Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture (edizione per lo studio)

Ester 6:1-14

6  Quella notte il re non riusciva a dormire.* Perciò ordinò di portare il libro delle memorie dei fatti storici,+ e questo venne letto davanti a lui.  Vi si trovò scritto ciò che Mardochèo aveva riferito riguardo a Bigtàna e Tères, i due funzionari di corte del re, guardiani della porta, che avevano cospirato per eliminare* il re Assuèro.+  Allora il re chiese: “Quale onore e quale riconoscimento sono stati conferiti a Mardochèo per questo?” I servitori personali del re risposero: “Non è stato fatto nulla per lui”.  Più tardi il re disse: “Chi c’è nel cortile?” Àman infatti era entrato nel cortile esterno+ della casa* del re per chiedere al re di far appendere Mardochèo al palo che aveva preparato per lui.+  I servitori del re risposero: “C’è Àman+ nel cortile”. Il re dunque disse: “Fatelo entrare”.  Àman entrò e il re gli chiese: “Che cosa si dovrebbe fare per l’uomo che il re vuole onorare?” Àman disse in cuor suo: “Chi altri più di me il re vorrebbe onorare?”+  Pertanto rispose al re: “Per l’uomo che il re vuole onorare  si portino la veste regale+ che il re indossa e un cavallo che il re cavalca e che abbia l’ornamento reale sulla testa.  Poi si affidino la veste e il cavallo a uno dei più nobili principi del re, si vesta l’uomo che il re vuole onorare e gli si faccia cavalcare il cavallo nella piazza della città, gridando davanti a lui: ‘Ecco che cosa si fa per l’uomo che il re vuole onorare!’”+ 10  Subito il re disse ad Àman: “Presto, prendi la veste e il cavallo, e fa’ per Mardochèo il giudeo, che siede alla porta del re, quello che hai appena detto. Non tralasciare nulla di quello che hai detto”. 11  Allora Àman prese la veste e il cavallo, vestì Mardochèo+ e lo fece cavalcare nella piazza della città, gridando davanti a lui: “Ecco che cosa si fa per l’uomo che il re vuole onorare!” 12  Mardochèo tornò poi alla porta del re, mentre Àman se ne andò in fretta a casa sua, sconsolato e con la testa coperta. 13  Quando Àman raccontò a sua moglie Zères+ e a tutti i suoi amici tutto quello che gli era successo, i suoi consiglieri* e sua moglie Zères gli dissero: “Se Mardochèo, davanti al quale hai cominciato a soccombere, è di discendenza giudaica,* non prevarrai contro di lui; certamente soccomberai davanti a lui”. 14  Stavano ancora parlando con Àman quando arrivarono i funzionari di corte del re, che lo portarono in fretta al banchetto che Ester aveva preparato.+

Note in calce

Lett. “il sonno del re fuggì”.
Lett. “stendere la mano”.
O “palazzo”.
Lett. “saggi”.
Lett. “dal seme dei giudei”.

Approfondimenti

Galleria multimediale