Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture (edizione per lo studio)

Geremia 44:1-30

44  Geremia ricevette questo messaggio* per tutti i giudei che vivevano nel paese d’Egitto,+ quelli che vivevano a Mìgdol,+ Tàfnes,+ Nof*+ e nel paese di Pàtros:+  “Questo è ciò che Geova degli eserciti, l’Iddio d’Israele, dice: ‘Avete visto tutta la calamità che ho fatto abbattere su Gerusalemme+ e su tutte le città di Giuda, e oggi sono in rovina, disabitate.+  È stato a causa del male che voi* avete fatto per offendermi, andando a offrire sacrifici+ e a servire altri dèi che non avevate conosciuto, né voi né i vostri antenati.+  Ho continuato a mandarvi più e più volte* tutti i miei servitori, i profeti, dicendo: “Per favore, non fate questa cosa detestabile che odio”.+  Ma voi* non avete ascoltato né avete prestato attenzione così da abbandonare la vostra malvagità smettendo di fare sacrifici ad altri dèi.+  Perciò sono stati riversati il mio furore e la mia ira; sono divampati nelle città di Giuda e per le strade di Gerusalemme, che sono state ridotte in rovina e sono diventate una distesa desolata, come si vede ancora oggi’.+  “E ora, questo è ciò che Geova, l’Iddio degli eserciti, l’Iddio d’Israele, dice: ‘Perché state attirando su di voi* una grande calamità, così che ogni uomo, donna, bambino e lattante di Giuda muoia e non vi rimanga nessun superstite?  Perché dovete offendermi con le opere delle vostre mani, facendo sacrifici ad altri dèi nel paese d’Egitto in cui siete andati a stabilirvi? Morirete e diventerete qualcosa di maledetto e qualcosa da disprezzare fra tutte le nazioni della terra.+  Avete dimenticato le azioni malvagie dei vostri antenati, le azioni malvagie dei re di Giuda+ e le azioni malvagie delle loro mogli,+ così come le vostre azioni malvagie e le azioni malvagie delle vostre mogli,+ che sono state compiute nel paese di Giuda e per le strade di Gerusalemme? 10  Fino a oggi voi* non vi siete umiliati,* non avete avuto timore+ né avete seguito la legge e i decreti che misi davanti a voi e ai vostri antenati’.+ 11  “Pertanto questo è ciò che Geova degli eserciti, l’Iddio d’Israele, dice: ‘Sono deciso a far abbattere la calamità su di voi, per distruggere tutto Giuda. 12  Prenderò i superstiti di Giuda che si sono ostinati a stabilirsi nel paese d’Egitto, e lì moriranno tutti.+ Cadranno di spada e di carestia; dal più piccolo al più grande moriranno di spada e di carestia. E diventeranno una maledizione, qualcosa di cui inorridire e qualcosa da denigrare e da disprezzare.+ 13  Punirò quelli che risiedono nel paese d’Egitto proprio come ho punito Gerusalemme, con spada, carestia ed epidemie.+ 14  E i superstiti di Giuda che sono andati a stabilirsi nel paese d’Egitto non scamperanno né sopravvivranno per tornare nel paese di Giuda. Desidereranno* tornare a vivere lì, ma non torneranno, a parte alcuni’”. 15  Allora tutti gli uomini che sapevano che le loro mogli avevano fatto sacrifici ad altri dèi, tutte le mogli lì presenti, che formavano un gruppo numeroso, e tutto il popolo che viveva nel paese d’Egitto,+ in Pàtros,+ risposero a Geremia: 16  “Non ascolteremo quello che ci hai riferito nel nome di Geova. 17  Anzi, faremo tutto quello che è uscito dalla nostra bocca, e offriremo sacrifici alla Regina del Cielo* e le verseremo libagioni,*+ proprio come facevamo noi, i nostri antenati, i nostri re e i nostri principi nelle città di Giuda e per le strade di Gerusalemme, quando eravamo sazi di pane, non ci mancava niente e non vedevamo nessuna calamità. 