Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al sommario

Neemia 12:1-47

SOMMARIO

  • I sacerdoti e i leviti (1-26)

  • Inaugurazione delle mura (27-43)

  • Sostenuto il servizio al tempio (44-47)

12  Questi furono i sacerdoti e i leviti che tornarono con Zorobabèle,+ figlio di Sealtièl,+ e Ièsua:+ Seraìa, Geremia, Esdra,  Amarìa, Mallùc, Attùs,  Secanìa, Reùm, Meremòt,  Iddo, Ghinnetòi, Abìa,  Miamìn, Maadìa, Bilga,  Semaìa, Ioiarìb, Iedaìa,  Sallu, Amòc, Ilchìa e Iedaìa. Questi furono i capi dei sacerdoti e dei loro fratelli ai giorni di Ièsua.  I leviti furono Ièsua, Binnùi, Cadmièl,+ Serebìa, Giuda e Mattanìa,+ che insieme ai suoi fratelli guidava i canti di ringraziamento.  Bacbuchìa e Unni, loro fratelli, stavano di fronte a loro per i turni di guardia.* 10  Ièsua generò Ioiachìm, Ioiachìm generò Eliasìb,+ ed Eliasìb Iòiada.+ 11  Iòiada generò Gionatan, e Gionatan generò Iaddùa. 12  Ai giorni di Ioiachìm questi furono i sacerdoti, i capi delle case paterne: per Seraìa,+ Meraìa; per Geremia, Hananìa; 13  per Esdra,+ Mesullàm; per Amarìa, Ieoanàn; 14  per Mallùchi, Gionatan; per Sebanìa, Giuseppe; 15  per Arìm,+ Adna; per Meraiòt, Elcài; 16  per Iddo, Zaccarìa; per Ghinnetòn, Mesullàm; 17  per Abìa,+ Zicri; per Miniamìn, [?];* per Moadìa, Piltài; 18  per Bilga,+ Sammùa; per Semaìa, Ieonatàn; 19  per Ioiarìb, Mattenài; per Iedaìa,+ Uzzi; 20  per Sallài, Callài; per Amòc, Èber; 21  per Ilchìa, Asabìa; per Iedaìa, Netanèl. 22  I capi delle case paterne dei leviti e dei sacerdoti furono registrati ai giorni di Eliasìb, Iòiada, Ioanàn e Iaddùa,+ fino al regno di Dario il persiano. 23  I leviti che erano capi delle case paterne furono registrati nel libro dei fatti storici, fino ai giorni di Ioanàn, figlio di Eliasìb. 24  I capi dei leviti furono Asabìa, Serebìa e Ièsua,+ figlio di Cadmièl;+ i loro fratelli stavano di fronte a loro per offrire lodi e ringraziamenti secondo le istruzioni di Davide,+ l’uomo del vero Dio, gruppo di guardie accanto a gruppo di guardie. 25  Mattanìa,+ Bacbuchìa, Abdìa, Mesullàm, Talmòn e Accùb+ facevano la guardia come portinai,+ sorvegliando i depositi presso le porte. 26  Questi prestavano servizio ai giorni di Ioiachìm, figlio di Ièsua,+ figlio di Iozadàc, e ai giorni del governatore Neemìa e di Esdra,+ sacerdote e copista.* 27  Per l’inaugurazione delle mura di Gerusalemme si cercarono i leviti in tutti i luoghi in cui vivevano perché venissero a Gerusalemme a celebrare l’inaugurazione con gioia, con canti di ringraziamento,+ e con cembali,* cetre e altri strumenti a corda. 28  E i figli dei cantori* si radunarono dalla pianura,* dai dintorni di Gerusalemme, dagli abitati dei netofatiti,+ 29  da Bet-Ghìlgal+ e dalle campagne di Gheba+ e Azmàvet;+ i cantori infatti si erano costruiti insediamenti nei dintorni di Gerusalemme. 30  I sacerdoti e i leviti purificarono sé stessi, il popolo,+ le porte+ e le mura.