del capro. Poi portano la veste al loro padre Giacobbe e dicono: ‘Abbiamo trovato questa. Guarda se non è per caso la veste di Giuseppe’.

Giacobbe la riconosce e grida: ‘Un animale selvaggio deve aver ucciso Giuseppe’. È proprio ciò che i 10 fratelli vogliono che il padre pensi. Giacobbe è tristissimo, e piange a lungo. Ma Giuseppe non è morto. Vediamo cosa gli accade nel luogo in cui viene portato.