Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture (edizione per lo studio)

Vangelo secondo Giovanni 7:1-52

7  Dopo questi fatti, Gesù continuò a percorrere la Galilea; non voleva infatti andare in Giudea, perché i giudei cercavano di ucciderlo.+  Ora, essendo vicina la festa giudaica dei Tabernacoli,+  i suoi fratelli+ gli dissero: “Parti, va’ in Giudea, in modo che anche i tuoi discepoli possano vedere le opere che fai.  Nessuno fa qualcosa di nascosto quando cerca di farsi conoscere pubblicamente. Se fai queste cose, mostrati al mondo”.  Infatti i suoi fratelli non esercitavano fede in lui.+  Allora Gesù disse loro: “Il mio tempo non è ancora arrivato,+ mentre per voi ogni momento è adatto.  Il mondo non ha motivo di odiare voi, ma odia me, perché io testimonio che le sue opere sono malvagie.+  Salite voi alla festa; io non salgo ancora a questa festa, perché il mio tempo non è ancora arrivato”.+  E, dette loro queste cose, rimase in Galilea. 10  Comunque, quando i suoi fratelli furono saliti alla festa vi andò anche lui, non apertamente ma di nascosto. 11  Ora, i giudei lo cercavano alla festa e dicevano: “Dov’è quell’uomo?” 12  E tra la folla non si faceva che bisbigliare sul suo conto. Alcuni dicevano: “È una brava persona”. Altri dicevano: “Niente affatto, anzi, inganna la gente”.+ 13  Naturalmente nessuno parlava di lui in maniera aperta per paura dei giudei.+ 14  Quando la festa era ormai per metà trascorsa, Gesù salì nel tempio e si mise a insegnare. 15  I giudei erano stupefatti e dicevano: “Come fa quest’uomo a conoscere così bene le Scritture+ senza aver studiato nelle scuole?”+ 16  Gesù rispose loro: “Quello che insegno non è mio, ma di colui che mi ha mandato.+ 17  Se qualcuno desidera fare la Sua volontà, saprà se ciò che insegno viene da Dio+ o se parlo di mia iniziativa. 18  Chi parla di propria iniziativa cerca la propria gloria; ma chi cerca la gloria di colui che l’ha mandato,+ questi è veritiero, e in lui non c’è ingiustizia. 19  Non fu Mosè a darvi la Legge?+ Eppure nessuno di voi osserva la Legge. Perché cercate di uccidermi?”+ 20  La folla rispose: “Tu hai un demonio!*+ Chi cerca di ucciderti?” 21  Gesù replicò: “Ho compiuto una sola opera e ve ne meravigliate tutti. 22  Perciò riflettete: Mosè vi ha dato la circoncisione+ — non che essa venga da Mosè, ma dai patriarchi+ — e voi circoncidete un uomo di Sabato. 23  Se, per non violare la Legge di Mosè, la circoncisione viene praticata anche di Sabato, come potete infuriarvi contro di me per il fatto che di Sabato ho ridato piena salute a un uomo?+ 24  Smettete di giudicare in base all’apparenza; giudicate piuttosto con giustizia”.+ 25  Allora alcuni abitanti di Gerusalemme cominciarono a dire: “Ma questo non è l’uomo che cercano di uccidere?+ 26  Eccolo invece che parla davanti a tutti e non gli dicono nulla. Non sarà che i nostri capi si sono convinti che è il Cristo? 