Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Annuario dei Testimoni di Geova del 2016

Burundi: Nolla mostra La Torre di Guardia agli uomini che le avevano chiesto del carbone

 PREDICANO E INSEGNANO IN TUTTA LA TERRA

Africa

Africa
  • PAESI 58

  • POPOLAZIONE 1.082.464.150

  • PROCLAMATORI 1.453.694

  • STUDI BIBLICI 3.688.959

Testimonianza in motocicletta

Benin: Désiré usa un impianto audio sul suo mototaxi per far ascoltare la buona notizia ai passeggeri

Nelle città del sud del Benin i mototaxi, localmente chiamati zem, sono mezzi di trasporto molto utilizzati. Désiré, un pioniere ausiliario, ha installato sul suo zem un impianto audio e ha montato due altoparlanti rivolti verso il passeggero. Fa ascoltare di continuo registrazioni di pubblicazioni e drammi biblici. Quando un passeggero sale sul suo zem, di solito non passa molto prima che si  metta ad ascoltare con attenzione le registrazioni. Molti si lasciano catturare così tanto da quello che ascoltano che, una volta arrivati a destinazione, esitano a scendere o addirittura si rifiutano di farlo finché la registrazione non è finita. Désiré dice: “Ovviamente non mi dispiacerebbe se pagassero e scendessero dalla moto, così potrei trovare un altro passeggero, ma per me il fatto che ascoltino la buona notizia è più importante dei soldi. Inoltre questo mi permette di distribuire molte pubblicazioni”.

Una bambina determinata

Nolla è una bambina di sei anni che vive con la sua famiglia sulle colline del Burundi. Un giorno, mentre la famiglia stava cucinando con una piccola stufa a carbone, due uomini che lavoravano nella casa accanto chiesero qualche tizzone per accendere il fuoco. In quel momento Nolla, che non va ancora a scuola, stava badando al fuoco e acconsentì che gli uomini prendessero qualche tizzone. Poco dopo, passando accanto a loro, la bambina notò che avevano usato i tizzoni per accendere una sigaretta. Questo le diede molto fastidio e disse loro: “Se avessi saputo che il carbone vi serviva per accendere una sigaretta, non ve l’avrei dato”. Poi si ricordò di aver visto nella Sala del Regno una rivista che aveva in copertina l’immagine di una sigaretta, così corse alla Sala del Regno e si fece dare due copie della Torre di Guardia del 1° giugno 2014, che parlava del fumo. Nolla ritornò dagli uomini e diede loro le riviste, insistendo che le leggessero subito. Più tardi li incontrò di nuovo e diede loro gli inviti per il congresso di zona. Sorpresi dalla determinazione della bambina, gli uomini  furono spinti ad assistere al congresso per due giorni. Durante l’intervallo, Nolla li vide e li invitò a mangiare qualcosa insieme alla sua famiglia. Colpiti da quello che avevano visto e udito al congresso, entrambi gli uomini iniziarono a studiare la Bibbia.

Predicazione nelle carceri

In Liberia alcuni anziani predicano il messaggio del Regno in vari penitenziari. Yves, un pioniere speciale della capitale, Monrovia, spiega: “A marzo tre detenuti sono diventati proclamatori non battezzati. Questo ha fatto salire a sei il numero dei proclamatori nella prigione centrale di Monrovia”. Come fanno questi proclamatori a predicare? “Si incontrano per il ministero di campo il mercoledì e il sabato”, spiega Yves. “Poi viene consentito loro di andare di cella in cella per parlare del messaggio di speranza della Bibbia con gli altri detenuti”. Molti di questi adesso studiano la Bibbia a livello individuale e assistono alle adunanze che si tengono nella prigione. Un rappresentante della filiale ha pronunciato in quella prigione un discorso pubblico a cui hanno assistito 79 detenuti. In altre sei prigioni si tengono regolarmente dei corsi di studio della Bibbia, e tra i detenuti si notano cambiamenti positivi.

“Abbiamo un disperato bisogno di aiuto”

Sono stati fatti grandi sforzi per aiutare le persone interessate che vivono in luoghi isolati ad assistere alla Commemorazione. In uno di questi territori vivono i san, gli abitanti originari dell’Africa meridionale conosciuti anche come boscimani. Questo popolo viveva una vita nomade e si dedicava alla caccia e alla raccolta. Nel 2015 Glenn, un  pioniere speciale che serve nel nord della Namibia, ha organizzato la Commemorazione in un remoto villaggio san che si trova circa 270 chilometri a est di Rundu. Era la seconda volta che si teneva la Commemorazione lì. In entrambe le occasioni le autorità del villaggio hanno dato ai Testimoni il permesso di usare gratuitamente l’aula del tribunale. Nonostante la forte pioggia caduta sia prima che durante la Commemorazione, i presenti sono stati 232. I boscimani della zona parlano la lingua khwe, che è nota per i tanti suoni schioccanti. Il discorso è stato tradotto dall’inglese al khwe. Dato che non esiste una Bibbia in khwe, per spiegare versetti come Isaia 35:5, 6 sono state proiettate delle diapositive a colori. Glenn, che in quella zona conduce diversi studi biblici con persone che fanno buoni progressi, racconta: “Da due anni vengo qui regolarmente una volta al mese. Sto in tenda per alcuni giorni. La crescita è stata lenta a motivo della lingua e della distanza. Abbiamo un disperato bisogno di aiuto. Quest’anno, quando sono andato dalle autorità locali per organizzare la Commemorazione, un membro del comitato che dirige la comunità mi ha chiesto se ci avrebbe fatto piacere costruire un luogo di culto. Ha detto che il comitato avrebbe procurato il terreno e costruito l’edificio a proprie spese. L’unica cosa che dovevamo fare era provvedere un ‘pastore’ o perlomeno fornire guida a qualcuno perché lo diventasse”.

Namibia: Due proclamatrici felici di parlare della buona notizia con una donna himba