Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al sommario

Ezechiele 15:1-8

SOMMARIO

  • Gerusalemme, una vite inutile (1-8)

15  E ricevetti un altro messaggio* di Geova:  “Figlio dell’uomo, il legno della vite regge forse al confronto con il legno di ogni altro albero o con i rami degli alberi della foresta?  Se ne può fare un palo da usare in qualche lavoro? Se ne può ricavare un piolo per appendervi degli utensili?  Ecco, viene buttato nel fuoco come combustibile, e il fuoco ne consuma le estremità e ne bruciacchia la parte centrale. A questo punto serve a qualcosa?  Se non serviva a nulla quando era intatto, figuriamoci dopo che il fuoco l’ha consumato e bruciacchiato!”  “Pertanto questo è ciò che il Sovrano Signore Geova dice: ‘Proprio come ho preso il legno della vite fra gli alberi della foresta e l’ho messo nel fuoco come combustibile, così tratterò gli abitanti di Gerusalemme.+  Ho rivolto la faccia contro di loro. Sono sfuggiti al fuoco, ma il fuoco li consumerà. E quando volgerò la mia faccia contro di loro, dovrete riconoscere che io sono Geova’”.+  “‘Renderò desolato il paese,+ perché hanno agito infedelmente’,+ dichiara il Sovrano Signore Geova”.

Note in calce

Lett. “parola”.