27  Eppure sappiamo di dov’è quest’uomo;+ ma quando verrà il Cristo, nessuno saprà di dov’è”. 28  Perciò, mentre insegnava nel tempio, Gesù disse a gran voce: “Voi mi conoscete e sapete di dove sono. E io non sono venuto di mia iniziativa,+ ma colui che mi ha mandato è reale, e voi non lo conoscete.+ 29  Io lo conosco,+ perché è da lui che vengo, ed è stato lui a mandarmi”. 30  Quindi cercavano di prenderlo,+ ma nessuno riuscì a mettere le mani su di lui, perché la sua ora non era ancora arrivata.+ 31  Molti della folla invece riposero fede in lui+ e dicevano: “Quando il Cristo verrà non è possibile che compia più segni di quanti ne ha compiuti quest’uomo, vero?”+ 32  I farisei sentirono che tra la folla si facevano sottovoce questi commenti su di lui; perciò i capi sacerdoti e i farisei mandarono delle guardie ad arrestarlo. 33  Gesù quindi disse: “Starò ancora un po’ con voi prima di andare da colui che mi ha mandato.+ 34  Mi cercherete ma non mi troverete, e dove sarò io non potrete venire”.+ 35  Allora i giudei dissero fra loro: “Dove ha intenzione di andare quest’uomo, visto che pensa che non lo troveremo? Non vorrà per caso andare dai giudei dispersi fra i greci e insegnare ai greci? 36  Cosa intende quando dice: ‘Mi cercherete ma non mi troverete, e dove sarò io non potrete venire’?” 37  L’ultimo giorno della festa,+ il grande giorno, Gesù si alzò in piedi e disse a gran voce: “Se qualcuno ha sete, venga da me e beva.+ 38  Se qualcuno ripone fede in me, ‘torrenti d’acqua viva sgorgheranno dal suo cuore’,+ come dice il passo della Scrittura”. 39  Comunque, disse questo riferendosi allo spirito che stavano per ricevere coloro che riponevano fede in lui. Lo spirito infatti non c’era ancora,+ perché Gesù non era ancora stato glorificato.+ 40  Alcuni tra la folla che udirono queste parole cominciarono a dire: “Lui è davvero il Profeta!”+ 41  Altri dicevano: “È il Cristo”.+ Qualcuno però diceva: “Il Cristo non viene dalla Galilea.+ 42  Il passo della Scrittura non dice forse che il Cristo viene dalla discendenza di Davide+ e da Betlemme,+ il villaggio di Davide?”+ 43  Perciò ci fu dissenso tra la folla riguardo a lui. 44  Alcuni di loro, inoltre, volevano arrestarlo, ma nessuno mise le mani su di lui. 45  Quindi le guardie tornarono dai capi sacerdoti e dai farisei, e questi ultimi chiesero loro: “Perché non lo avete portato qui?” 46  Le guardie risposero: “Nessuno ha mai parlato così”.+ 47  I farisei replicarono: “Non vi sarete fatti ingannare anche voi? 48  Nessuno dei capi o dei farisei ha riposto fede in lui, giusto?+ 49  Ma questa folla che non conosce la Legge è gente maledetta!” 50  Nicodèmo, che in precedenza era andato da lui+ e che era uno di loro, disse: 51  “Secondo la nostra Legge non si giudica un uomo senza averlo prima ascoltato e senza sapere cosa abbia fatto, vero?”+ 52  Gli risposero: “Non sarai anche tu della Galilea? Studia e vedi che nessun profeta deve venire dalla Galilea”.+

