Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Annuario dei Testimoni di Geova del 2017

Germania: testimonianza pubblica con espositori mobili davanti a un campo profughi

 ASPETTI SALIENTI DELL’ANNO PASSATO

Ultime dal mondo

Ultime dal mondo

Predicare ai rifugiati e agli immigrati

A motivo dei tanti rifugiati e immigrati arrivati nel paese, in Germania il campo di lingua straniera è cresciuto molto. Di recente, infatti, nell’arco di nove mesi sono stati formati 229 gruppi e pregruppi di lingua straniera. Attualmente si stanno tenendo 30 corsi per insegnare 13 lingue, e sono circa 800 i proclamatori che vi partecipano.

I fratelli predicano ai rifugiati nei centri di accoglienza. Usando espositori mobili in più di 200 postazioni, hanno distribuito circa 640.000 copie delle nostre pubblicazioni.

Il Corpo Direttivo ha approvato una campagna speciale di predicazione che si è svolta dal maggio al luglio 2016.  Circa 700 proclamatori che parlano arabo, provenienti da sette paesi, si sono recati in 10 località dell’Austria e della Germania per predicare a grandi comunità di lingua araba.

Monete sulla strada

In Belize i 50 proclamatori della congregazione di Faber’s Road Kriol solitamente predicano a piedi. Anche se hanno poco dal punto di vista materiale, questi fratelli cercano le opportunità di mostrarsi generosi. Un paio di anni fa, i fratelli hanno cominciato a raccogliere le monete che trovavano per terra predicando di casa in casa nelle strade polverose. Da allora, alla fine di ogni anno si ritrovano per pulire e contare le monete raccolte.

Anche se quasi tutte le monete che trovano sono di piccolo valore (circa mezzo centesimo di euro), ogni anno riescono ad arrivare all’equivalente di circa 200 euro. I fratelli usano metà della somma raccolta per le spese della Sala del Regno, e inviano l’altra metà come contribuzione per l’opera mondiale.

Quattro milioni di ascoltatori

Il 5 marzo 2016, in occasione della visita alla filiale del Burundi da parte del fratello Anthony Griffin, rappresentante della sede mondiale, si è tenuto uno degli eventi di maggior rilievo nella storia teocratica del paese. È stato trasmesso dalla più importante stazione radio nazionale un programma speciale per le congregazioni. Si calcola che gli ascoltatori siano stati circa quattro milioni.

Grazie al programma è stata data una grande testimonianza, e molti hanno fatto commenti positivi. Un fonico che ha collaborato alla trasmissione ha detto: “Dovete farne  di più di questi programmi!” E un dipendente della stazione radio ha scritto: “Continuate [a fare programmi simili]. Senza dubbio salveranno molte persone”. In diversi autobus e taxi la radio era sintonizzata sul programma.

All’improvviso non si è sentita più la musica

Il giorno prima della Commemorazione del 2016 i fratelli di un piccolo gruppo isolato del Nepal vennero a sapere che la sera della Commemorazione ci sarebbe stato un grande concerto nella scuola accanto alla sala che avevano preso in affitto.

A questi concerti il volume della musica è altissimo. La mattina della Commemorazione, mentre i fratelli pulivano la sala, un organizzatore del concerto disse: “Non riuscirete a sentire nient’altro che la nostra musica”.

Il concerto iniziò a mezzogiorno, e come previsto il volume era davvero assordante. Anche se i fratelli avevano noleggiato una cassa molto più potente di quella che avevano originariamente pensato di usare, non riuscivano a sentire nemmeno la prova del microfono. I fratelli erano demoralizzati, ma pregarono Geova. Poi, quando mancava mezz’ora alla Commemorazione e molti fratelli cominciavano ad arrivare, all’improvviso non si sentì più la musica. Durante il concerto era scoppiata una rissa tra alcune persone che avevano bevuto, e la polizia aveva interrotto l’evento. Così i fratelli riuscirono a celebrare la Commemorazione in maniera dignitosa e senza alcun disturbo.

Apprezzato il sito jw.org

Giuseppe è un pioniere regolare che vive in Italia. Lavora da casa per un’azienda che si occupa di sviluppo  informatico e tecnologico. Lo scorso maggio, insieme a 70 colleghi, ha partecipato a una riunione generale in cui si esaminavano nuovi strumenti e strategie per la loro azienda. L’amministratore delegato ha iniziato il suo intervento dicendo che alcuni siti Internet sono degli esempi pratici a cui l’azienda dovrebbe ispirarsi. Poi ha mostrato uno di questi esempi. Giuseppe è rimasto sorpreso quando ha visto comparire la home page del sito jw.org. L’amministratore delegato ha detto: “Questo è il miglior sito Internet del mondo!” Poi ha cominciato ad analizzare alcuni aspetti tecnici del sito parlando in modo positivo della facilità di utilizzo dei link e della veste grafica accattivante.

