Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Impariamo dal grande Insegnante

 CAPITOLO 31

Dove trovare conforto

Dove trovare conforto

TI SENTI mai triste e solo? — Ti chiedi a volte se qualcuno ti ama? — Alcuni bambini se lo chiedono. Ma Dio promette: “Io stesso non ti dimenticherò”. (Isaia 49:15) Non è meraviglioso solo a pensarci? — Sì, Geova Dio ci ama veramente tanto!

Come pensi che si senta questa pecorella smarrita?

Uno scrittore biblico disse: “Nel caso che il mio proprio padre e la mia propria madre davvero mi lasciassero, pure Geova stesso mi accoglierebbe”. (Salmo 27:10) Sapere questo può essere di vero conforto per noi, non credi? — Geova infatti ci dice: “Non aver timore, poiché io sono con te. . . . Sì, realmente ti aiuterò”. — Isaia 41:10.

Tuttavia qualche volta Geova permette a Satana di causarci difficoltà. Gli permette perfino di mettere alla prova i Suoi servitori. In un’occasione il Diavolo fece soffrire Gesù a tal punto, che Gesù gridò a Geova: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?” (Matteo 27:46) Eppure, nonostante soffrisse tanto, Gesù sapeva che Geova lo amava. (Giovanni 10:17) Ma sapeva anche che Dio permette a Satana di mettere alla prova i Suoi servitori e di causare loro sofferenze. In un altro capitolo spiegheremo perché Dio glielo permette.

Quando si è bambini, basta poco a volte per spaventarsi. Ad esempio, ti sei mai perso? — Hai avuto paura? — Molti bambini avrebbero paura. Una volta il grande Insegnante narrò una storia su questo argomento. Però non era stato un bambino a perdersi, ma una pecora.

 Sotto certi aspetti tu somigli a una pecora. In che senso? Nel senso che le pecore non sono molto grandi o forti. Inoltre devono essere custodite e protette da qualcuno. Chi custodisce le pecore è il pastore.

Nella sua storia Gesù parlò di un pastore che aveva cento pecore. Ma poi una di esse si smarrì. Forse voleva vedere cosa c’era dall’altra parte della collina; se non che ben presto si trovò molto distante dal resto del gregge. Riesci a immaginare come si sentì quella pecora quando guardandosi attorno si accorse di essere sola? —

Cosa avrebbe fatto il pastore una volta scoperto che quella pecora mancava? Avrebbe detto che alla fin fine era tutta colpa della pecora, e quindi non se ne sarebbe dato pensiero? Oppure avrebbe lasciato le altre 99 in un posto sicuro e sarebbe andato in cerca di quella che si era persa? Valeva la pena fare tanto sforzo per una sola pecora? — Se fossi stato tu quella pecora smarrita, avresti voluto che il pastore ti cercasse? —

Chi somiglia al pastore che ha tratto in salvo la sua pecora?

Il pastore amava moltissimo tutte le sue pecore, anche quella che si era persa. Perciò si mise a cercarla. Immagina come fu felice la pecora smarrita quando vide arrivare il  pastore! Inoltre Gesù disse che il pastore si rallegrò di aver trovato la sua pecora. Si rallegrò più di quella pecora che delle 99 che non si erano smarrite. Chi, dunque, è simile al pastore della storia di Gesù? Chi si interessa tanto di noi quanto quel pastore si interessava delle sue pecore? — Gesù disse che il Padre suo che è in cielo si prende cura di noi. E il Padre di Gesù è Geova.

Geova Dio è il grande Pastore del suo popolo. Egli ama tutti quelli che lo servono, inclusi i bambini come te. Non vuole che nessuno si faccia male o perda la vita. È davvero meraviglioso sapere che Dio ci ama così tanto! — Matteo 18:12-14.

Geova è per te così reale come lo è tuo padre o qualcun altro?

Credi veramente in Geova Dio? — Lo consideri una persona reale? — È vero che non lo possiamo vedere. Geova infatti è uno Spirito. Ha un corpo che è invisibile ai nostri occhi. Egli però è una persona reale, e può vedere noi. Sa quando abbiamo bisogno di aiuto. E possiamo parlargli in preghiera, proprio  come parliamo a un’altra persona qui sulla terra. Geova vuole che gli parliamo in preghiera.

Perciò, se mai ti sentissi triste o solo, cosa devi fare? — Parla a Geova. Accostati a lui, ed egli ti conforterà e ti aiuterà. Ricorda che Geova ti ama, anche quando pensi di essere completamente solo. Prendiamo la Bibbia. Nel Salmo 23, iniziando dal versetto 1, leggiamo: “Geova è il mio Pastore. Non mi mancherà nulla. Mi fa giacere in erbosi pascoli; mi conduce presso irrigui luoghi di riposo”.

Nota cosa aggiunge lo scrittore al versetto 4: “Benché io cammini nella valle della profonda ombra, non temo nulla di male, poiché tu sei con me; la tua verga e il tuo bastone sono le cose che mi confortano”. Questo è ciò che prova chi ha Geova come suo Dio. Trova conforto quando è in difficoltà. È così che ti senti? —

Come un pastore amorevole ha cura del suo gregge, così Geova si prende cura dei suoi servitori. Mostra loro la via giusta da percorrere, ed essi sono felici di seguirlo. Anche quando sono in mezzo alle difficoltà, non hanno motivo di temere. Usando la verga o il bastone, il pastore protegge le pecore dagli animali che potrebbero far loro del male. La Bibbia parla del giovane pastore  Davide che protesse le sue pecore da un leone e da un orso. (1 Samuele 17:34-36) E i servitori di Dio sanno che Geova proteggerà anche loro. Possono sentirsi al sicuro perché Dio è con loro.

Chi, come un pastore che protegge le sue pecore, può aiutarci quando siamo in difficoltà?

Geova ama davvero le sue pecore e ne ha tenera cura. La Bibbia dice: ‘Come un pastore condurrà le sue pecore. Con le sue braccia radunerà gli agnelli’. — Isaia 40:11.

Non ti rincuora sapere che Geova è così? — Desideri essere una pecora del suo gregge? — Le pecore ascoltano la voce del loro pastore. Gli stanno vicino. Tu ascolti Geova? — Stai vicino a lui? — Allora non avrai mai motivo di temere. Geova sarà con te.

Geova si prende amorevole cura di quelli che lo servono. Leggiamo insieme cosa dice la Bibbia al riguardo in Salmo 37:25 (36:25, “CEI”); 55:22 (54:23, “CEI”) e Luca 12:29-31.