Note in calce

O “sei posseduto da un demonio”, “sei indemoniato”.

Approfondimenti

giudei Nel Vangelo di Giovanni questo termine trasmette significati diversi a seconda del contesto. Può riferirsi in generale agli ebrei o agli abitanti della Giudea, oppure a chi viveva a Gerusalemme o nei dintorni. Può anche riferirsi in modo più specifico ai giudei che si attenevano con fanatismo a tradizioni umane legate alla Legge mosaica, spesso contrarie allo spirito della Legge stessa (Mt 15:3-6). Fra questi “giudei” spiccavano le autorità giudaiche o i capi religiosi, che erano ostili a Gesù. In questo versetto e in alcune delle altre occorrenze di questo termine nel capitolo 7 di Giovanni, il contesto indica che ci si sta riferendo alle autorità giudaiche o ai capi religiosi (Gv 7:13, 15, 35a).

festa [...] dei Tabernacoli O “delle Capanne”. Questo è l’unico punto delle Scritture Greche Cristiane in cui si menziona questa festa. Qui si fa riferimento a quella celebrata nell’autunno del 32. (Vedi Glossario, “Festa delle Capanne”, e App. B15.)

giudei Nel Vangelo di Giovanni questo termine trasmette significati diversi a seconda del contesto. Può riferirsi in generale agli ebrei o agli abitanti della Giudea, oppure a chi viveva a Gerusalemme o nei dintorni. Può anche riferirsi in modo più specifico ai giudei che si attenevano con fanatismo a tradizioni umane legate alla Legge mosaica, spesso contrarie allo spirito della Legge stessa (Mt 15:3-6). Fra questi “giudei” spiccavano le autorità giudaiche o i capi religiosi, che erano ostili a Gesù. In questo versetto e in alcune delle altre occorrenze di questo termine nel capitolo 7 di Giovanni, il contesto indica che ci si sta riferendo alle autorità giudaiche o ai capi religiosi (Gv 7:13, 15, 35a).

giudei Qui il termine “giudei” potrebbe riferirsi alla gente in generale che era radunata a Gerusalemme per la Festa dei Tabernacoli, ma potrebbe anche essere un riferimento ai capi religiosi giudei. (Vedi approfondimento a Gv 7:1.)

giudei Nel Vangelo di Giovanni questo termine trasmette significati diversi a seconda del contesto. Può riferirsi in generale agli ebrei o agli abitanti della Giudea, oppure a chi viveva a Gerusalemme o nei dintorni. Può anche riferirsi in modo più specifico ai giudei che si attenevano con fanatismo a tradizioni umane legate alla Legge mosaica, spesso contrarie allo spirito della Legge stessa (Mt 15:3-6). Fra questi “giudei” spiccavano le autorità giudaiche o i capi religiosi, che erano ostili a Gesù. In questo versetto e in alcune delle altre occorrenze di questo termine nel capitolo 7 di Giovanni, il contesto indica che ci si sta riferendo alle autorità giudaiche o ai capi religiosi (Gv 7:13, 15, 35a).

giudei Evidentemente le autorità giudaiche o i capi religiosi. (Vedi approfondimento a Gv 7:1.)

giudei Nel Vangelo di Giovanni questo termine trasmette significati diversi a seconda del contesto. Può riferirsi in generale agli ebrei o agli abitanti della Giudea, oppure a chi viveva a Gerusalemme o nei dintorni. Può anche riferirsi in modo più specifico ai giudei che si attenevano con fanatismo a tradizioni umane legate alla Legge mosaica, spesso contrarie allo spirito della Legge stessa (Mt 15:3-6). Fra questi “giudei” spiccavano le autorità giudaiche o i capi religiosi, che erano ostili a Gesù. In questo versetto e in alcune delle altre occorrenze di questo termine nel capitolo 7 di Giovanni, il contesto indica che ci si sta riferendo alle autorità giudaiche o ai capi religiosi (Gv 7:13, 15, 35a).

giudei Qui il termine sembra riferirsi alle autorità giudaiche o ai capi religiosi, conclusione suggerita dalla domanda che Gesù rivolge loro nel versetto 19: “Perché cercate di uccidermi?” (Vedi approfondimento a Gv 7:1.)

le Scritture O “gli scritti”. Lett. “lettere”, cioè i segni grafici di un alfabeto. “Conoscere le lettere” è un’espressione idiomatica che significa “conoscere gli scritti (i libri, la letteratura)”. In questo contesto, si riferisce evidentemente alla conoscenza delle Scritture ispirate.

senza aver studiato nelle scuole O “senza essere stato istruito”. Lett. “non avendo imparato”. Non nel senso che Gesù era illetterato, ma nel senso che non aveva frequentato le scuole rabbiniche superiori.

di mia iniziativa O “per conto mio”, cioè in modo indipendente. Lett. “da me stesso”. Quale principale rappresentante di Geova Dio, Gesù ascolta sempre la sua voce e proferisce quello che lui ordina.

circoncisione [...] di Sabato La circoncisione era un obbligo imposto dalla Legge mosaica (Le 12:2, 3). Era ritenuta così importante che veniva fatta anche se l’ottavo giorno cadeva nel tanto rispettato Sabato.

capi Qui in riferimento ai capi ebrei. Ai giorni del ministero terreno di Gesù, Israele era sotto la duplice autorità dell’impero romano e dei capi ebrei. Il loro organo principale era il Sinedrio, un consiglio di 71 anziani (tra cui il sommo sacerdote) a cui il governo romano concedeva autorità limitata sugli affari interni. (Vedi Glossario, “Sinedrio”.)

