Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al sommario

Numeri 14:1-45

SOMMARIO

  • Il popolo vuole tornare in Egitto (1-10)

    • Rapporto positivo di Giosuè e Caleb (6-9)

  • Geova si adira; Mosè intercede (11-19)

  • Punizione: 40 anni nel deserto (20-38)

  • Israeliti sconfitti dagli amalechiti (39-45)

14  Quindi tutta l’assemblea si mise a gridare, e continuò a urlare e a piangere per l’intera notte.+  Tutti gli israeliti cominciarono a mormorare contro Mosè e Aronne,+ e tutta l’assemblea parlò contro di loro e disse: “Fossimo morti nel paese d’Egitto, o fossimo morti in questo deserto!  Perché Geova ci porta in quel paese per morire di spada?+ Le nostre mogli e i nostri figli saranno fatti preda.+ Non è meglio che ce ne torniamo in Egitto?”+  Si dissero addirittura l’un l’altro: “Nominiamo qualcuno che ci guidi e torniamo in Egitto!”+  A ciò Mosè e Aronne si inginocchiarono con il viso a terra davanti all’intera congregazione degli israeliti che si era radunata.  Giosuè+ figlio di Nun e Càleb+ figlio di Iefùnne, che erano tra quelli che avevano esplorato il paese, si strapparono le vesti  e dissero a tutta l’assemblea degli israeliti: “Il paese che abbiamo attraversato per esplorarlo è un paese molto, molto buono.+  Se Geova è contento di noi, certamente ci farà entrare in questo paese e ce lo darà, un paese dove scorrono latte e miele.+  Ma non vi dovete ribellare a Geova e non dovete avere paura degli abitanti del paese,+ perché li annienteremo facilmente.* Loro non hanno più alcuna protezione, mentre con noi c’è Geova.+ Non abbiate paura di loro”. 10  Comunque tutta l’assemblea parlò di lapidarli.+ La gloria di Geova, però, apparve sulla tenda dell’incontro a tutti gli israeliti.+ 11  Geova allora disse a Mosè: “Per quanto ancora questo popolo mi mancherà di rispetto?+ E per quanto ancora non riporranno fede in me nonostante tutti i miracoli* che ho compiuto in mezzo a loro?+ 12  Li colpirò con un’epidemia e li annienterò, e farò di te una nazione più grande e più potente di loro”.+ 13  Ma Mosè disse a Geova: “Poi però gli egiziani, ai quali hai portato via questo popolo con la tua potenza, lo verranno a sapere+ 14  e ne parleranno con gli abitanti di questo paese. Anche loro hanno udito che tu, Geova, sei in mezzo a questo popolo+ e gli appari faccia a faccia.+ Tu sei Geova, e la tua nuvola sta su di loro, e vai davanti a loro nella colonna di nuvola di giorno e nella colonna di fuoco di notte.+ 15  Se tu mettessi a morte questo popolo tutto in una volta,* le nazioni che hanno udito della tua fama direbbero questo: 16  ‘Siccome Geova non è riuscito a far entrare questo popolo nel paese che aveva giurato di dargli, ne ha fatto una strage nel deserto’.+ 17  Ora Geova, ti prego, dimostra la tua grande potenza, proprio come hai promesso quando hai detto: 18  ‘Geova, che è paziente* e abbonda in amore leale,*+ perdona l’errore e la trasgressione, ma non lascerà affatto impuniti i colpevoli, infliggendo la punizione per l’errore dei padri ai figli, ai nipoti e ai pronipoti’.*+ 19  Sulla base del tuo grande amore leale perdona, ti prego, l’errore di questo popolo, proprio come hai perdonato questo popolo dall’Egitto fino a qui”.+ 20  Quindi Geova disse: “Lo perdono, come tu mi hai chiesto.+ 21  In ogni caso, com’è vero che io vivo, tutta la terra sarà piena della gloria di Geova.