Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture (edizione per lo studio)

Levitico 25:1-55

25  Geova parlò ancora a Mosè sul monte Sinai e gli disse:  “Parla agli israeliti e di’ loro: ‘Quando infine sarete entrati nel paese che sto per darvi,+ il paese osserverà un Sabato in onore di Geova.+  Per sei anni seminerai il tuo campo e per sei anni poterai la tua vigna, e raccoglierai i prodotti della terra.+  Ma il settimo anno ci sarà per la terra un Sabato di completo riposo, un Sabato in onore di Geova. Non dovrai seminare il tuo campo né potare la tua vigna.  Non dovrai mietere ciò che sarà cresciuto spontaneamente dopo l’ultima mietitura, e non dovrai vendemmiare l’uva della tua vite non potata. Ci sarà un anno di completo riposo per la terra.  Comunque potrai mangiare ciò che cresce nel paese durante il suo Sabato; potrete mangiarlo tu, il tuo schiavo, la tua schiava, il tuo lavoratore salariato, i forestieri che risiedono con te  e gli animali domestici e selvatici che sono nel tuo paese. Si potrà mangiare tutto ciò che la terra produce.  “‘Conterai 7 anni sabbatici, 7 volte 7 anni, e i giorni dei 7 anni sabbatici ammonteranno a 49 anni.  Nel 7o mese, il 10 del mese, farai suonare forte il corno; il Giorno dell’Espiazione+ dovrete far risuonare il corno in tutto il vostro paese. 10  Dovrete dichiarare santo il 50o anno e proclamare la libertà nel paese per tutti i suoi abitanti.+ Diventerà per voi un Giubileo: ognuno di voi tornerà alla sua proprietà, e ognuno di voi tornerà dalla sua famiglia.+ 11  Quel 50o anno diventerà per voi un Giubileo. Non seminerete né mieterete ciò che sarà cresciuto spontaneamente dopo l’ultima mietitura né vendemmierete l’uva delle viti non potate.+ 12  È infatti un Giubileo. Sarà per voi qualcosa di santo. Potrete mangiare solo ciò che la terra produce spontaneamente.+ 13  “‘Nell’anno del Giubileo ciascuno di voi dovrà tornare alla sua proprietà.+ 14  Se vendete qualcosa al prossimo o acquistate qualcosa da lui, non approfittatevi l’uno dell’altro.+ 15  Nell’acquistare un bene dal tuo prossimo dovrai tener conto del numero di anni trascorsi dal Giubileo, e nel vendere a te lui dovrà tener conto di quanti anni di raccolta rimangono.+ 16  Se rimangono molti anni, lui potrà aumentare il prezzo d’acquisto; se invece rimangono pochi anni dovrà ridurre il prezzo d’acquisto, perché ciò che ti venderà sarà il numero dei raccolti. 17  Nessuno di voi deve approfittarsi del suo prossimo,+ e dovete aver timore del vostro Dio,+ perché io sono Geova vostro Dio.+ 18  Rispettando i miei decreti e osservando le mie decisioni giudiziarie dimorerete al sicuro nel paese.+ 19  Il paese darà i suoi frutti,+ e mangerete a sazietà e vi dimorerete al sicuro.+ 20  “‘Ma nel caso diciate: “Cosa mangeremo nel settimo anno se non potremo seminare né raccogliere?”,+ 21  ebbene, nel sesto anno manderò su di voi la mia benedizione, e la terra darà un raccolto sufficiente per tre anni.+ 22  Poi nell’ottavo anno seminerete, e mangerete del vecchio raccolto fino al nono anno. Finché non ci sarà il nuovo raccolto mangerete del vecchio. 23  “‘La terra non si dovrà vendere su base permanente,+ perché la terra è mia.+ Infatti, dal mio punto di vista voi siete stranieri residenti e forestieri.+ 24  In tutto il paese in vostro possesso dovrete concedere il diritto di riscattare la terra. 25  “‘Se tuo fratello diventa povero e deve vendere parte della sua proprietà, un suo parente stretto che ha il diritto di riscatto* deve venire e riscattare ciò che lui ha venduto.+ 26  Se qualcuno non ha nessuno che possa riscattare la proprietà ma diventa benestante e trova la somma necessaria per riscattarla, 27  deve calcolarne il valore in base agli anni da che l’ha venduta e rimborsare la differenza all’uomo a cui l’ha venduta. Allora potrà rientrarne in possesso.+ 28  “‘Se però non trova la somma necessaria per riscattarla, ciò che ha venduto resterà al compratore fino all’anno del Giubileo;+ nel Giubileo sarà svincolato, e lui rientrerà in possesso della sua proprietà.+ 29  “‘Se un uomo vende una casa in una città cinta da mura, potrà esercitare il suo diritto di riscatto entro un anno dalla conclusione della vendita; il suo diritto di riscatto+ potrà essere esercitato per un anno intero. 