Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture (edizione per lo studio)

Vangelo secondo Giovanni 9:1-41

9  Mentre camminava, Gesù vide un uomo cieco dalla nascita.  I suoi discepoli gli chiesero: “Rabbi,+ dato che quest’uomo è nato cieco, chi ha peccato? Lui o i suoi genitori?”  Gesù rispose: “Né quest’uomo né i suoi genitori hanno peccato, ma è così perché in lui possano manifestarsi le opere di Dio.+  Dobbiamo compiere le opere di colui che mi ha mandato finché è giorno;+ viene la notte, durante la quale nessuno può agire.  Finché sono nel mondo, io sono la luce del mondo”.+  Detto questo, sputò per terra e con la saliva fece un miscuglio, che applicò sugli occhi dell’uomo;+  poi gli disse: “Va’ a lavarti nella piscina di Sìloam” (che si traduce “inviato”). Lui vi andò, si lavò e tornò che ci vedeva.+  Allora i vicini e quelli che erano soliti vederlo mentre chiedeva l’elemosina dicevano: “Ma questo non è l’uomo che stava seduto a chiedere l’elemosina?”  Alcuni sostenevano: “È lui”. Altri invece: “No, gli assomiglia soltanto”. Lui insisteva: “Sono io”. 10  Così gli domandarono: “E allora come si sono aperti i tuoi occhi?” 11  Lui rispose: “L’uomo chiamato Gesù ha fatto un miscuglio, me lo ha applicato sugli occhi e mi ha detto: ‘Va’ a Sìloam e lavati’.+ Perciò ci sono andato, mi sono lavato e ho ottenuto la vista”. 12  Allora gli chiesero: “E lui dov’è?” “Non lo so”, disse. 13  Così portarono l’uomo che prima era cieco dai farisei. 14  Per inciso, il giorno in cui Gesù fece quel miscuglio e gli aprì gli occhi+ era Sabato.+ 15  Anche i farisei, a loro volta, iniziarono a chiedergli come aveva ottenuto la vista. Lui raccontò: “Mi ha applicato un miscuglio sugli occhi, io mi sono lavato e ora ci vedo”. 16  Allora alcuni farisei dicevano: “Quell’uomo non è da Dio, perché non osserva il Sabato”.+ Altri invece dicevano: “Come può un peccatore compiere segni come questi?”+ E fra loro c’erano pareri discordi.+ 17  Quindi chiesero di nuovo al cieco: “E tu cosa dici di lui, dato che è a te che ha aperto gli occhi?” L’uomo disse: “È un profeta”.+ 18  Comunque, finché non chiamarono i genitori dell’uomo che ora ci vedeva, i giudei non credettero che era stato cieco e che aveva ottenuto la vista. 19  Chiesero loro: “È questo il figlio che, stando a quel che dite, vi è nato cieco? Come mai adesso ci vede?” 20  I suoi genitori risposero: “Quello che sappiamo è che questo è nostro figlio e che è nato cieco, 21  ma come sia possibile che ora ci veda non lo sappiamo, né sappiamo chi gli ha aperto gli occhi. Chiedetelo a lui: è adulto. Parlerà per sé stesso”. 22  I suoi genitori risposero così perché avevano paura dei giudei;+ questi infatti avevano già stabilito che se qualcuno avesse riconosciuto Gesù come Cristo sarebbe stato espulso dalla sinagoga.+ 23  Ecco perché i suoi genitori dissero: “È adulto. Chiedetelo a lui”. 24  Allora chiamarono per la seconda volta l’uomo che era stato cieco e gli dissero: “Da’ gloria a Dio! Sappiamo che quell’uomo è un peccatore”. 25  Lui rispose: “Se sia un peccatore non lo so. Quello che so è che prima ero cieco, mentre ora ci vedo”. 26  Perciò gli chiesero: “Che cosa ti ha fatto? Come ti ha aperto gli occhi?” 27  Lui rispose: “Ve l’ho già detto e non avete ascoltato. Perché volete sentirlo di nuovo? Non vorrete diventare suoi discepoli anche voi!” 28  Allora in tono sprezzante gli dissero: “Tu sei suo discepolo! Noi siamo discepoli di Mosè. 29  Noi sappiamo che Dio parlò a Mosè; quell’uomo invece non sappiamo da dove viene”. 30  Lui replicò: “Strano davvero! Voi non sapete da dove viene, eppure ha aperto i miei occhi. 31  Sappiamo che Dio non ascolta i peccatori;+ se però uno ha timore di Dio e fa la sua volontà, Egli lo ascolta.+ 32  Da che mondo è mondo non si è mai sentito dire che qualcuno abbia aperto gli occhi a uno nato cieco. 33  Se quest’uomo non fosse da Dio, non potrebbe fare proprio nulla”.+ 34  A loro volta gli dissero: “Tu sei nato completamente nel peccato e vuoi insegnare a noi?” E lo cacciarono fuori.+ 35  Gesù venne a sapere che lo avevano scacciato e quando lo incontrò gli chiese: “Stai riponendo fede nel Figlio dell’uomo?” 36  Lui rispose: “Dimmi chi è, signore, così che io possa riporre fede in lui”. 37  Gesù gli disse: “Tu l’hai visto. Anzi, è proprio quello che ti sta parlando”.+ 38  L’uomo esclamò: “Ripongo fede in lui, Signore!” E gli rese omaggio. 39  Gesù allora disse: “Sono venuto in questo mondo per un giudizio, perché quelli che non vedono vedano+ e quelli che vedono diventino ciechi”.+ 40  Alcuni farisei che erano con lui sentirono queste parole e gli chiesero: “Non siamo ciechi anche noi, vero?”+ 41  Gesù rispose loro: “Se foste ciechi non avreste alcun peccato. Voi però dite: ‘Noi vediamo’. Perciò il vostro peccato rimane”.+

