Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al sommario

Geremia 15:1-21

SOMMARIO

  • Geova non cambierà il suo giudizio (1-9)

  • Lamento di Geremia (10)

  • Risposta di Geova (11-14)

  • Preghiera di Geremia (15-18)

    • Mangiare le parole di Geova è piacevole (16)

  • Geremia rafforzato da Geova (19-21)

15  Poi Geova mi disse: “Anche se Mosè e Samuele stessero davanti a me,+ non mostrerei favore a* questo popolo. Allontanalo da me. Fallo andare.  E se ti chiederanno: ‘Dove dobbiamo andare?’, dovrai rispondere: ‘Questo è ciò che Geova dice: “Chiunque merita la piaga mortale, alla piaga mortale! Chiunque merita la spada, alla spada!+ Chiunque merita la carestia, alla carestia! E chiunque merita la schiavitù, alla schiavitù!”’+  “‘E contro di loro’, dichiara Geova, ‘manderò quattro calamità:*+ la spada per uccidere, i cani per trascinare via, gli uccelli dei cieli e le bestie della terra per divorare e distruggere.+  E agli occhi di tutti i regni della terra li farò diventare qualcosa di cui inorridire+ a causa di Manasse, figlio di Ezechìa, re di Giuda, per quello che ha fatto a Gerusalemme.+   Chi avrà pietà di te, o Gerusalemme? Chi proverà compassione per te? E chi si fermerà a chiederti come stai?’   ‘Tu mi hai abbandonato’, dichiara Geova.+ ‘Continui a voltarmi le spalle.*+ Perciò stenderò la mano contro di te e ti distruggerò.+ Sono stanco di provare pietà* per te.   E ventilerò i tuoi abitanti con una forca alle porte del paese. Li priverò di figli.+ Distruggerò il mio popolo,perché si rifiutano di lasciare le loro vie.+   Davanti a me le loro vedove saranno più numerose dei granelli di sabbia del mare. Manderò un distruttore contro di loro a mezzogiorno, contro le madri e i giovani. All’improvviso porterò su di loro scompiglio e terrore.   La donna che ha partorito sette figli si è indebolita;respira* a fatica. Il suo sole è tramontato mentre è ancora giorno,causando vergogna e umiliazione.* E i pochi di loro che restanoli consegnerò alla spada davanti ai loro nemici’, dichiara Geova”.+ 10  Povero me, o madre mia, perché mi hai partorito,+e ora sono un uomo al centro di dispute e liti in tutto il paese. Non ho prestato nulla né ho preso nulla in prestito,eppure tutti mi maledicono. 11  E Geova disse: “Di certo ti sosterrò;di certo intercederò per te di fronte al nemiconel tempo della calamità e nel tempo dell’avversità. 12  C’è qualcuno che possa spezzare il ferro,il ferro del nord, e il rame? 13  A motivo di tutti i peccati che hai commesso in tutti i tuoi territori,farò depredare gratuitamente le tue risorse e i tuoi tesori.+ 14  Li darò ai tuoi nemiciperché li portino in un paese che non conosci.+ La mia ira infatti ha acceso un fuoco,un fuoco che arde contro di te”.+ 15  Tu conosci la mia situazione, o Geova. Ricordati di me e rivolgimi la tua attenzione. Vendicami dei miei persecutori.+ Nella tua pazienza* non lasciarmi morire.* Ricorda che è per amore tuo che sopporto questo disprezzo.*+ 16  Si trovarono le tue parole, e le mangiai.+ E le tue parole riempirono il mio cuore di esultanza e di allegrezza,perché il tuo nome era stato invocato su di me, o Geova, Dio degli eserciti. 17  Non mi siedo con chi fa baldoria, e non mi rallegro.+ Dato che la tua mano è su di me, me ne sto seduto tutto solo,perché mi hai riempito di indignazione.*+ 18  Perché il mio dolore è cronico e la mia ferita incurabile? Si rifiuta di guarire. Diverrai per me come una riserva d’acqua illusoriadi cui non ci si può fidare? 19  Pertanto questo è ciò che Geova dice: “Se tu tornerai, io ti ristabilirò,e starai davanti a me. Se separerai quello che è prezioso da quello che non ha valore,allora diverrai come la mia bocca.* Loro dovranno tornare da te,ma tu non tornerai da loro”. 20  “Ti renderò per questo popolo un muro di rame fortificato.+ Di sicuro combatteranno contro di te,ma non prevarranno,*+perché io sono con te, per salvarti e liberarti”, dichiara Geova. 21  “Ti libererò dalla mano dei malvagie ti riscatterò dalla mano dei crudeli”.

Note in calce

O “la mia anima non sarebbe con”.
O forse “quattro tipi di giudizio”. Lett. “quattro famiglie”.
O forse “a camminare all’indietro”.
O “rammarico”.
O “la sua anima respira”.
O forse “ha avuto vergogna e si è sentito confuso”.
O “lentezza all’ira”.
Lett. “togliermi via”.
O “biasimo”.
O “un messaggio di denuncia”.
O “diverrai il mio portavoce”.
O “non ti sconfiggeranno”.