30  Ma se non viene riscattata prima dello scadere di un anno intero, la casa nella città cinta da mura rimarrà proprietà del compratore per sempre, di generazione in generazione. Non sarà svincolata nel Giubileo. 31  Le case degli abitati che non sono cinti da mura, invece, devono considerarsi parte delle proprietà terriere. Il diritto di riscatto potrà sempre essere esercitato, e nel Giubileo saranno svincolate. 32  “‘Quanto alle case dei leviti all’interno delle loro città,+ i leviti avranno sempre il diritto di riscattarle. 33  Qualora la proprietà dei leviti non venga riscattata, la casa venduta che si trova in una delle loro città sarà svincolata nel Giubileo,+ perché le case delle città dei leviti sono la loro proprietà fra gli israeliti.+ 34  Inoltre non si possono vendere i terreni da pascolo+ intorno alle loro città, perché sono loro proprietà su base permanente. 35  “‘Se tuo fratello che vive accanto a te diventa povero e non è in grado di mantenersi, devi sostenerlo+ come faresti con uno straniero residente o un forestiero,+ in modo che continui a vivere insieme a te. 36  Non chiedergli interessi e non cercare un guadagno.*+ Devi aver timore del tuo Dio,+ e tuo fratello continuerà a vivere insieme a te. 37  Non devi prestargli il tuo denaro a interesse,+ e non devi dargli il tuo cibo per ricavarne un guadagno. 38  Io sono Geova vostro Dio, colui che vi ha fatto uscire dal paese d’Egitto+ per darvi il paese di Cànaan e dimostrare di essere il vostro Dio.+ 39  “‘Se tuo fratello che vive accanto a te diventa povero e deve vendersi a te,+ non devi costringerlo a lavorare come schiavo.+ 40  Dev’essere trattato come un lavoratore salariato,+ come un forestiero. Dovrà servire presso di te fino all’anno del Giubileo. 41  Allora ti lascerà, lui e i suoi figli con lui, e tornerà dalla sua famiglia. Dovrà tornare alla proprietà dei suoi antenati.+ 42  La ragione è che gli israeliti sono miei schiavi, che io ho fatto uscire dal paese d’Egitto.+ Non devono vendersi nella maniera in cui viene venduto uno schiavo. 43  Non devi trattarlo con crudeltà+ e devi aver timore del tuo Dio.+ 44  Il tuo schiavo e la tua schiava devono provenire dalle nazioni circostanti; da esse potete comprare schiavi o schiave. 45  Potete comprare schiavi anche tra i figli dei forestieri che risiedono presso di voi+ e tra le famiglie che loro hanno generato nel vostro paese; e diventeranno vostra proprietà. 46  Potete lasciarli in eredità ai vostri figli dopo di voi perché li ereditino come proprietà permanente. Potete impiegare loro al vostro servizio, ma non dovete trattare duramente i vostri fratelli israeliti.+ 47  “‘Se uno straniero residente o un forestiero presso di te diventa ricco mentre tuo fratello diventa povero accanto a lui e deve vendersi allo straniero residente o al forestiero che vive presso di te o a qualcuno della famiglia dello straniero residente, 48  dopo essersi venduto, tuo fratello potrà continuare a beneficiare del diritto di riscatto. Potrà riscattarlo uno dei suoi fratelli;+ 49  oppure potrà riscattarlo suo zio, il figlio di suo zio o qualsiasi parente stretto,* uno della famiglia. “‘Se invece è lui che diventa ricco, potrà riscattarsi da sé.+ 50  Dovrà calcolare con il suo compratore gli anni trascorsi da quando gli si è venduto fino all’anno del Giubileo,+ e il prezzo della vendita dipenderà dal numero degli anni.+ Le giornate lavorative durante quel periodo gli saranno valutate in base alla paga di un lavoratore salariato.+ 51  Se restano ancora molti anni, dovrà pagare il suo prezzo di riscatto in proporzione a essi. 52  Ma se rimangono solo pochi anni al Giubileo, dovrà fare il calcolo e pagare il suo prezzo di riscatto in proporzione a essi. 53  Dovrà continuare a servire il suo padrone di anno in anno come un lavoratore salariato, e tu ti accerterai che non sia trattato con crudeltà.+ 54  Tuttavia, se non potrà riscattarsi a queste condizioni, allora sarà libero nell’anno del Giubileo,+ lui e i suoi figli con lui. 55  “‘La ragione è che gli israeliti sono schiavi miei. Sono miei schiavi, che io ho fatto uscire dal paese d’Egitto.+ Io sono Geova vostro Dio.

Note in calce

O “un ricompratore che gli è parente stretto”.
O “non dare a usura”.
O “consanguineo”.

Approfondimenti

Galleria multimediale