Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Impariamo dal grande Insegnante

 CAPITOLO 13

Come alcuni divennero discepoli di Gesù

Come alcuni divennero discepoli di Gesù

Chi è quest’uomo, e come diventa un discepolo di Gesù?

CHI è il miglior servitore di Dio che sia mai esistito? — Non ci sono dubbi, è Gesù Cristo. Pensi che gli possiamo assomigliare? — Sì, la Bibbia dice che Gesù ci ha dato l’esempio da imitare. Ed egli ci invita a essere suoi discepoli.

Sai cosa significa essere discepoli di Gesù? — Essere discepoli di Gesù significa diverse cose. Innanzi tutto, significa che dobbiamo imparare da lui. Ma non basta. Dobbiamo anche credere veramente a ciò che dice. Se ci crediamo, faremo ciò che ci comanda.

Molti dicono di credere in Gesù. Pensi che siano tutti veramente suoi discepoli? — No, la maggioranza non lo sono. Forse vanno in chiesa. Ma molti di loro non si sono mai presi il tempo di imparare ciò che insegnò Gesù. In realtà solo coloro che seguono l’esempio di Gesù sono suoi discepoli.

Parliamo un po’ di alcuni che furono discepoli di Gesù quando visse come uomo sulla terra. Tra i primi a divenire suoi discepoli c’è Filippo. Filippo va a trovare il suo amico Natanaele (chiamato anche Bartolomeo), che qui vedi seduto sotto un albero. Quando Gesù vede arrivare Natanaele, dice: ‘Ecco un uomo onesto, un vero figlio di Israele’. Sorpreso, Natanaele gli chiede: “Come fai a conoscermi?”

Chi sta invitando Gesù a divenire suoi discepoli?

 “Prima che Filippo ti chiamasse, mentre eri sotto il fico, io ti ho visto”, dice Gesù. Natanaele si meraviglia che Gesù sapesse esattamente dove stava, quindi esclama: “Tu sei il Figlio di Dio, tu sei il Re d’Israele”. — Giovanni 1:49.

Giuda Iscariota, Giuda (chiamato anche Taddeo), Simone

Altri erano diventati discepoli di Gesù il giorno prima. Sono Andrea e suo fratello Pietro, Giovanni e forse anche Giacomo, fratello di Giovanni. (Giovanni 1:35-51) Dopo un po’, comunque, questi quattro tornano al loro lavoro di pescatori. Poi un giorno Gesù, camminando lungo il Mar di Galilea, vede Pietro e Andrea che calano in mare una rete da pesca. Allora li chiama: “Venite dietro a me”.

Giacomo (figlio di Alfeo), Tommaso, Matteo

Andando un po’ oltre, Gesù vede Giacomo e Giovanni. Sono nella barca con il padre a riparare le reti da pesca. Gesù invita  anche loro a seguirlo. Cosa avresti fatto tu se Gesù ti avesse chiamato? Saresti andato immediatamente con lui? — Questi uomini sanno chi è Gesù. Sanno che è stato mandato da Dio. Quindi lasciano subito il loro lavoro di pescatori e seguono Gesù. — Matteo 4:18-22.

Natanaele, Filippo, Giovanni

Il fatto che questi uomini fossero diventati discepoli di Gesù significava forse che da allora in poi avrebbero sempre fatto ciò che era giusto? — No. Ricorderai che ebbero addirittura delle discussioni su chi di loro fosse il più grande. Ma ascoltavano Gesù, ed erano disposti a cambiare il proprio modo di pensare e di agire. Anche noi, se siamo disposti a cambiare, possiamo essere discepoli di Gesù.

Giacomo (fratello di Giovanni), Andrea, Pietro

Gesù invitò persone di ogni genere ad essere suoi discepoli. Una volta un giovane capo ricco gli si avvicinò e gli chiese cosa doveva fare per ricevere la vita eterna. Quando il ricco disse che ubbidiva ai comandamenti di Dio sin dall’infanzia, Gesù gli rivolse l’invito: “Vieni, sii mio seguace”. Sai come reagì? —

Ebbene, quando seppe che essere discepoli di Gesù era più importante che essere ricchi, quell’uomo si rattristò molto. Non diventò un discepolo di Gesù perché amava più il suo denaro che Dio. — Luca 18:18-25.

Dopo aver predicato per circa un anno e mezzo, Gesù scelse dodici suoi discepoli perché fossero apostoli. Gli apostoli erano uomini mandati da lui a compiere un’opera speciale. Conosci i loro nomi? — Vediamo se riusciamo a impararli. Guarda qui le figure e prova a dire come si chiamano. Poi cerca di ripetere i loro nomi a memoria.

Chi erano queste donne che aiutavano Gesù quando andava a predicare?

Infine uno dei dodici apostoli divenne malvagio. Era Giuda Iscariota. Quindi fu scelto un altro discepolo come apostolo.  Sai come si chiamava? — Mattia. In seguito anche Paolo e Barnaba divennero apostoli, ma non fecero parte dei dodici. — Atti 1:23-26; 14:14.

Come abbiamo visto nel capitolo 1 di questo libro, Gesù si interessava dei bambini. Per quale ragione? — Perché sapeva che anche loro potevano diventare suoi discepoli. Spesso, infatti, i bambini sanno dire le cose in modo tale da spingere gli adulti ad ascoltare e a volere imparare di più intorno al grande Insegnante.

Anche molte donne divennero discepole di Gesù. Alcune viaggiavano con lui quando andava in altre città a predicare. Tra  queste c’erano Maria Maddalena, Giovanna e Susanna. È possibile che lo aiutassero preparandogli da mangiare e lavandogli i panni. — Luca 8:1-3.

Vuoi essere un discepolo di Gesù? — Ricorda: dire semplicemente che siamo suoi discepoli non ci rende tali. Dobbiamo comportarci come suoi discepoli dovunque ci troviamo, non solo quando andiamo alle adunanze cristiane. Hai in mente qualche luogo in cui è importante che ci comportiamo come discepoli di Gesù? —

Un luogo è senz’altro la casa. Ma un altro ancora è la scuola. Quello che tu ed io non dobbiamo mai dimenticare è che per essere veri discepoli di Gesù dobbiamo comportarci come lui ventiquattr’ore su ventiquattro, tutti i giorni, in qualsiasi luogo ci troviamo.

Dove è importante che ci comportiamo come discepoli di Gesù?

Ora leggi con me cosa dice la Bibbia dei discepoli di Gesù in Matteo 28:19, 20; Luca 6:13-16; Giovanni 8:31, 32 e 1 Pietro 2:21.