Dal greco àbyssos, che significa “senza fondo” o “insondabile”, “sconfinato”. Viene usato nelle Scritture Greche Cristiane per indicare un luogo o una condizione di segregazione, e a volte si riferisce alla tomba (Lu 8:31; Ro 10:7; Ri 20:3).