Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Annuario dei Testimoni di Geova del 2015

 REPUBBLICA DOMINICANA

Si fa fronte alla crescita

Si fa fronte alla crescita

“Ogni sorta di uomini siano salvati”

È volontà di Geova che “ogni sorta di uomini siano salvati e vengano all’accurata conoscenza della verità” (1 Tim. 2:4). In armonia con questo pensiero divino, i Testimoni di Geova della Repubblica Dominicana si sono sforzati coscienziosamente di predicare in ogni angolo del loro territorio, raggiungendo anche chi è recluso negli istituti penitenziari.

Nel 1997, durante una delle visite settimanali nel carcere di Najayo a San Cristóbal, una coppia di pionieri speciali incontrò Gloria, una ragazza colombiana di 23 anni che era finita in prigione per traffico di droga. Gloria aveva già parlato con una sorella che era stata imprigionata ingiustamente. Per aiutarla a trovare la risposta alle sue domande sulla Bibbia, la coppia le portò il libro Ragioniamo facendo uso delle Scritture e altre pubblicazioni. Il suo entusiasmo e la sua voglia di imparare contagiarono altre detenute, così il gruppo che ogni settimana veniva visitato diventava sempre più numeroso.

Grazie alla verità, Gloria fece straordinari cambiamenti e nel 1999 diventò proclamatrice non battezzata. Nel suo territorio,  il carcere, dedicava ogni mese più di 70 ore alla predicazione e conduceva sei studi biblici con altre detenute che progredivano spiritualmente. Poi nel 2000 chiese e le fu concessa la grazia per buona condotta, fu quindi rilasciata e fatta rientrare in Colombia. Nel 2001, subito dopo essere tornata nel suo paese d’origine, si battezzò nonostante la sua famiglia si fosse opposta con forza.

Gloria Cardona conobbe la verità mentre era in carcere. Adesso lei e il marito sono pionieri

Dopo il battesimo Gloria ha iniziato a fare la pioniera. Ha sposato un fratello che serve come anziano ed entrambi sono pionieri regolari. Attualmente servono in una zona della Colombia dove il bisogno è maggiore. Gloria ha aiutato diversi dei suoi studenti a dedicare la propria vita a Geova e a battezzarsi. Si sente in debito verso Geova e pensa che il modo migliore per ripagarlo sia quello di dare agli altri ciò che lei stessa ha ricevuto: aiuto per conoscere la verità.

Come mostra l’esperienza di Gloria, le sbarre di una prigione non hanno impedito ai detenuti di conoscere verità che possono salvare la vita. Rappresentanti della filiale si sono incontrati con alcuni funzionari del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria per richiedere un’autorizzazione che consenta ai fratelli di accedere a più carceri e tenere studi biblici. In seguito a quell’incontro, a 43 fratelli e a 6 sorelle è stato rilasciato un permesso per svolgere l’opera di insegnamento biblico all’interno di 13 carceri.

“Allunga le corde della tua tenda”

Alla fine del XX secolo, nella Repubblica Dominicana c’erano 21.684 proclamatori della buona notizia in 342 congregazioni e si conducevano 34.380 studi biblici. I presenti alla Commemorazione del 1999 furono 72.679. A seguito di quella crescita, il popolo di Geova accolse con senso di urgenza l’invito di Isaia: “Rendi più spazioso il luogo della tua tenda. E stendano i teli di tenda del tuo grande  tabernacolo. Non ti trattenere. Allunga le corde della tua tenda” (Isa. 54:2).

Adesso si presentava la sfida di realizzare una Sala delle Assemblee sufficientemente grande per il crescente numero di proclamatori. Nel 1996 fu completata la Sala delle Assemblee adiacente alla filiale di Santo Domingo. Questa struttura era adeguata per le congregazioni della capitale e delle zone limitrofe. Per contro, la Sala delle Assemblee di Villa González, utilizzata dalle altre congregazioni della Repubblica Dominicana, doveva essere urgentemente ristrutturata o sostituita.

Nel 2001 il Corpo Direttivo approvò la costruzione, sul terreno di Villa González, di una nuova Sala delle Assemblee con 2.500 posti a sedere. I fratelli furono entusiasti di sapere che sarebbe nata anche una struttura dedicata alla Scuola di Addestramento per il Ministero (ora sostituita  dalla Scuola per evangelizzatori del Regno). Sarebbe sorta accanto alla Sala delle Assemblee e avrebbe avuto alloggi, un’aula, una biblioteca, una cucina e una sala da pranzo. Nel 2004 Theodore Jaracz, del Corpo Direttivo, pronunciò il discorso di dedicazione dei nuovi edifici. Da allora, si sono diplomati studenti di 15 classi.