Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Impariamo dal grande Insegnante

 CAPITOLO 42

Perché dobbiamo lavorare

Perché dobbiamo lavorare

COSA ti piace di più: lavorare o giocare? — In realtà non c’è niente di male a giocare. Parlando di Gerusalemme, la Bibbia dice che si sarebbe ‘riempita di ragazzi e ragazze che avrebbero giocato nelle sue pubbliche piazze’. — Zaccaria 8:5.

Al grande Insegnante piaceva guardare i bambini intenti a giocare. Prima di venire sulla terra disse: “Ero accanto a [Dio] come un artefice . . . allietandomi io dinanzi a lui in ogni tempo”. Che Gesù sia chiamato “artefice” indica che in cielo lavorava insieme a Geova. E quando era lassù disse: “Le cose che mi dilettavano erano presso i figli degli uomini”. Infatti, come abbiamo già imparato, il grande Insegnante si interessava veramente di tutti, compresi i bambini. — Proverbi 8:30, 31.

Di che cosa si dilettava il grande Insegnante prima di venire sulla terra?

 Pensi che Gesù giocasse quando era bambino? — Probabilmente sì. Ma dato che in cielo era stato “un artefice”, lavorò anche sulla terra? — La gente chiamava Gesù “il figlio del falegname”. Ma lo chiamava anche “il falegname”. Cosa indica questo? — Indica che Giuseppe, che allevò Gesù come proprio figlio, doveva avergli insegnato il suo mestiere. In tal modo anche Gesù era diventato falegname. — Matteo 13:55; Marco 6:3.

Che genere di falegname era Gesù? — Poiché in cielo era un artefice, non pensi che sulla terra fosse un falegname abile ed esperto? — Considera come era impegnativo fare il falegname a quel tempo. Probabilmente  Gesù doveva andare a cercarsi un albero e abbatterlo, spezzarlo, portare a casa il legname e poi lavorarlo per farne tavoli, panche e altri oggetti.

Pensi che Gesù provasse soddisfazione facendo questo lavoro? — A te piacerebbe saper fare tavoli, sedie e altri oggetti utili? — La Bibbia dice che è bene che uno “si rallegri delle sue opere”. Il lavoro dà un genere di soddisfazione che non si può trarre dal gioco. — Ecclesiaste 3:22.

In realtà il lavoro fa bene sia alla mente che al corpo. Molti bambini non fanno altro che starsene seduti a guardare la televisione o a giocare con i videogiochi. Diventano grassi e fiacchi, e non sono per niente felici. Tanto meno rendono felici gli altri. Cosa dobbiamo fare per essere felici? —

Nel capitolo 17 di questo libro abbiamo imparato che essendo generosi e rendendosi utili agli altri si prova felicità. (Atti 20:35) La Bibbia chiama Geova ‘il felice Dio’. (1 Timoteo 1:11) E, come abbiamo letto in Proverbi, Gesù ‘si allietava dinanzi a lui in ogni tempo’. Perché Gesù era felice? — Indicandone una ragione, una volta disse: “Il Padre mio ha continuato a operare fino ad ora, e io continuo a operare”. — Giovanni 5:17.

Sulla terra Gesù non fece il falegname per tutta la vita. Geova Dio aveva un’opera speciale da fargli compiere qui sulla terra. Sai qual era? — Gesù disse: “Devo dichiarare la buona notizia del regno di Dio, perché per questo sono stato mandato”. (Luca 4:43) Non di rado quando Gesù predicava, la gente credeva in lui e parlava ad altri delle cose che egli aveva detto, come fece una samaritana, la donna che vedi nella figura. — Giovanni 4:7-15, 27-30.

Quali due tipi di lavoro svolse Gesù quando era sulla terra?

Con quali sentimenti Gesù compiva quest’opera? Pensi che la facesse volentieri? — Gesù disse: “Il mio cibo è fare la volontà di  colui che mi ha mandato e finire la sua opera”. (Giovanni 4:34) Con quanto piacere mangi il tuo cibo preferito? — Questo ti dà un’idea di quanto piacesse a Gesù l’opera che Dio gli aveva dato da fare.

Dio ci ha fatti in modo che imparare a lavorare contribuisce a renderci felici. Come egli stesso dice, ha fatto all’uomo il dono “di rallegrarsi del suo duro lavoro”. Quindi, se da piccolo impari a lavorare, tutta la tua vita sarà più piacevole. — Ecclesiaste 5:19.

Questo non significa che un bambino possa fare il lavoro di un adulto, ma tutti possiamo fare qualche lavoro. Forse i tuoi genitori vanno tutti i giorni a lavorare per guadagnare il denaro necessario perché la famiglia abbia da mangiare e una casa in cui vivere. E come ben sai, in una casa c’è tanto lavoro da fare per mantenerla pulita e ordinata.

Quali faccende puoi sbrigare per renderti utile all’intera famiglia? — Puoi aiutare ad apparecchiare la tavola, lavare i piatti, portare fuori la spazzatura, pulire la tua stanza e raccogliere i tuoi giocattoli. Forse fai già alcune di queste cose. È un lavoro che reca beneficio a tutta la famiglia.

Perché è importante che tu riponga i giocattoli quando hai finito di giocare?

Vediamo in che modo un lavoro del genere è utile. Quando hai finito di giocare i giocattoli devono essere rimessi al loro posto. Perché diresti che questo è importante? — Perché contribuisce a mantenere ordinata la casa e serve anche a evitare incidenti. Se non raccogli i giocattoli, prima o poi la mamma potrebbe arrivare con le braccia cariche e metterci un piede sopra. Potrebbe inciampare, cadere e farsi male. Potrebbe anche finire all’ospedale. Non sarebbe terribile? — Perciò se quando smetti di giocare riponi i giocattoli, è un bene per tutti.

 C’è dell’altro lavoro che i bambini devono fare, ad esempio i compiti. A scuola impari a leggere. Per alcuni bambini la lettura è un piacere, mentre per altri è faticosa. Anche se in principio può sembrarti difficile, se impari a leggere bene sarai contento. Ci sono tante cose interessanti che puoi imparare una volta che sai leggere. Sarai anche in grado di leggere da solo il libro di Dio, la Bibbia. Perciò è davvero utile fare bene i compiti, non credi? —

Certe persone cercano di scansare il lavoro. Forse ne conosci qualcuna. Ma poiché Dio ci ha fatti per lavorare, dobbiamo imparare a provarvi piacere. Quanta soddisfazione provava il grande Insegnante nel compiere la sua opera? — Per lui era come mangiare il suo cibo preferito. E a quale opera si riferiva? — A quella di parlare ad altri di Geova Dio e di come possono ricevere la vita eterna.

Ecco dunque una riflessione che può aiutarci ad amare il lavoro. Chiediti: ‘Perché è necessario fare questo lavoro?’ Quando sai perché una cosa è importante, diventa più facile farla. E di qualsiasi lavoro si tratti, grande o piccolo che sia, fallo bene. Allora potrai rallegrarti dell’opera delle tue mani, come si rallegrò il nostro grande Insegnante.

La Bibbia può aiutare una persona a diventare laboriosa. Leggi cosa dice in Proverbi 10:4; 22:29; Ecclesiaste 3:12, 13 e Colossesi 3:23.