è da lui che vengo O “sono un suo rappresentante”. L’uso della preposizione parà (lett. “presso”, “da parte di”) dà enfasi non solo al fatto che Gesù viene da Dio ma anche al fatto che gli è molto vicino. Per questo può essere considerato un suo rappresentante.

guardie Cioè guardie del tempio di Gerusalemme. Probabilmente erano alle dipendenze del Sinedrio e soggette all’autorità dei capi sacerdoti. Fungevano da ufficiali religiosi che si occupavano di mantenere l’ordine pubblico.

giudei Nel Vangelo di Giovanni questo termine trasmette significati diversi a seconda del contesto. Può riferirsi in generale agli ebrei o agli abitanti della Giudea, oppure a chi viveva a Gerusalemme o nei dintorni. Può anche riferirsi in modo più specifico ai giudei che si attenevano con fanatismo a tradizioni umane legate alla Legge mosaica, spesso contrarie allo spirito della Legge stessa (Mt 15:3-6). Fra questi “giudei” spiccavano le autorità giudaiche o i capi religiosi, che erano ostili a Gesù. In questo versetto e in alcune delle altre occorrenze di questo termine nel capitolo 7 di Giovanni, il contesto indica che ci si sta riferendo alle autorità giudaiche o ai capi religiosi (Gv 7:13, 15, 35a).

giudei In questo contesto in cui vengono menzionati i capi sacerdoti e i farisei (Gv 7:32, 45), il termine “giudei” evidentemente si riferisce alle autorità giudaiche o ai capi religiosi. (Vedi approfondimento a Gv 7:1.)

giudei dispersi Lett. “dispersione”. In questo contesto il termine greco diasporà si riferisce ai giudei che non vivevano in Israele. Questa dispersione, o diaspora, si verificò perché le nazioni che conquistarono gli ebrei — prima gli assiri (nel 740 a.E.V.) e poi i babilonesi (nel 607 a.E.V. e negli anni precedenti) — li portarono in esilio (2Re 17:22, 23; 24:12-17; Ger 52:28-30). Solo alcuni degli esuli tornarono in Israele; gli altri rimasero nei paesi dove si erano stabiliti (Isa 10:21, 22). Entro il V secolo a.E.V., nelle 127 province dell’impero persiano c’erano evidentemente comunità ebraiche (Est 1:1; 3:8). L’espressione utilizzata in questo versetto si riferisce in modo specifico a coloro che erano dispersi fra i greci. Nel I secolo c’erano giudei in molte comunità di lingua greca al di fuori di Israele, ad esempio in Siria, Asia Minore, Egitto e nei territori europei dell’impero romano, tra cui Grecia e Roma. Grazie agli sforzi degli ebrei di convertire altri al giudaismo, la conoscenza di Geova e della Legge che aveva dato loro si diffuse estesamente (Mt 23:15). Nel 33 giudei e proseliti provenienti da molti paesi andarono a Gerusalemme per la Pentecoste, e lì sentirono la buona notizia inerente a Gesù. Quindi la dispersione dei giudei nell’impero romano favorì la rapida diffusione del cristianesimo.

festa [...] dei Tabernacoli O “delle Capanne”. Questo è l’unico punto delle Scritture Greche Cristiane in cui si menziona questa festa. Qui si fa riferimento a quella celebrata nell’autunno del 32. (Vedi Glossario, “Festa delle Capanne”, e App. B15.)

L’ultimo giorno Cioè il settimo giorno della Festa dei Tabernacoli, o delle Capanne, il 21 tishrì. Era considerato “il grande giorno” della festa (De 16:13; vedi approfondimento a Gv 7:2 e Glossario, “Festa delle Capanne”, e App. B15).

festa [...] dei Tabernacoli O “delle Capanne”. Questo è l’unico punto delle Scritture Greche Cristiane in cui si menziona questa festa. Qui si fa riferimento a quella celebrata nell’autunno del 32. (Vedi Glossario, “Festa delle Capanne”, e App. B15.)

