Consuetudine, successivamente incorporata nella Legge mosaica, secondo cui un uomo sposava la vedova del fratello morto senza figli per assicurargli dei discendenti. È detto anche matrimonio del cognato (Gen 38:8; De 25:5).