Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture (edizione per lo studio)

Isaia 48:1-22

48  Ascoltate questo, casa di Giacobbe,voi che vi chiamate con il nome di Israele+e venite dalle acque* di Giuda,voi che giurate sul nome di Geova+e invocate l’Iddio d’Israele,ma non nella verità e nella giustizia.+   Voi prendete nome dalla città santa+e cercate l’appoggio dell’Iddio d’Israele,+il cui nome è Geova degli eserciti.   “Ho annunciato molto tempo fa le cose passate.* Sono uscite dalla mia stessa boccae le ho rese note.+ All’improvviso ho agito ed esse sono accadute.+   Siccome sapevo quanto sei ostinatoe che il tuo collo è un tendine di ferro e la tua fronte è di rame,+   te le ho annunciate molto tempo fa. Te le ho rese note prima che accadessero,così che tu non potessi dire: ‘È stato il mio idolo a farle;sono stati la mia immagine scolpita e il mio idolo di metallo* a ordinarle’.   Hai visto e sentito tutto;non lo proclamerai?+ Da questo momento ti annuncio cose nuove,+cose tenute segrete, che non conoscevi.   Vengono create soltanto ora, non sono state create molto tempo fa;cose che non avevi sentito prima d’oggi,così che tu non possa dire: ‘Ecco, le sapevo già!’   No, non avevi sentito+ né avevi saputo,e nel passato i tuoi orecchi non erano aperti. So bene, infatti, che sei davvero sleale+e che sei stato chiamato trasgressore fin dalla nascita.+   Ma per amore del mio nome tratterrò la mia ira,+e per la mia gloria mi controlleròe non ti sterminerò.+ 10  Ecco, ti ho raffinato, ma non come l’argento.+ Ti ho provato* nella fornace della sofferenza.+ 11  Per amore di me stesso, per amore di me stesso agirò:+come potrei permettere che io sia profanato?+ Non do la mia gloria a nessun altro.* 12  Ascoltami, o Giacobbe, o Israele, che ho chiamato. Io sono lo stesso.+ Sono il primo e sono anche l’ultimo.+ 13  La mia mano ha gettato le fondamenta della terra+e la mia destra ha disteso i cieli.+ Quando li chiamo, si presentano tutti insieme. 14  Radunatevi, tutti voi, e ascoltate. Chi di loro ha annunciato queste cose? Colui che Geova ha amato+compirà la sua volontà contro Babilonia,+e il suo braccio si alzerà contro i caldei.+ 15  Ho parlato io stesso, e l’ho chiamato.+ L’ho fatto venire, e la sua impresa avrà successo.+ 16  Avvicinatevi a me e ascoltate questo. Fin dall’inizio non ho parlato in segreto;+fin da quando avveniva ero presente”. E ora il Sovrano Signore Geova ha mandato me e il* suo spirito. 17  Questo è ciò che dice Geova, il tuo Redentore,* il Santo d’Israele:+ “Io, Geova, sono il tuo Dio,colui che ti insegna per il tuo bene,+colui che ti guida lungo la via in cui devi camminare.+ 18  Se solo prestassi attenzione ai miei comandamenti!+ Allora la tua pace diverrebbe proprio come un fiume,+e la tua giustizia come le onde del mare.+ 19  La tua progenie* diverrebbe come la sabbia,e i tuoi discendenti numerosi come i suoi granelli.+ Il loro nome non sarebbe mai cancellato né annientato davanti a me”. 20  Uscite da Babilonia!+ Fuggite lontano dai caldei! Annunciatelo con un grido di gioia! Proclamatelo!+ Fatelo sapere fino ai confini della terra.+ Dite: “Geova ha riscattato il suo servitore Giacobbe.+ 21  Non ebbero sete quando li condusse attraverso luoghi desolati.+ Per loro fece scaturire acqua dalla roccia;spaccò la roccia e ne fece sgorgare acqua”.+ 22  “Non c’è pace”, dice Geova, “per i malvagi”.+

Note in calce

O forse “siete discendenti”.
Lett. “prime”.
O “statua di metallo fuso”.
O “esaminato”. O forse “scelto”.
O “Non divido la mia gloria con nessun altro”.
O “insieme al”.
O “Ricompratore”, “colui che ti riscatta”.
Lett. “seme”.

Approfondimenti

Galleria multimediale