Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Impariamo dai racconti della Bibbia

 CAPITOLO 54

Geova fu paziente con Giona

Geova fu paziente con Giona

Nella città assira di Ninive la gente era cattiva. Geova disse al profeta Giona di andare a Ninive e dire agli abitanti di quella città che dovevano cambiare il loro modo di comportarsi. Ma Giona salì su una nave diretta a Tarsis e scappò nella direzione opposta.

Mentre la nave era in mare, scoppiò una violenta tempesta. I marinai erano terrorizzati. Pregavano i loro dèi e chiedevano: “Perché sta accadendo tutto questo?” Infine Giona disse: “È colpa mia. Sto scappando perché non voglio fare quello che Geova mi ha chiesto. Buttatemi in mare e la tempesta si calmerà”. I marinai non volevano farlo, ma Giona insisteva. Alla fine lo buttarono in mare e la tempesta si calmò.

Giona pensava di morire e, mentre affondava nel mare, pregò Geova. Allora Geova mandò un grosso pesce, che inghiottì Giona ma non lo uccise. Dentro il pesce, Giona pregò Dio: “Prometto che ti ubbidirò sempre”. Geova tenne al sicuro Giona per tre giorni dentro il pesce e poi fece in modo che il pesce lo vomitasse sulla terraferma.

Geova aveva salvato Giona, ma questo significava che Giona non doveva più andare a Ninive? No, Geova gli disse di nuovo di andarci. Questa volta Giona ubbidì. Andò a Ninive e  disse a quelle persone cattive: “Tra 40 giorni Ninive sarà distrutta”. Allora accadde una cosa incredibile: i niniviti ascoltarono Giona e cambiarono comportamento. Il re di Ninive disse al suo popolo: “Pregate Dio e pentitevi. Forse Dio non ci distruggerà”. Quando vide che il popolo si era pentito, Geova non distrusse la città di Ninive.

Giona si arrabbiò perché la città non era stata distrutta. Geova era stato buono e paziente con Giona, ma Giona non fu buono con gli abitanti di Ninive. Si mise a sedere fuori dalla città all’ombra di una zucca a fiasco e rimase imbronciato. Poi la pianta morì e Giona si arrabbiò. Allora Geova gli disse: “Tu ti sei dispiaciuto per questa pianta. E io non dovrei dispiacermi per gli abitanti di Ninive? Sono stato buono con loro, e loro sono ancora vivi”. Geova voleva insegnare a Giona che la vita degli abitanti di Ninive era più importante della vita di una pianta.

“Geova [...] è paziente con voi perché desidera che non sia distrutto nessuno ma che tutti giungano al pentimento” (2 Pietro 3:9)