Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al sommario

Isaia 41:1-29

SOMMARIO

  • Un conquistatore dall’oriente (1-7)

  • Israele scelto come servitore di Dio (8-20)

    • Il mio amico Abraamo (8)

  • Sfida agli altri dèi (21-29)

41  “Ascoltatemi in silenzio,* isole. Le nazioni ritrovino le forze;si avvicinino e poi parlino.+ Raduniamoci in giudizio.   Chi ha fatto venire qualcuno dall’oriente?+Chi lo ha chiamato ai propri piedi* nella giustiziaper consegnargli le nazionie fargli assoggettare i re?+ Chi li riduce in polvere davanti alla sua spada,come paglia nel vento davanti al suo arco?   Lui li insegue senza incontrare ostacolilungo sentieri che i suoi piedi non hanno mai calcato.   Chi ha agito e ha fatto questo,chiamando le generazioni fin dall’inizio? Io, Geova, sono il Primo;+e con gli ultimi sono lo stesso”.+   Le isole hanno visto e hanno avuto paura. I confini della terra hanno tremato. Si avvicinano, si fanno avanti.   Ognuno aiuta il suo compagnoe dice a suo fratello: “Sii forte”.   Così l’artigiano incoraggia il fabbro.+ Chi forgia con il martellorafforza chi batte sull’incudine,e dice della saldatura: “È buona”. Infine l’idolo viene fissato con chiodi perché non si rovesci.   “Ma tu, o Israele, sei il mio servitore,+tu, o Giacobbe, sei quello che ho scelto,+la discendenza* del mio amico Abraamo,+   che ho preso dai confini della terra+e ho chiamato dagli angoli più remoti. Ti ho detto: ‘Tu sei il mio servitore;+ti ho scelto, non ti ho rigettato.+ 10  Non aver paura, perché io sono con te.+ Non essere ansioso, perché io sono il tuo Dio.+ Ti rafforzerò, ti aiuterò,+ti sorreggerò con la mia destra di giustizia’. 11  Ecco, tutti quelli che si infuriano contro di te saranno svergognati e umiliati.+ Quelli che ti combattono saranno annientati, scompariranno.+ 12  Cercherai gli uomini in lotta con te ma non li troverai;gli uomini in guerra con te saranno ridotti a nulla, al niente assoluto.+ 13  Io, Geova tuo Dio, ti prendo per la destrae ti dico: ‘Non aver paura. Io ti aiuterò’.+ 14  Non aver timore, Giacobbe, piccolo verme,*+popolo d’Israele. Io ti aiuterò”, dichiara Geova, il tuo Redentore,*+ il Santo d’Israele. 15  “Ecco, ho fatto di te una trebbia,*+una trebbia nuova dai denti acuminati. Trebbierai i monti e li stritolerai,e ridurrai i colli come pula.* 16  Li ventilerai,e il vento li porterà via,una tempesta li disperderà. Tu gioirai a motivo di Geova+e ti vanterai del Santo d’Israele.+ 17  I bisognosi e i poveri cercano acqua, ma non ce n’è. Hanno la lingua riarsa per la sete.+ Io, Geova, risponderò loro.+ Io, l’Iddio d’Israele, non li abbandonerò.+ 18  Farò scaturire fiumi sulle colline spoglie+e sorgenti nelle pianure.+ Trasformerò il deserto in uno stagno folto di cannee la terra arida in sorgenti d’acqua.+ 19  Nel deserto pianterò il cedro,l’acacia, il mirto e il pino.+ Nella pianura desertica pianterò il gineproinsieme al frassino e al cipresso,+ 20  affinché tutti vedano e sappiano,prestino attenzione e capiscanoche è stata la mano di Geova a fare questoe che è stato il Santo d’Israele a crearlo”.+ 21  “Presentate la vostra causa”, dice Geova. “Portate le vostre argomentazioni”, dice il Re di Giacobbe. 22  “Fornite le prove e diteci che cosa accadrà. Narrateci le cose passate*in modo che possiamo riflettere su di esse* e capire a cosa porteranno. Oppure annunciateci le cose che verranno.+ 23  Diteci cosa riserva il futuro,così che possiamo riconoscere che siete dèi.+ Fate qualcosa, che sia bene o male,affinché vedendolo possiamo restare stupefatti.+ 24  Ecco, voi siete il nulla,e quello che fate non vale niente.+ Chi vi sceglie è detestabile.+ 25  Ho suscitato qualcuno dal nord, e verrà;+qualcuno dall’oriente+ che invocherà il mio nome. Calpesterà i governanti* come fossero argilla,+come il vasaio pesta l’argilla umida. 26  Chi ha parlato di questo fin dall’inizio, perché noi lo sapessimo? Chi ne ha parlato in tempi passati, perché potessimo dire: ‘Ha ragione’?+ Ebbene, nessuno lo ha annunciato! Nessuno lo ha dichiarato! Nessuno ha sentito una parola da voi!”+ 27  Sono stato io il primo a dire a Sìon: “Eccoli, sono qui!”+ E a Gerusalemme manderò un messaggero di buone notizie.+ 28  Ho guardato, ma non c’era nessuno;tra questi non ce n’è stato uno che abbia dato un consiglio. E ho continuato a chiedere loro una risposta. 29  Ecco, sono tutti un’illusione.* Le loro opere non valgono niente. I loro idoli di metallo* sono vento e nulla.+

Note in calce

O “fate silenzio davanti a me”.
Cioè al proprio servizio.
Lett. “seme”.
Cioè umile e indifeso.
O “Ricompratore”, “colui che ti riscatta”.
Vedi Glossario, “trebbiatura”.
Lett. “prime”.
O “applicare il cuore”.
O “governatori delegati”.
O “qualcosa di inconsistente”.
O “statue di metallo fuso”.