“I miei colleghi sono rimasti molto colpiti dal numero di lingue in cui il sito è tradotto”, dice Giuseppe. “A un certo  punto, davanti a tutti i presenti e all’amministratore delegato, il mio responsabile ha detto: ‘Giuseppe è testimone di Geova’. Allora l’amministratore delegato rivolgendosi a me ha replicato: ‘Devo fare i complimenti alla vostra organizzazione. Avete realizzato un portale che dal punto di vista tecnico farebbe invidia a qualsiasi azienda o organizzazione al mondo. Immagino gli sforzi che fate per mantenerlo aggiornato e fruibile e l’attenzione con cui curate i contenuti e ogni dettaglio’. Ho provato un certo imbarazzo nel ricevere tutte quelle lodi per qualcosa che in realtà io non ho fatto. Ma sono contento che sia stata data una così grande testimonianza a molti che non sapevano niente dei Testimoni di Geova. Da quel giorno con molti colleghi ho conversazioni su argomenti spirituali, e con tre di loro ho iniziato a studiare la Bibbia”. L’azienda per cui Giuseppe lavora continua a studiare il nostro sito jw.org, mentre Giuseppe continua a parlare della Bibbia con i suoi colleghi.

Ha rinunciato al calcio

Argentina: Jorge gioca a calcio con i fratelli

Jorge è un ragazzo che vive in Argentina. All’inizio del 2010 Jorge sentì parlare per la prima volta della buona notizia grazie a un compagno di classe. Successivamente iniziò a studiare la Bibbia usando il libro Cosa insegna realmente la Bibbia? A quel tempo giocava a calcio e, dato che era molto bravo, era riuscito a qualificarsi nella seconda squadra di un importante club. Nell’aprile del 2014 ricevette l’offerta allettante di giocare in una squadra della Germania. Era entusiasta all’idea di diventare un calciatore professionista, quindi accettò l’offerta. Alcuni giorni prima che Jorge partisse per l’Europa, il suo allenatore gli disse: “Tu sei testimone di Geova, giusto? Non rovinarti la vita andando  all’estero. Quando ero giovane anche io ero Testimone. Fui invitato a giocare per una squadra asiatica: mi avevano promesso molte cose, e io ero affascinato da tutto questo. Andai lì con la mia famiglia, ma tornammo indietro molto delusi”. Jorge dice: “Le parole del mio allenatore ebbero un forte impatto su di me e alla fine decisi di non andare in Europa. Nel 2015 sono diventato proclamatore della buona notizia e mi sono battezzato”.

Una vera benedizione disponibile gratuitamente

Nel settembre del 2015 a Kampala, in Uganda, si è tenuto il congresso di zona “Imitiamo Gesù!” Con grande felicità dei presenti, Mark Sanderson, del Corpo Direttivo, ha presentato la Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture in luganda.

Una donna che studia la Bibbia ha detto: “Ricevere questa meravigliosa Bibbia mi ha reso immensamente felice! In quei giorni la gente si stava preparando per la visita del papa. Per raccogliere fondi, si vendevano dei rosari ‘benedetti’ al prezzo di 30 dollari. Le persone volevano ricevere la benedizione, ma molti non avevano i soldi. Io invece ho ricevuto una vera benedizione gratuitamente. Geova l’ha data a tutti quelli che sono venuti al congresso, e ognuno poteva scegliere se offrire spontaneamente una contribuzione. Ogni giorno, quando leggo la Bibbia nella mia lingua e riesco a conoscere meglio Dio, mi sento davvero benedetta. Ringrazio Geova per avermi dato una copia della Bibbia”.

Sotto l’influsso degli spiriti?

Nel tentativo di screditare il sito www.jw.org, capi religiosi di alcune chiese di una zona del Congo (Kinshasa) dissero  ai loro fedeli che le pubblicazioni dei Testimoni di Geova venivano stampate sotto l’influsso degli spiriti. Per dimostrare questa affermazione, spiegarono che le lettere “www” corrisponderebbero al numero 666 del libro di Rivelazione (Riv. 13:18). Per questo motivo alcune persone smisero di studiare la Bibbia.

Dopo aver pregato al riguardo, una coppia di pionieri decise di invitare a casa le persone con cui studiavano e i relativi coniugi. Tre coppie accettarono l’invito. Dopo aver mangiato insieme, la coppia di Testimoni mostrò loro il video I testimoni di Geova: organizzati per annunciare la buona notizia. Vedendo il video, gli invitati capirono che quello che avevano sentito circa le nostre pubblicazioni era del tutto falso. La settimana dopo, il marito di una delle persone che studiavano con loro insisté che accettassero una contribuzione equivalente a circa 100 euro per l’opera mondiale, sebbene lui non studiasse ancora la Bibbia.

Imparare i nuovi cantici

I fratelli che vivono in una zona remota della Papua Nuova Guinea non hanno Internet, ma desiderano tanto imparare i nuovi cantici del Regno. Così, per ottenere il testo dei cantici, la congregazione di Mundip incarica un fratello di andare nella città più vicina, che dista due ore di cammino e due ore di autobus. Una volta arrivato, il fratello si collega a Internet e scrive il testo dei cantici su un quaderno. Poi torna indietro e riscrive il testo su una lavagna nella Sala del Regno così che tutti possano copiarlo per le adunanze. I fratelli sono felici di poter adorare Geova cantando in unità con le congregazioni di tutto il mondo.