Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Impariamo dal grande Insegnante

Cosa devono dare i genitori ai figli

Cosa devono dare i genitori ai figli

TUTTI i genitori prendono parte a un evento che nessun essere umano riesce a comprendere appieno. Ciascuno di loro dà qualcosa di se stesso, e ciò che in tal modo si sviluppa nel ventre materno è un essere vivente completamente formato. Non c’è da sorprendersi, dunque, che della nascita di un bambino si parli come di un “miracolo”.

Naturalmente la responsabilità dei genitori non si esaurisce nel generare figli. All’inizio i bambini dipendono quasi interamente dagli altri, ma crescendo hanno bisogno di più che semplici cure fisiche. Hanno bisogno di essere aiutati a crescere sotto il profilo mentale, emotivo, morale e spirituale.

Per crescere bene i bambini hanno soprattutto bisogno dell’amore dei genitori. Anche se le espressioni verbali di affetto sono importanti, le parole devono essere sostenute dai fatti. Sì, i bambini hanno bisogno del buon esempio dei genitori. Hanno bisogno di guida morale, di princìpi secondo cui vivere. E ne hanno bisogno sin dalla tenera età. Possono accadere, e in effetti accadono, cose terribili quando i figli non ricevono aiuto prima che sia troppo tardi.

I princìpi migliori in assoluto sono quelli che si trovano nella Bibbia. L’istruzione basata sulla Bibbia presenta vantaggi senza pari. Quando questa viene impartita, i figli si rendono conto che ciò che si insegna loro non è qualche uomo a dirlo, ma il loro Creatore, il loro Padre celeste. Questo conferisce ai consigli una forza ineguagliabile.

La Bibbia incoraggia i genitori a impegnarsi seriamente per imprimere giusti princìpi nella mente dei loro figli. Spesso però, man mano che i figli crescono, i genitori riscontrano che è difficile parlare con loro di cose che sono  della massima importanza. Questo libro, Impariamo dal grande Insegnante, è stato scritto per impedire che si crei una situazione del genere. Fornirà a voi e ai vostri figli materiale di natura spirituale da leggere insieme. Ma dovrebbe anche stimolare la conversazione tra i giovanissimi e gli adulti che lo leggeranno con loro.

Noterete che questo libro invita i bambini a dare delle risposte. In molti punti appropriati del testo incontrerete domande seguite da una lineetta (—). Questa serve a ricordare di fermarsi e incoraggiare il bambino a esprimersi. Ai bambini piace partecipare. Se non viene coinvolto, il bambino perderà presto ogni interesse.

Ciò che più conta, queste domande vi aiuteranno a scoprire cosa c’è nella mente del bambino. È vero, il bambino potrebbe dare risposte che non sono giuste. Tuttavia le informazioni che seguono ciascuna domanda hanno lo scopo di aiutarlo a sviluppare un sano modo di pensare.

Un’importante caratteristica del libro sono le sue oltre 230 figure. Sono quasi tutte accompagnate da didascalie che stimolano il bambino a dire cosa pensa in base a ciò che vede e a ciò che ha letto. Pertanto, esaminatele insieme a lui. Possono essere un ottimo strumento didattico per ribadire concetti importanti.

Quando il bambino impara a leggere, incoraggiatelo a leggervi il libro ad alta voce oltre che a leggerlo per conto suo. Più lo leggerà, più i buoni consigli che contiene si imprimeranno nella sua mente e nel suo cuore. Ma per rafforzare i legami di affetto e rispetto tra voi e vostro figlio, non mancate di leggere il libro insieme e di far questo regolarmente.

In una maniera che solo qualche decennio fa sembrava quasi inimmaginabile, i bambini sono esposti a sesso illecito, spiritismo e altre pratiche degradanti. Pertanto hanno bisogno di protezione, e questo libro permette di darla in maniera dignitosa e schietta nello stesso tempo. Ma i figli hanno soprattutto bisogno di essere indirizzati alla Fonte di ogni sapienza, il nostro Padre celeste Geova Dio. Questo è ciò che fece sempre Gesù, il grande Insegnante. Speriamo di tutto cuore che questo libro aiuti voi e i vostri figli a plasmare la vostra vita in modo da piacere a Geova e ricevere ricompense eterne.