torrenti d’acqua viva sgorgheranno Gesù potrebbe aver fatto allusione a una consuetudine seguita durante la Festa dei Tabernacoli, o delle Capanne: dalla piscina di Siloam si attingeva acqua che al momento del sacrificio del mattino veniva versata da un recipiente d’oro, insieme al vino, sull’altare. (Vedi approfondimento a Gv 7:2 e Glossario, “Festa delle Capanne”, e App. B15.) Quasi tutti gli studiosi convengono che questo rito, non menzionato nelle Scritture Ebraiche perché introdotto successivamente, si svolgeva per sette giorni della festa, ma non l’ottavo. Il primo giorno, un Sabato, il sacerdote versava l’acqua che era stata attinta dalla piscina di Siloam e portata al tempio il giorno precedente. Nei giorni successivi il sacerdote andava alla piscina e prendeva dell’acqua con una brocca d’oro. Si regolava in modo da essere di ritorno al tempio nel momento stesso in cui i sacerdoti si accingevano a disporre i pezzi del sacrificio sull’altare. Quando passava per la Porta delle Acque e arrivava nel cortile dei sacerdoti, il suo ingresso veniva annunciato dai sacerdoti con tre squilli di tromba. L’acqua veniva quindi versata in un catino da cui scendeva ai piedi dell’altare, e contemporaneamente anche il vino veniva versato in un altro catino. Strumenti musicali accompagnavano nel tempio il canto dei Salmi dell’Hallel (Sl 113-118), mentre i fedeli agitavano rami di palma verso l’altare. Questa cerimonia voleva ricordare ai gioiosi partecipanti le parole profetiche di Isaia: “Esultando attingerete acqua dalle sorgenti della salvezza” (Isa 12:3).

come dice il passo della Scrittura Sembra che Gesù non stesse citando un versetto in particolare. Stava piuttosto alludendo a passi come Isa 44:3; 58:11; Zac 14:8. Più di due anni prima, parlando con la samaritana riguardo all’acqua viva, Gesù si era concentrato sugli effetti benefici di quest’acqua (Gv 4:10, 14). Ma in questo versetto Gesù indicò che l’acqua viva sarebbe sgorgata dai suoi discepoli che ripongono fede in lui e che danno quest’acqua anche ad altri (Gv 7:37-39). Le Scritture Greche Cristiane contengono molte prove del fatto che i discepoli di Gesù, a partire dalla Pentecoste del 33 in cui iniziarono a ricevere lo spirito santo, si sentirono spinti a dare l’acqua che avrebbe concesso la vita a tutti coloro che avessero ascoltato (At 5:28; Col 1:23).

Lo spirito infatti non c’era ancora Il termine greco pnèuma, reso “spirito”, ricorre due volte in questo versetto e si riferisce allo spirito santo, o forza attiva, di Dio. Gesù e quelli che lo stavano ascoltando sapevano che Dio usava il suo spirito santo da lungo tempo (Gen 1:2, nt.; 2Sa 23:2; At 28:25) e che lo aveva concesso a suoi fedeli servitori come Otniel, Iefte e Sansone (Gdc 3:9, 10; 11:29; 15:14). È chiaro quindi che Giovanni si stava riferendo a un nuovo modo in cui gli esseri umani imperfetti avrebbero tratto beneficio dallo spirito. Nessuno di quei servitori del passato era stato chiamato alla vita celeste per mezzo dello spirito. Alla Pentecoste del 33 Gesù versò sui suoi discepoli lo spirito santo che lui stesso, ormai uno spirito glorificato, aveva ricevuto da Geova (At 2:4, 33). Questa fu la prima volta che a uomini imperfetti veniva offerta la speranza della vita spirituale in cielo. Avendo questa unzione, i cristiani furono in grado di capire il significato di molte cose che non avevano compreso in precedenza.

gente maledetta I farisei e i capi giudei erano orgogliosi, si ritenevano giusti e consideravano con disprezzo la gente comune che ascoltava Gesù; la definivano infatti “gente maledetta”. Il termine greco qui usato (epàratos) è un termine dispregiativo e suggeriva l’idea che le persone così descritte fossero soggette a una maledizione da parte di Dio. Per esprimere il loro disprezzo nei confronti della gente comune, i capi religiosi giudei usavano anche un’espressione ebraica, ʽam haʼàrets (“popolo del paese”). In origine si trattava di un’espressione rispettosa riferita ai cittadini di un determinato territorio. Veniva usata non solo in riferimento ai poveri e alle classi umili, ma anche alle persone preminenti (Gen 23:7; 2Re 23:35; Ez 22:29). Ai giorni di Gesù, però, il termine veniva usato in riferimento a coloro che erano considerati ignoranti in fatto di Legge mosaica o che non seguivano meticolosamente le tradizioni rabbiniche. Successivi scritti rabbinici confermano questo atteggiamento. Molti capi religiosi consideravano spregevoli quelle persone e si rifiutavano di mangiare con loro, fare acquisti da loro o stare in loro compagnia.

