Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Impariamo dai racconti della Bibbia

 CAPITOLO 43

Il peccato del re Davide

Il peccato del re Davide

Quando Saul morì, Davide diventò re. Aveva 30 anni. Passarono alcuni anni, e una sera Davide vide una bellissima donna dalla terrazza del suo palazzo. Venne a sapere che si chiamava Betsabea e che era sposata con un soldato di nome Uria. Davide la fece portare nel suo palazzo. Ebbero rapporti sessuali e Betsabea rimase incinta. Davide cercò di nascondere quello che aveva fatto. Disse al generale del suo esercito di mettere Uria in prima linea durante la battaglia e poi di far indietreggiare l’esercito. Così Uria fu ucciso in battaglia e Davide sposò Betsabea.

Geova però aveva visto tutte le cose brutte che erano accadute. Cosa avrebbe fatto? Geova mandò da Davide il profeta Natan. Natan disse: “C’erano due uomini, uno ricco che aveva molte pecore e uno povero che aveva solo un’agnellina a cui era molto affezionato. L’uomo ricco prese l’unica agnella dell’uomo povero”. Davide si arrabbiò e disse: “Quell’uomo ricco merita di morire!” Allora Natan disse a Davide: “Quell’uomo sei tu!” Davide fu molto dispiaciuto e ammise: “Ho peccato contro Geova”. Questo peccato causò a Davide e alla sua famiglia molti problemi. Geova punì Davide, ma non lo mise a morte perché Davide si dimostrò sincero e umile.

Davide voleva costruire un tempio per Geova, ma Geova disse che sarebbe stato suo figlio Salomone a costruire il tempio.  Davide iniziò a preparare quello che serviva a Salomone e disse: “Il tempio di Geova dovrà essere bellissimo. Salomone è ancora giovane, quindi lo aiuterò preparando quello che serve”. Davide diede molti dei suoi soldi per i lavori di costruzione e trovò dei lavoratori esperti. Inoltre mise da parte oro e argento e fece arrivare legno di cedro da Tiro e Sidone. Prima di morire, Davide diede a Salomone il progetto del tempio. Disse: “Geova mi ha fatto scrivere questo progetto per te. Lui ti aiuterà. Non aver paura. Sii forte e mettiti al lavoro”.

“Chi nasconde le sue trasgressioni non otterrà buoni risultati, ma a chi le confessa e le abbandona sarà mostrata misericordia” (Proverbi 28:13)