+ 22  Ma nessuno degli uomini che hanno visto la mia gloria e i miracoli+ che ho compiuto in Egitto e nel deserto, e che tuttavia hanno continuato a mettermi alla prova+ queste dieci volte e non hanno ascoltato la mia voce,+ 23  vedrà mai il paese che giurai di dare ai loro padri. No, nessuno di quelli che mi hanno mancato di rispetto lo vedrà.+ 24  Il mio servitore Càleb,+ invece, ha mostrato uno spirito diverso e ha continuato a seguirmi con tutto il cuore; perciò lo farò sicuramente entrare nel paese in cui è stato, e i suoi discendenti ne prenderanno possesso.+ 25  Visto che gli amalechiti e i cananei+ vivono nella valle,* domani tornate indietro mettendovi in viaggio verso il deserto per la via del Mar Rosso”.+ 26  Geova disse poi a Mosè e ad Aronne: 27  “Fino a quando questa assemblea malvagia continuerà a mormorare contro di me?+ Ho sentito quello che gli israeliti mormorano contro di me.+ 28  Di’ loro: ‘“Com’è vero che io vivo”, dichiara Geova, “vi farò proprio quello che vi ho sentito dire!+ 29  I vostri cadaveri cadranno in questo deserto,+ tutti quelli che fra voi hanno dai 20 anni in su e sono stati registrati, tutti voi che avete mormorato contro di me.+ 30  Nessuno di voi entrerà nel paese nel quale giurai* di farvi risiedere,+ eccetto Càleb figlio di Iefùnne e Giosuè figlio di Nun.+ 31  “‘“E farò entrare i vostri figli, che secondo voi saranno fatti preda,+ e loro conosceranno il paese che voi avete disprezzato.+ 32  Ma i vostri cadaveri cadranno in questo deserto. 33  I vostri figli diventeranno pastori nel deserto per 40 anni+ e dovranno portare la colpa dei vostri atti di infedeltà* finché l’ultimo dei vostri cadaveri non sia caduto nel deserto.+ 34  Secondo il numero dei giorni che impiegaste per esplorare il paese, 40 giorni,+ un giorno per un anno, un giorno per un anno, risponderete dei vostri errori per 40 anni;+ così capirete cosa significa opporsi a me.* 35  “‘“Io, Geova, ho parlato. Questo è ciò che farò a tutta questa malvagia assemblea, a quelli che si sono riuniti contro di me: in questo deserto giungeranno alla loro fine e qui moriranno.+ 36  Gli uomini che Mosè ha mandato a esplorare il paese e che al loro ritorno hanno fatto mormorare tutta l’assemblea contro di lui presentando un rapporto negativo sul paese,+ 37  proprio gli uomini che sono tornati con quel rapporto negativo saranno puniti e moriranno davanti a Geova.+ 38  Ma Giosuè figlio di Nun e Càleb figlio di Iefùnne, che sono fra coloro che sono andati a esplorare il paese, sicuramente continueranno a vivere”’”.+ 39  Quando Mosè pronunciò queste parole a tutto il popolo, gli israeliti si addolorarono molto. 40  La mattina di buon’ora si alzarono e cercarono di salire in cima al monte; dissero: “Abbiamo peccato. Ma ora siamo pronti a salire al luogo di cui Geova ha parlato”.+ 41  Ma Mosè disse: “Perché trasgredite l’ordine di Geova? Questa cosa non avrà buon esito. 42  Non salite, perché Geova non è con voi; sarete sconfitti dai vostri nemici.+ 43  Gli amalechiti e i cananei sono là pronti ad affrontarvi,+ e voi morirete di spada. Siccome avete smesso di seguire Geova, Geova non sarà con voi”.+ 44  Loro, però, ebbero la presunzione di salire verso la cima del monte,+ ma l’Arca del Patto di Geova e Mosè non si mossero dal centro dell’accampamento.+ 45  Quindi gli amalechiti e i cananei che vivevano su quel monte scesero e li attaccarono, disperdendoli fino a Orma.+

Note in calce

Lett. “sono pane per noi”.
O “segni”.
Lett. “come un sol uomo”.
O “lento all’ira”.
O “amorevole benignità”.
O “alla terza e alla quarta generazione”.
O “bassopiano”.
Lett. “alzai la mia mano”.
Lett. “prostituzione”.
O “avermi come nemico”.