Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al sommario

 SEZIONE 14

Dio parla per mezzo dei suoi profeti

Dio parla per mezzo dei suoi profeti

Geova incarica dei profeti di trasmettere messaggi riguardanti i suoi giudizi, la pura adorazione e la speranza messianica

DURANTE l’epoca dei re di Giuda e Israele si distinsero delle particolari persone, i profeti. Erano uomini dotati di straordinaria fede e coraggio che trasmettevano le dichiarazioni divine. Vediamo quattro importanti temi su cui si concentrarono.

1. La distruzione di Gerusalemme. I profeti di Dio, soprattutto Isaia e Geremia, avvertirono con largo anticipo che Gerusalemme sarebbe stata distrutta e abbandonata. In termini molto chiari, rivelarono per quale motivo la città era incorsa nell’ira divina: praticava la falsa religione ed era corrotta e violenta; le sue opere quindi smentivano l’asserzione di adorare Geova. — 2 Re 21:10-15; Isaia 3:1-8, 16-26; Geremia 2:1–3:13.

2. Il ripristino della pura adorazione. Dopo 70 anni di esilio in Babilonia, il popolo di Dio sarebbe stato liberato. Sarebbe tornato in patria, rimasta nel frattempo desolata, e avrebbe ricostruito il tempio di Geova a Gerusalemme. (Geremia 46:27; Amos 9:13-15) Con circa 200 anni di anticipo, Isaia predisse che colui che avrebbe conquistato Babilonia e permesso al popolo di Dio di ripristinare la pura adorazione si sarebbe chiamato Ciro. Isaia descrisse perfino la singolare strategia che Ciro avrebbe adottato. — Isaia 44:24–45:3.

3. L’arrivo del Messia e la sua vita. Il Messia sarebbe nato nella città di Betleem. (Michea 5:2) Sarebbe stato umile e avrebbe fatto il suo ingresso a Gerusalemme cavalcando un asino. (Zaccaria 9:9) Nonostante la sua bontà e premura, sarebbe stato impopolare e molti lo avrebbero rigettato. (Isaia 42:1-3; 53:1, 3) Avrebbe subìto una morte atroce. Sarebbe stata la fine per il Messia? No, in quanto il suo sacrificio doveva rendere possibile il perdono dei peccati di molti. (Isaia 53:4, 5, 9-12) Ciò poteva avvenire solo grazie alla sua risurrezione.

4. Il dominio del Messia sulla terra. Gli esseri umani imperfetti non sono assolutamente in grado di governarsi in modo pacifico; il Re messianico, invece, sarebbe stato chiamato Principe della pace. (Isaia 9:6, 7; Geremia 10:23) Sotto il suo dominio, tutti gli esseri umani sarebbero stati in pace tra loro e persino con gli animali. (Isaia 11:3-7) Le malattie sarebbero scomparse. (Isaia 33:24) Addirittura la morte sarebbe stata inghiottita per sempre. (Isaia 25:8) Durante il Regno del Messia i morti sarebbero stati risuscitati per vivere sulla terra. — Daniele 12:13.

— Basato sui libri di Isaia, Geremia, Daniele, Amos, Michea e Zaccaria.