Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Annuario dei Testimoni di Geova del 2014

 ASPETTI SALIENTI DELL’ANNO PASSATO

Un affascinante viaggio nel tempo

Un affascinante viaggio nel tempo

Nell’ottobre 2012 a Brooklyn è stata inaugurata un’esposizione sulla storia dei Testimoni di Geova che gli ospiti possono visitare senza bisogno di una guida. L’esposizione presenta gli ostacoli e i pericoli che hanno affrontato uomini e donne animati dal desiderio di vivere il cristianesimo.

Solo nella prima settimana più di 4.200 ospiti e membri della famiglia Betel hanno visitato la mostra. Naomi, una Testimone che abita nella zona, l’ha visitata poco dopo l’apertura. “La mostra è strutturata secondo una linea cronologica che mi ha aiutato a capire quando e perché si sono verificati quegli eventi”, ha detto. “Ho imparato molto riguardo alla nostra organizzazione e alla sua storia recente”.

 L’esposizione abbraccia un periodo di tempo che va dall’anno 33 fino ai nostri giorni. Si articola in quattro sezioni: ognuna ha un tema scritturale ed è introdotta da un breve filmato in inglese con sottotitoli in sette lingue.

La prima sezione, “Gli uomini hanno amato le tenebre”, trae spunto dalle parole di Gesù riportate in Giovanni 3:19. La Bibbia prediceva che dopo la morte degli apostoli sarebbero sorti uomini malvagi che avrebbero detto “cose storte” (Atti 20:30). Chi osava andare controcorrente pagava un prezzo altissimo.

In netto contrasto la sezione successiva, “Rifulga la luce”, espressione contenuta in 2 Corinti 4:6, riparte dalla fine dell’Ottocento, quando un gruppo di uomini sinceri intraprese lo studio delle Scritture con un approccio nuovo.  Essi abbandonarono consolidate credenze che non corrispondono a ciò che insegna la Bibbia e predicarono con coraggio illuminanti verità. Questa sezione racconta come aumentò la loro conoscenza e come crebbero numericamente prima della Grande Guerra.

Il viaggio prosegue in una sala in cui si presenta un’opera cinematografica che tuttora affascina i testimoni di Geova. Nel 1914 gli Studenti Biblici (come erano conosciuti allora i Testimoni di Geova) cominciarono a presentare il “Fotodramma della Creazione”. Milioni di persone accorsero a vedere questa rappresentazione, che combinava diapositive, filmati e una colonna sonora sincronizzata. La mostra comprende alcune illustrazioni originali, un breve video che contiene l’introduzione del programma e più di 500 diapositive a colori.

 L’accanita persecuzione che Satana scatenò nei confronti dei seguaci di Cristo, di cui si parla in Rivelazione 12:17, è il tema della terza sezione, “Il dragone si adirò”. Qui è documentata la neutralità dei cristiani durante la guerra. Oltre a una mostra di oggetti e fotografie, brevi filmati mostrano i metodi coercitivi usati contro alcuni obiettori di coscienza, come nel caso di Remigio Cuminetti, un Testimone italiano che durante la prima guerra mondiale rifiutò di indossare l’uniforme militare e di combattere. Un altro filmato presenta la vicenda di Alois Moser, un Testimone austriaco che rifiutò di dire “Heil Hitler!” e che per questo perse il lavoro e fu infine rinchiuso nel campo di concentramento di Dachau. La ricostruzione di una cella buia fa da toccante sfondo per una raccolta di fotografie di testimoni di Geova che, a causa della loro fede, furono imprigionati in Giappone, Grecia, Polonia, ex Iugoslavia e altri paesi.

L’ultima sezione, che ha per tema “Una buona notizia per tutte le nazioni” ed è basata su Rivelazione 14:6, descrive l’attività dei Testimoni di Geova negli ultimi decenni. Lungo la parete, una raccolta di fotografie ripercorre la storia della loro rapida crescita, della loro assidua predicazione e del loro amore fraterno. Prima di lasciare la mostra i visitatori possono avvalersi di postazioni interattive per esplorare la Casa Biblica e il Tabernacolo di Brooklyn, edifici usati dai Testimoni di Geova più di 100 anni fa.

L’esposizione si trova al numero 25 di Columbia Heights, a Brooklyn, ed è aperta dal lunedì al venerdì, dalle 8:00 alle 17:00. L’entrata è libera. Se vi trovate a New York, perché non venite a fare questo affascinante viaggio nel tempo?