Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Primo libro di Samuele 4:1-22

SOMMARIO

  • I filistei catturano l’Arca (1-11)

  • Eli e i suoi figli muoiono (12-22)

4  E Samuele parlava a tutto Israele. In seguito Israele andò a combattere contro i filistei e si accampò presso Ebenèzer, mentre i filistei erano accampati ad Àfec.  I filistei si schierarono in formazione di battaglia per affrontare Israele; e Israele ebbe la peggio nello scontro e fu sconfitto dai filistei, che uccisero sul campo di battaglia circa 4.000 uomini.  Quando i soldati tornarono all’accampamento, gli anziani d’Israele dissero: “Perché oggi Geova ha permesso che fossimo sconfitti* dai filistei?+ Prendiamo l’Arca del Patto di Geova a Silo+ e portiamola con noi, in modo che stia in mezzo a noi e ci salvi dalla mano dei nostri nemici”.  Furono dunque mandati degli uomini a Silo a prendere l’Arca del Patto di Geova degli eserciti, che siede sul suo trono al di sopra* dei cherubini.+ E con l’Arca del Patto del vero Dio c’erano anche Ofni e Fìneas,+ i due figli di Eli.  Non appena l’Arca del Patto di Geova arrivò nell’accampamento, tutti gli israeliti proruppero in grida così forti da far tremare la terra.  Sentendoli urlare, i filistei dissero: “Perché gridano tanto nell’accampamento degli ebrei?” Infine vennero a sapere che nell’accampamento era arrivata l’Arca di Geova.  Spaventati, i filistei esclamarono: “Dio è venuto nell’accampamento!”+ E aggiunsero: “Poveri noi, non era mai successa una cosa del genere!  Poveri noi! Chi ci salverà dalla mano di questo Dio maestoso? Questo è il Dio che colpì l’Egitto nel deserto con ogni sorta di flagello.+  Coraggio, filistei, siate uomini! Se non volete servire gli ebrei proprio come loro hanno servito voi,+ siate uomini e combattete!” 10  Pertanto i filistei combatterono e Israele fu sconfitto,+ e ciascuno fuggì alla sua tenda. La strage fu enorme: tra le file di Israele caddero 30.000 fanti. 11  Per di più l’Arca di Dio fu catturata, e Ofni e Fìneas, i due figli di Eli, morirono.+ 12  Un beniaminita corse via dal campo di battaglia e arrivò a Silo il giorno stesso, con le vesti strappate e la testa cosparsa di polvere.+ 13  Quando arrivò, Eli stava seduto sul suo seggio al lato della strada, in attesa, perché il suo cuore era in pena per l’Arca del vero Dio.+ Il beniaminita entrò in città per riferire l’accaduto, e dall’intera città si levarono grida di dolore. 14  Sentendo le grida, Eli chiese: “Perché c’è tutta questa confusione?” L’uomo corse da lui e gli riferì la notizia. 15  (Eli aveva 98 anni; aveva lo sguardo fisso, e non ci vedeva più.+) 16  “Io sono quello che è venuto dal campo di battaglia”, disse l’uomo a Eli. “Sono corso via proprio oggi dal campo di battaglia”. Ed Eli chiese: “Com’è andata, figlio mio?” 17  Il messaggero gli rispose: “Israele è fuggito davanti ai filistei, e al popolo è stata inflitta una pesante sconfitta.+ Anche i tuoi due figli, Ofni e Fìneas, sono morti,+ e l’Arca del vero Dio è stata catturata”.+ 18  Nel preciso momento in cui l’uomo menzionò l’Arca del vero Dio, Eli cadde all’indietro dal seggio presso la porta, ed essendo vecchio e pesante si ruppe il collo e morì. Aveva giudicato Israele per 40 anni. 19  Sua nuora, la moglie di Fìneas, era incinta e ormai prossima al parto. Alla notizia che l’Arca del vero Dio era stata catturata e che suo suocero e suo marito erano morti, si piegò su sé stessa e, presa improvvisamente dalle doglie, partorì. 20  Mentre lei moriva, le donne al suo fianco le dissero: “Non aver paura, perché hai dato alla luce un figlio maschio”. Lei non rispose e non badò alle loro parole,* 21  ma chiamò il piccolo Icabòd,*+ dicendo: “La gloria se n’è andata in esilio da Israele”.+ Si riferiva alla cattura dell’Arca del vero Dio e a quello che era successo a suo suocero e a suo marito.+ 22  “La gloria se n’è andata in esilio da Israele”, disse, “perché l’Arca del vero Dio è stata catturata”.+

Note in calce

Lett. “Geova ci ha sconfitto”.
O forse “in mezzo”.
Lett. “non pose il suo cuore”.
Significa “Dov’è la gloria?”