Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture (edizione per lo studio)

Vangelo secondo Luca 18:1-43

18  Quindi Gesù narrò loro una parabola sulla necessità di pregare sempre e di non arrendersi:+  “In una città viveva un giudice che non temeva Dio e non aveva rispetto per nessuno.  In quella città c’era anche una vedova che continuava ad andare da lui e a dirgli: ‘Fa’ che ottenga giustizia contro il mio avversario in giudizio’.  Per qualche tempo lui non acconsentì, ma poi disse fra sé: ‘Anche se non temo Dio e non ho rispetto per nessuno,  dato che questa vedova continua a darmi fastidio farò in modo che ottenga giustizia, così non verrà più a stancarmi con le sue richieste’”.*+  Dopodiché il Signore continuò: “Avete sentito cosa ha detto il giudice, anche se ingiusto?  E Dio non farà giustizia ai suoi eletti che gridano a lui giorno e notte,+ mentre è paziente con loro?+  Vi dico che farà loro giustizia prontamente. Tuttavia, quando il Figlio dell’uomo arriverà, troverà davvero questa fede* sulla terra?”  Inoltre, ad alcuni che erano convinti di essere giusti e che disprezzavano gli altri narrò questa parabola: 10  “Due uomini salirono al tempio per pregare: uno era un fariseo e l’altro un esattore di tasse. 11  Il fariseo, stando in piedi, pregava fra sé: ‘O Dio, ti ringrazio che non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti e adulteri, e neanche come questo esattore di tasse. 12  Io digiuno due volte alla settimana, e do la decima di tutto quello che guadagno’.+ 13  L’esattore di tasse, invece, se ne stava a distanza senza neanche alzare gli occhi al cielo; anzi, battendosi il petto, diceva: ‘O Dio, sii misericordioso con me che sono un peccatore’.+ 14  Io vi dico che, quando se ne tornò a casa, quest’uomo era più giusto del fariseo,+ perché chi si esalta sarà umiliato, ma chi si umilia sarà esaltato”.+ 15  Ora alcuni portavano da lui i loro bambini perché li toccasse, ma vedendo ciò i discepoli li rimproveravano.+ 16  Gesù, però, chiamò a sé i piccoli, dicendo: “Lasciate che i bambini vengano da me e non cercate di fermarli, perché il Regno di Dio appartiene a quelli come loro.+ 17  In verità vi dico: chi non riceve il Regno di Dio come un bambino non vi entrerà affatto”.+ 18  E un capo dei giudei gli chiese: “Maestro buono, cosa devo fare per ereditare la vita eterna?”+ 19  Gesù gli rispose: “Perché mi chiami buono? Nessuno è buono tranne uno solo, Dio.+ 20  Tu conosci i comandamenti: non commettere adulterio,+ non assassinare,+ non rubare,+ non rendere falsa testimonianza,+ onora tuo padre e tua madre”.+ 21  Quindi l’altro replicò: “Li osservo tutti da quando ero giovane”. 22  Sentito ciò, Gesù gli disse: “C’è ancora una cosa che ti manca. Vendi tutto ciò che hai e distribuisci il ricavato ai poveri, e allora avrai un tesoro nei cieli; e vieni, sii mio discepolo”.+ 23  A queste parole l’uomo si addolorò profondamente, perché era ricchissimo.+ 24  Gesù lo guardò e disse: “Quanto sarà difficile per quelli che hanno ricchezze entrare nel Regno di Dio!+ 25  Infatti è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago piuttosto che un ricco entri nel Regno di Dio”.+ 26  Quelli che lo sentirono dissero: “Allora chi potrà mai essere salvato?”+ 27  Lui rispose: “Le cose impossibili agli uomini sono possibili a Dio”.+ 28  Ma Pietro disse: “Ecco, noi abbiamo lasciato le nostre cose e ti abbiamo seguito”.+ 29  Gesù replicò: “In verità vi dico: non c’è nessuno che abbia lasciato casa o moglie o fratelli o genitori o figli per amore del Regno di Dio+ 30  e che non riceva molte volte tanto in questo periodo di tempo, e nel sistema di cose* futuro la vita eterna”.+ 31  Poi prese in disparte i Dodici e disse loro: “Ecco, stiamo salendo a Gerusalemme, e tutte le cose scritte riguardo al Figlio dell’uomo per mezzo dei profeti si adempiranno.*+ 32  Per esempio, lo consegneranno a uomini delle nazioni,+ lo derideranno,+ lo tratteranno con insolenza e gli sputeranno addosso.+ 33  E dopo averlo flagellato, lo uccideranno,+ ma il terzo giorno risorgerà”.+ 34  Comunque loro non capirono nulla di tutto ciò, perché il significato di quelle parole era loro nascosto, e non compresero ciò che fu detto. 35  Ora, mentre Gesù si avvicinava a Gèrico, un cieco stava seduto lungo la strada a chiedere l’elemosina.+ 36  Sentendo passare una folla, chiese cosa stesse succedendo. 37  Gli riferirono: “Sta passando Gesù il Nazareno!” 38  Allora lui si mise a gridare: “Gesù, Figlio di Davide, abbi misericordia di me!” 39  E quelli che stavano davanti cominciarono a rimproverarlo dicendogli di stare zitto, ma lui gridava ancora di più: “Figlio di Davide, abbi misericordia di me!” 40  Gesù perciò si fermò e comandò che l’uomo fosse portato da lui. Quando quello gli fu vicino, Gesù gli chiese: 41  “Cosa vuoi che faccia per te?” L’uomo rispose: “Signore, fammi recuperare la vista”. 42  Così Gesù gli disse: “Recupera la vista; la tua fede ti ha sanato”.+ 43  E all’istante l’uomo tornò a vedere e cominciò a seguirlo,+ glorificando Dio. Davanti a questa scena, anche tutti gli altri diedero lode a Dio.+

Note in calce

O “tormentarmi fino allo stremo”.
O “questo tipo di fede”. Lett. “la fede”.
O “era”, “epoca”. Vedi Glossario, “sistema di cose”.
O “saranno compiute”.

Approfondimenti

Galleria multimediale