+ 31  Feci quindi salire i principi di Giuda sulle mura. Inoltre organizzai due grandi cori di ringraziamento con i relativi cortei. Uno camminava sulle mura a destra, verso la Porta dei Mucchi di Cenere.+ 32  Osaìa e metà dei principi di Giuda camminavano dietro a questo coro, 33  insieme ad Azarìa, Esdra, Mesullàm, 34  Giuda, Beniamino, Semaìa e Geremia. 35  Con loro c’erano alcuni figli dei sacerdoti con le trombe:+ Zaccarìa, figlio di Gionatan, figlio di Semaìa, figlio di Mattanìa, figlio di Micaìa, figlio di Zaccùr, figlio di Àsaf,+ 36  e i suoi fratelli Semaìa, Azarèl, Milalài, Ghilalài, Maài, Netanèl, Giuda e Hanàni, con gli strumenti musicali di Davide,+ l’uomo del vero Dio; Esdra+ il copista* camminava davanti a loro. 37  Alla Porta della Fonte+ proseguirono diritto sulla Scalinata+ della Città di Davide,+ per la salita delle mura sopra la Casa di Davide e fino alla Porta delle Acque,+ a est. 38  L’altro coro di ringraziamento camminava nella direzione opposta,* e io lo seguivo, insieme a metà del popolo, sulle mura oltre la Torre dei Forni+ e fino al Muro Largo,+ 39  alla Porta di Èfraim,+ alla Porta della Città Vecchia,+ alla Porta dei Pesci,+ alla Torre di Ananèl,+ alla Torre di Mea e alla Porta delle Pecore;+ e ci fermammo alla Porta della Guardia. 40  Alla fine i due cori di ringraziamento si fermarono davanti alla casa del vero Dio; lo stesso feci io con la metà dei governatori delegati che erano con me 41  e i sacerdoti Eliachìm, Maaseìa, Miniamìn, Micaìa, Elioenài, Zaccarìa e Hananìa con le trombe, 42  e Maaseìa, Semaìa, Eleàzaro, Uzzi, Ieoanàn, Malchìa, Èlam ed Èzer. E i cantori cantavano a piena voce diretti da Izraìa. 43  Quel giorno offrirono grandi sacrifici e si rallegrarono,+ perché il vero Dio aveva concesso loro una grande gioia. Anche le donne e i bambini si rallegrarono,+ tanto che la gioia di Gerusalemme si sentiva da lontano.+ 44  Quel giorno alcuni uomini furono nominati responsabili dei depositi+ per le contribuzioni,+ le primizie+ e le decime.+ In essi dovevano raccogliere dalle campagne intorno alle città le porzioni richieste dalla Legge+ per i sacerdoti e i leviti;+ c’era infatti gioia in Giuda a motivo del servizio che i sacerdoti e i leviti prestavano. 45  E questi si occupavano degli obblighi relativi al loro Dio e alla purificazione, come facevano anche i cantori e i portinai, secondo le istruzioni di Davide e di suo figlio Salomone. 46  Infatti in passato, ai giorni di Davide e Àsaf, c’erano direttori* per i cantori e per i canti di lode e di ringraziamento a Dio.+ 47  E ai giorni di Zorobabèle+ e ai giorni di Neemìa tutto Israele dava porzioni ai cantori+ e ai portinai,+ in base alle necessità quotidiane. Inoltre metteva da parte la porzione per i leviti,+ e i leviti mettevano da parte quella per i discendenti di Aronne.

Note in calce

O forse “durante il servizio”.
Qui il testo ebraico evidentemente omette un nome.
O “scriba”.
Strumento a percussione simile ai moderni piatti.
O “i cantori preparati”.
Cioè dalla pianura, o distretto, del Giordano.
O “scriba”.
O “di fronte”.
Lett. “capi”.