Note in calce

Approfondimenti

viene la notte Nella Bibbia la parola “notte” a volte viene usata in senso figurato. Qui Gesù si riferisce al tempo in cui sarebbe stato processato, condannato e messo a morte, e quindi non sarebbe più stato in grado di compiere le opere di suo Padre (Gb 10:21, 22; Ec 9:10).

la saliva La Bibbia menziona tre occasioni in cui Gesù usò la propria saliva quando compì guarigioni miracolose (Mr 7:31-37; 8:22-26; Gv 9:1-7). La saliva veniva impiegata comunemente nei rimedi popolari. I miracoli di Gesù però erano compiuti sotto l’influsso dello spirito di Dio, perciò non era la sua saliva a guarire le persone. Prima che l’uomo cieco dalla nascita recuperasse la vista, Gesù gli disse: “Va’ a lavarti nella piscina di Siloam” (Gv 9:7). Senza dubbio questo servì a mettere alla prova la sua fede, proprio come nel caso di Naaman, a cui era stato detto di bagnarsi nel Giordano per poter guarire dalla lebbra (2Re 5:10-14).

piscina di Siloam I resti di una piscina del I secolo, che si pensa siano quelli della piscina di Siloam, sono stati rinvenuti a Gerusalemme a S del monte del tempio. Si trovano alla base dello sperone meridionale su cui in origine fu costruita l’antica città, vicino al punto d’incontro tra la valle del Tiropeo e quella del Chidron. (Vedi App. B12.) Siloam è l’equivalente greco del nome ebraico “Siloe”, forse affine al verbo ebraico shalàch, che significa “mandare (fuori)”, “inviare”. Ecco perché Giovanni traduce il significato del nome Siloam con inviato. In Isa 8:6, dove il nome ebraico Siloe indica una conduttura d’acqua o un canale che serviva per l’approvvigionamento idrico di Gerusalemme, la Settanta usa il nome Siloam. La piscina di Siloam veniva approvvigionata dalla sorgente di Ghihon, una fonte che mandava fuori, o inviava, acqua a intermittenza. Il nome Siloam potrebbe essere collegato proprio a questo. In Gv 9:7 alcune traduzioni delle Scritture Greche Cristiane in ebraico usano il termine “Siloe”.

giudei Nel Vangelo di Giovanni questo termine trasmette significati diversi a seconda del contesto. Può riferirsi in generale agli ebrei o agli abitanti della Giudea, oppure a chi viveva a Gerusalemme o nei dintorni. Può anche riferirsi in modo più specifico ai giudei che si attenevano con fanatismo a tradizioni umane legate alla Legge mosaica, spesso contrarie allo spirito della Legge stessa (Mt 15:3-6). Fra questi “giudei” spiccavano le autorità giudaiche o i capi religiosi, che erano ostili a Gesù. In questo versetto e in alcune delle altre occorrenze di questo termine nel capitolo 7 di Giovanni, il contesto indica che ci si sta riferendo alle autorità giudaiche o ai capi religiosi (Gv 7:13, 15, 35a).

giudei Evidentemente le autorità giudaiche o i capi religiosi. (Vedi approfondimento a Gv 7:1.)

