Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Impariamo dai racconti della Bibbia

 CAPITOLO 89

Pietro rinnega Gesù

Pietro rinnega Gesù

Quando si trovavano nella stanza al piano superiore, Gesù aveva detto agli apostoli: “Questa notte tutti voi mi abbandonerete”. Pietro aveva risposto: “Io no! Anche se tutti gli altri ti lasceranno, io non ti abbandonerò mai”. Ma Gesù aveva detto a Pietro: “Prima che il gallo canti, per tre volte dirai di non conoscermi”.

Quando i soldati portarono Gesù da Caiafa, quasi tutti gli apostoli scapparono via. Due apostoli però lo seguirono. Uno di loro era Pietro. Pietro entrò nel cortile della casa di Caiafa e si sedette davanti al fuoco per riscaldarsi. Una serva vide il viso di Pietro illuminato dal fuoco e disse: “Io ti conosco! Tu eri con Gesù!”

Pietro disse: “Non è vero! Non so di cosa stai parlando!” Poi andò verso il portone, ma un’altra serva lo vide e disse a quelli che erano lì: “Quest’uomo era con Gesù!” Pietro rispose: “Non conosco Gesù!” Un uomo disse: “Tu sei uno di loro! Dal tuo accento si capisce che vieni dalla Galilea, proprio come Gesù”. Ma Pietro giurò: “Non lo conosco!”

In quel momento un gallo cantò. Gesù si girò e guardò Pietro. Vedendolo, Pietro si ricordò di quello che Gesù gli aveva detto. Allora uscì e pianse molto.

Nel frattempo il Sinedrio si era riunito a casa di Caiafa per tenere il processo contro Gesù. Avevano già deciso di ucciderlo, e ora stavano cercando una scusa per poterlo fare. Ma non riuscirono a trovare niente contro di lui. Allora Caiafa chiese direttamente a Gesù: “Sei il Figlio di Dio?” Gesù rispose: “Sì”. Caiafa disse: “Non abbiamo bisogno di altre prove. Ha bestemmiato!” Erano tutti d’accordo: “Quest’uomo deve  morire”. Presero Gesù a schiaffi, gli sputarono addosso, gli coprirono gli occhi e lo colpirono dicendo: “Se sei un profeta, dicci chi ti ha colpito!”

All’alba portarono Gesù nella sala del Sinedrio e gli chiesero di nuovo: “Sei il Figlio di Dio?” Gesù rispose: “Voi stessi dite che lo sono”. Allora decisero che era colpevole di bestemmia e lo portarono al palazzo di Ponzio Pilato, il governatore romano. Cosa accadde in seguito? Scopriamolo.

“Il tempo [...] è già venuto, in cui sarete dispersi, ognuno a casa sua, e mi lascerete solo. Ma io non sono solo, perché il Padre è con me” (Giovanni 16:32)