Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Impariamo dal grande Insegnante

 CAPITOLO 44

I nostri amici devono amare Dio

I nostri amici devono amare Dio

GLI amici sono persone con cui ci piace conversare e trascorrere del tempo. Ma è importante avere il giusto tipo di amici. Chi pensi che sia il miglior amico che possiamo avere? — È Geova Dio.

Possiamo davvero essere amici di Dio? — La Bibbia dice che Abraamo, un uomo vissuto tanto tempo fa, era “amico di Geova”. (Giacomo 2:23) Sai perché lo era? — La Bibbia spiega che Abraamo ubbidiva a Dio. Ubbidiva anche quando gli veniva chiesto di fare qualcosa di difficile. Quindi per essere amici di Geova dobbiamo fare ciò che gli è gradito, come fece Abraamo e come ha sempre fatto il grande Insegnante. — Genesi 22:1-14; Giovanni 8:28, 29; Ebrei 11:8, 17-19.

Perché Abraamo era “amico di Geova”?

 Gesù disse agli apostoli: “Voi siete miei amici se fate quello che vi comando”. (Giovanni 15:14) Poiché ogni cosa che insegnava veniva da Geova, Gesù intendeva dire che i suoi amici erano coloro che facevano ciò che Dio voleva. In realtà tutti i suoi amici amavano Dio.

Tra gli amici più intimi del grande Insegnante c’erano gli apostoli, che puoi vedere rappresentati a pagina 75 di questo libro. Essi viaggiavano con lui e lo aiutavano a compiere l’opera di predicazione. Gesù passava gran parte del suo tempo con questi uomini. Mangiavano insieme, parlavano insieme di Dio e facevano altre cose insieme. Ma Gesù aveva molti altri amici. Stava con loro e trascorreva momenti piacevoli in loro compagnia.

Una famiglia con la quale a Gesù piaceva stare viveva nella cittadina di Betania, poco distante dalla grande città di Gerusalemme. Ricordi da chi era composta? — Era composta da Maria,  da Marta e dal loro fratello Lazzaro. Gesù chiamava Lazzaro suo amico. (Giovanni 11:1, 5, 11) La ragione per cui Gesù amava questa famiglia e aveva piacere di stare in sua compagnia era che i suoi componenti amavano Geova e Lo servivano.

Perché Gesù si tratteneva spesso da questa famiglia quando andava a Gerusalemme? Ricordi il nome dei suoi componenti?

Questo non vuol dire che Gesù non fosse gentile con le persone che non servivano Dio. Lo era. Andava anche a casa loro e mangiava con loro. Per questo alcuni dicevano che Gesù era “amico di esattori di tasse e peccatori”. (Matteo 11:19) In realtà Gesù non andava a casa di quelle persone perché gli piaceva il loro modo di vivere. Le visitava allo scopo di parlare loro di Geova. Cercava di aiutarle a cambiare condotta e a servire Dio.

Perché Zaccheo è salito su quest’albero?

Questo accadde un giorno nella città di Gerico. Gesù la stava attraversando mentre era diretto a Gerusalemme. C’era molta gente, e tra la folla c’era un uomo di nome Zaccheo. Zaccheo desiderava vedere Gesù, ma essendo piccolo di statura non ci riusciva a causa della folla. Allora corse avanti lungo la strada e salì su un albero per poter vedere bene Gesù quando sarebbe passato di lì.

Giunto in quel punto, Gesù alzò lo sguardo e disse: ‘Affrettati a scendere,  poiché oggi vengo a casa tua’. Ma Zaccheo era un uomo ricco che aveva commesso azioni disoneste. Perché Gesù voleva andare a casa di una persona del genere? —

Certo non perché gli piacesse il suo modo di vivere. Gesù andava a casa di Zaccheo per parlargli di Dio. Si era accorto che quell’uomo aveva fatto di tutto per vederlo; perciò sapeva che probabilmente avrebbe ascoltato. Era una buona occasione per spiegargli qual è il modo di vivere che Dio approva.

Perché Gesù è in casa di Zaccheo, e Zaccheo cosa sta promettendo di fare?

Di conseguenza, che accade? — Zaccheo accetta gli insegnamenti di Gesù. Si rammarica di aver defraudato la gente, e promette di restituire il denaro che non aveva il diritto di tenere. Poi diventa un seguace di Gesù. Solo allora Gesù e Zaccheo diventano amici. — Luca 19:1-10.

Se seguiamo l’esempio del grande Insegnante, andremo a trovare persone con cui non abbiamo rapporti di amicizia? — Sì. Ma non andremo a casa loro perché ci piace il loro modo di vivere, né tanto meno ci metteremo a fare cose cattive insieme a loro. Andremo a trovarle per parlare loro di Dio.

 Tuttavia i nostri amici intimi sono quelli con i quali ci piace particolarmente trascorrere il tempo. Perché siano della giusta specie, devono essere il tipo di amici che piacciono a Dio. Alcuni potrebbero non sapere nemmeno chi è Geova. Ma se vogliono conoscerlo, li possiamo aiutare. E quando ameranno Geova come noi, allora potremo stringere un’intima amicizia con loro.

C’è un altro modo per scoprire se qualcuno potrebbe essere un buon amico: osservare come si comporta. È scortese con gli altri e poi ci ride sopra? Questo non è corretto, non ti pare? — Si mette sempre nei guai? Non vorremmo metterci nei guai insieme a lui, vero? — Oppure si comporta male di proposito e poi pensa di essere furbo perché nessuno lo ha scoperto? Anche se non è stato scoperto, Dio ha visto ciò che ha fatto, non credi? — Pensi che quelli che agiscono così sarebbero buoni amici per noi? —

Perché non prendiamo la Bibbia? Vediamo cosa dice del modo in cui i compagni influiscono sulla nostra vita. Apriamola in 1 Corinti capitolo 15, versetto 33. L’hai trovato? — Dice: “Non siate sviati. Le cattive compagnie corrompono le utili abitudini”. Questo significa che se frequentiamo persone cattive, possiamo diventare cattivi. Ed è altrettanto vero che i buoni compagni ci aiutano ad acquistare buone abitudini.

Non dimentichiamo mai che la Persona più importante della nostra vita è Geova. Non vogliamo rovinare l’amicizia che abbiamo con lui, vero? — Per questa ragione dobbiamo cercare di fare amicizia solo con quelli che amano Dio.

L’importanza della giusta specie di compagni è messa in risalto in Salmo 119:115 (118:115, “CEI”); Proverbi 13:20; 2 Timoteo 2:22 e 1 Giovanni 2:15.

Per saperne di più

IL MIO LIBRO DI RACCONTI BIBLICI

Abraamo, un amico di Dio

Perché Abraamo lasciò la sua casa confortevole per passare il resto della sua vita in tende?