è adulto O “è grande abbastanza”, “è maggiorenne”. L’espressione si può riferire all’età in cui sotto la Legge mosaica gli uomini diventavano abili al servizio militare, cioè 20 anni (Nu 1:3). Questo concorda con il fatto che del cieco viene detto che era “un uomo” (Gv 9:1), non un bambino, e che “chiedeva l’elemosina” (Gv 9:8). Secondo alcuni questa espressione si riferisce all’età in cui nella società ebraica si raggiungeva la maturità legale, cioè 13 anni.

giudei Nel Vangelo di Giovanni questo termine trasmette significati diversi a seconda del contesto. Può riferirsi in generale agli ebrei o agli abitanti della Giudea, oppure a chi viveva a Gerusalemme o nei dintorni. Può anche riferirsi in modo più specifico ai giudei che si attenevano con fanatismo a tradizioni umane legate alla Legge mosaica, spesso contrarie allo spirito della Legge stessa (Mt 15:3-6). Fra questi “giudei” spiccavano le autorità giudaiche o i capi religiosi, che erano ostili a Gesù. In questo versetto e in alcune delle altre occorrenze di questo termine nel capitolo 7 di Giovanni, il contesto indica che ci si sta riferendo alle autorità giudaiche o ai capi religiosi (Gv 7:13, 15, 35a).

giudei Evidentemente le autorità giudaiche o i capi religiosi. (Vedi approfondimento a Gv 7:1.)

espulso dalla sinagoga O “scomunicato”, “escluso dalla sinagoga”. L’aggettivo greco aposynàgogos viene usato solo qui e in Gv 12:42; 16:2. Chi veniva espulso era disprezzato e tagliato fuori dalla comunità. Questa emarginazione poteva comportare gravi conseguenze economiche per una famiglia ebraica. Le sinagoghe, usate primariamente come luogo di istruzione, erano utilizzate in certi casi come sedi di tribunali locali che avevano l’autorità di infliggere pene come la flagellazione e la scomunica (Mt 10:17).

Da’ gloria a Dio Espressione idiomatica usata per obbligare una persona a dire la verità. Il senso potrebbe anche essere reso con “da’ gloria a Dio dicendo la verità” o “di’ la verità davanti a Dio”. (Confronta Gsè 7:19.)

gli rese omaggio O “gli si inchinò”, “si prostrò a lui”, “lo ossequiò”. Quando il verbo greco proskynèo è usato nel senso di venerare un dio o una divinità viene tradotto “adorare” (Mt 4:10; Lu 4:8). Ma in questo contesto l’uomo cieco dalla nascita che era stato guarito riconobbe che Gesù era un rappresentante di Dio e per questo gli rese omaggio. Vedeva in lui non Dio, o una divinità, ma il predetto “Figlio dell’uomo”, il Messia investito di autorità divina (Gv 9:35). Quando si inchinò a Gesù, lo fece evidentemente alla maniera delle persone menzionate nelle Scritture Ebraiche, le quali si inginocchiavano o prostravano davanti a profeti, re o altri rappresentanti di Dio (1Sa 25:23, 24; 2Sa 14:4-7; 1Re 1:16; 2Re 4:36, 37). In molte occasioni coloro che resero omaggio a Gesù volevano esprimere gratitudine per una rivelazione divina o stavano riconoscendo il favore divino di cui lui godeva (Mt 2:2; 8:2; 14:33; 15:25).

Galleria multimediale

Piscina di Siloam
Piscina di Siloam

La piscina di Siloam è menzionata solo nel libro biblico di Giovanni. Per anni si è creduto che coincidesse con una piccola piscina a Gerusalemme chiamata Birket Silwan. Ma nel 2004, a meno di 100 m a SE di quest’ultima, sono stati rinvenuti i resti di una piscina molto più grande. Gli scavi hanno portato alla luce monete risalenti alla rivolta giudaica contro Roma (66-70), prova del fatto che la piscina fu in uso fino alla distruzione di Gerusalemme per mano dei romani. Oggi questa piscina più grande è generalmente considerata la piscina di Siloam menzionata in Gv 9:7. Come si vede nella foto, alcune serie di gradini intervallate da superfici piane più ampie scendevano verso il fondo della piscina (oggi piena di detriti e vegetazione), permettendo di entrare nell’acqua anche quando il suo livello variava.

1. Piscina di Siloam

2. Monte del tempio