18  Da quando abbiamo smesso di offrire sacrifici alla Regina del Cielo* e di versarle libagioni ci è mancato tutto, e siamo morti di spada e di carestia”. 19  Le donne aggiunsero: “Quando offrivamo sacrifici alla Regina del Cielo* e le versavamo libagioni, era forse senza il consenso dei nostri mariti che le preparavamo focacce* a forma della sua immagine e le versavamo libagioni?” 20  Allora Geremia si rivolse a tutto il popolo, agli uomini, alle loro mogli e a tutti quelli che stavano parlando con lui, e disse: 21  “Geova non ha dimenticato: ha ricordato i sacrifici che facevate voi, i vostri antenati, i vostri re, i vostri principi e il popolo del paese nelle città di Giuda e per le strade di Gerusalemme.+ 22  Alla fine Geova non ha più potuto sopportare le pratiche malvagie e le cose detestabili che compivate, e così il vostro paese è diventato un luogo devastato e disabitato, qualcosa di cui inorridire e qualcosa di maledetto, come si vede oggi.+ 23  È stato perché avete offerto questi sacrifici e perché avete peccato contro Geova non ubbidendo alla voce di Geova e non seguendo la sua legge, i suoi decreti e le sue esortazioni* che questa calamità si è abbattuta su di voi, come vedete oggi”.+ 24  Geremia continuò a dire a tutto il popolo e a tutte le donne: “Ascoltate quello che dice Geova, voi tutti di Giuda che siete nel paese d’Egitto. 25  Questo è ciò che Geova degli eserciti, l’Iddio d’Israele, dice: ‘Quello che voi e le vostre mogli avete detto con la vostra bocca l’avete fatto con le vostre mani, perché avete detto: “Di certo adempiremo i nostri voti offrendo sacrifici alla Regina del Cielo* e versandole libagioni”.+ Di certo voi donne adempirete i vostri voti e li manterrete’. 26  “Perciò, tutti voi di Giuda che vivete nel paese d’Egitto, ascoltate questo messaggio di Geova: ‘“Giuro sul mio grande nome”, dice Geova, “che nessun uomo di Giuda+ in tutto il paese d’Egitto invocherà più in giuramento il mio nome dicendo: ‘Com’è vero che il Sovrano Signore Geova vive!’+ 27  Ecco, vigilo su di loro per portare la calamità, e non qualcosa di buono.+ Tutti gli uomini di Giuda che sono nel paese d’Egitto moriranno di spada e di carestia, finché smetteranno di esistere.+ 28  Solo pochi sfuggiranno alla spada e dal paese d’Egitto torneranno nel paese di Giuda.+ Allora tutti i superstiti di Giuda che sono venuti a stabilirsi in Egitto sapranno di chi sono le parole che si sono avverate, le mie o le loro!”’” 29  “‘E questo’, dichiara Geova, ‘è per voi il segno che vi punirò in questo luogo, affinché sappiate che sicuramente farò abbattere su di voi la calamità che ho promesso. 30  Questo è ciò che Geova dice: “Ecco, consegno il faraone Hofra, re d’Egitto, nelle mani dei suoi nemici e di quelli che cercano di togliergli la vita,* proprio come ho consegnato Sedechìa, re di Giuda, nelle mani di Nabucodònosor,* re di Babilonia, che era suo nemico e cercava di togliergli la vita”’”.*+

Note in calce

Lett. “parola”.
O “Menfi”.
Lett. “loro”.
Lett. “alzandomi di buon’ora e mandando”.
Lett. “loro”.
O “sulle vostre anime”.
Lett. “loro”.
O “sentiti schiacciati”.
O “innalzeranno l’anima”.
Titolo di una divinità adorata dagli israeliti apostati; forse una dea della fertilità.
Titolo di una divinità adorata dagli israeliti apostati; forse una dea della fertilità.
Titolo di una divinità adorata dagli israeliti apostati; forse una dea della fertilità.
O “torte di sacrificio”.
O “rammemoratori”.
Titolo di una divinità adorata dagli israeliti apostati; forse una dea della fertilità.
O “cercano la sua anima”.
Lett. “Nabucodòrosor”, variante dello stesso nome.
O “cercava la sua anima”.

Approfondimenti

Galleria multimediale