Non sarai anche tu della Galilea? A quanto pare questa domanda rispecchia il disprezzo che quei giudei avevano nei confronti dei galilei. Quando Nicodemo parlò in difesa di Gesù (Gv 7:51), con la loro risposta era come se i farisei stessero dicendo: “Stai dalla sua parte e lo difendi? Che fai, ti abbassi al livello di un galileo?” Dal momento che il Sinedrio e il tempio erano a Gerusalemme, senza dubbio lì si trovava un gran numero di maestri della Legge; da questo probabilmente nacque il proverbio ebraico: “A nord [in Galilea] la ricchezza, a sud [in Giudea] la saggezza”. Ma niente fa pensare che i galilei fossero ignoranti in fatto di Legge. Nelle città e nei villaggi della Galilea c’erano maestri della Legge e sinagoghe, che erano luoghi di formazione (Lu 5:17). L’arrogante risposta che i farisei diedero a Nicodemo indica che non avevano fatto nessuno sforzo per appurare che Gesù era nato proprio a Betlemme (Mic 5:2; Gv 7:42). Non avevano capito neanche la profezia di Isaia in cui il ministero del Messia era paragonato a “una gran luce” che avrebbe rifulso in Galilea (Isa 9:1, 2; Mt 4:13-17).

7:53

I manoscritti più antichi e autorevoli non presentano il brano di Gv 7:53–8:11. È chiaro che questi 12 versetti furono aggiunti al testo originale del Vangelo di Giovanni. (Vedi App. A3.) Non sono presenti nei due più antichi papiri rinvenuti che contengono il Vangelo di Giovanni: il papiro Bodmer II (P66) e il papiro Bodmer XIV-XV (P75), entrambi risalenti al II secolo. Non sono nemmeno contenuti nel codice Sinaitico e in quello Vaticano, risalenti al IV secolo. Il primo riscontro di questo brano si trova in un manoscritto greco del V secolo, il codice di Beza, ma non se ne hanno ulteriori attestazioni in altri manoscritti in greco fino al IX secolo. È omesso dalla maggior parte delle prime traduzioni in altre lingue. Una famiglia di manoscritti greci colloca questa aggiunta alla fine del Vangelo di Giovanni, mentre un’altra la colloca dopo Lu 21:38. La sua presenza in punti diversi di questi manoscritti avvalora la conclusione che si tratta di testo spurio. La stragrande maggioranza degli studiosi è concorde nel dire che questi versetti non facevano parte del testo originale di Giovanni.

I manoscritti in greco e le traduzioni in altre lingue che contengono questo brano dicono (con alcune varianti) quanto segue:

53 E ciascuno se ne andò a casa sua.

8 Ma Gesù andò al monte degli Ulivi. Comunque, all’alba si presentò di nuovo al tempio, e tutto il popolo veniva da lui, ed egli, sedutosi, insegnava loro. Ora gli scribi e i farisei condussero una donna colta in adulterio, e, dopo averla posta in mezzo a loro, gli dissero: “Maestro, questa donna è stata colta nell’atto di commettere adulterio. Nella Legge Mosè ci ha prescritto di lapidare tale sorta di donne. Ma tu che ne dici?” Naturalmente, dicevano questo per metterlo alla prova, per avere qualcosa di cui accusarlo. Ma Gesù si chinò e scriveva col dito per terra. Persistendo essi nell’interrogarlo, si drizzò e disse loro: “Chi di voi è senza peccato scagli per primo la pietra contro di lei”. E chinatosi di nuovo scriveva per terra. Ma quelli che avevano udito questo uscirono uno per uno, a cominciare dagli anziani, ed egli fu lasciato solo, come pure la donna che stava in mezzo a loro. 10 Drizzatosi, Gesù le disse: “Donna, dove sono essi? Nessuno ti ha condannata?” 11 Essa disse: “Nessuno, signore”. Gesù disse: “Neanche io ti condanno. Va; da ora in poi non praticare più il peccato”.

Galleria multimediale