Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture (edizione per lo studio)

Lettera agli Ebrei 11:1-40

11  La fede è la certezza che quello che si spera si realizzerà,+ la chiara dimostrazione* di realtà che non si vedono.  Grazie a essa gli uomini dei tempi antichi* ebbero conferma dell’approvazione di Dio.*  Per fede comprendiamo che i sistemi di cose* furono preparati mediante la parola di Dio, per cui ciò che si vede è venuto all’esistenza da ciò che non si vede.  Per fede Abele offrì a Dio un sacrificio di valore maggiore di quello di Caino,+ e grazie a tale fede ebbe la conferma* di essere giusto, perché Dio approvò* i suoi doni;+ e benché sia morto, mediante la sua fede parla ancora.+  Per fede Ènoc+ fu portato via* in modo da non vedere la morte, e non fu più trovato perché Dio l’aveva portato via;+ infatti prima che fosse portato via ebbe la conferma* di essere gradito a Dio.  Senza fede è impossibile piacere a Dio, perché chi si avvicina a Dio deve credere che egli esiste e che ricompensa quelli che lo cercano assiduamente.+  Per fede Noè,+ avvertito divinamente di cose che ancora non si vedevano,+ mostrò timore di Dio e costruì un’arca+ per la salvezza della sua famiglia; e mediante tale fede condannò il mondo+ ed ereditò la giustizia che deriva dalla fede.  Per fede Abraamo,+ quando fu chiamato, ubbidì partendo per un luogo che doveva ricevere in eredità; partì senza sapere dove andava.+  Per fede visse nella terra della promessa come un forestiero in un paese straniero,+ e dimorò in tende+ con Isacco e Giacobbe, eredi con lui della stessa promessa.+ 10  Infatti aspettava la città che ha vere fondamenta, progettata e costruita da Dio.*+ 11  Per fede anche Sara, nonostante avesse già superato l’età,+ ricevette il potere di concepire un discendente,*+ perché riteneva fedele* colui che aveva fatto la promessa. 12  Perciò da un solo uomo, che era come morto,+ nacquero figli+ numerosi come le stelle del cielo, come i granelli di sabbia sulla spiaggia del mare che non si possono contare.+ 13  Nella fede morirono tutti questi, anche se non ricevettero le cose promesse,+ ma le videro da lontano+ e le salutarono e dichiararono pubblicamente di essere stranieri e forestieri nel paese in cui vivevano. 14  Chi parla così dimostra di essere alla ricerca di un proprio luogo. 15  Eppure, se avessero continuato a pensare al luogo da cui erano partiti,+ avrebbero avuto la possibilità di tornarvi. 16  Ma ora aspirano a un luogo migliore, cioè uno che appartiene al cielo. Perciò Dio non si vergogna di loro, di essere chiamato loro Dio,+ e infatti ha preparato per loro una città.+ 17  Per fede Abraamo, quando fu messo alla prova,+ praticamente offrì Isacco. L’uomo che aveva accolto con gioia le promesse tentò di offrire il suo unico* figlio,+ 18  benché gli fosse stato detto: “È tramite Isacco che verrà quella che sarà chiamata ‘tua discendenza’”.*+ 19  Ma lui concluse che Dio era anche capace di risuscitare Isacco dai morti e da lì lo riebbe, il che ha un significato simbolico.+ 20  Per fede Isacco diede a Giacobbe+ ed Esaù+ benedizioni riguardanti cose future. 21  Per fede Giacobbe, in punto di morte,+ benedisse ciascuno dei figli di Giuseppe+ e adorò Dio appoggiandosi all’estremità del suo bastone.+ 22  Per fede Giuseppe, quando stava per morire, parlò dell’esodo dei figli d’Israele e diede disposizioni circa le sue ossa.*+ 23  Per fede Mosè, dopo la nascita, fu nascosto per tre mesi dai suoi genitori,+ perché videro che il bambino era bello+ e non ebbero paura dell’ordine del re.+ 24  Per fede Mosè, quando fu adulto,+ rifiutò di essere chiamato figlio della figlia del faraone+ 25  e scelse di essere maltrattato con il popolo di Dio invece di godersi i piaceri momentanei del peccato, 26  perché considerava il disonore del Cristo una ricchezza più grande dei tesori dell’Egitto; teneva infatti lo sguardo fisso sulla ricompensa. 27  Per fede lasciò l’Egitto+ senza temere l’ira del re,+ perché rimase saldo come se vedesse colui che è invisibile.+ 28  Per fede celebrò la Pasqua e spruzzò il sangue sugli stipiti affinché lo sterminatore non toccasse i loro primogeniti.+ 29  Per fede il popolo passò attraverso il Mar Rosso come sull’asciutto,+ mentre gli egiziani, quando tentarono di farlo, furono inghiottiti.+ 30  Per fede le mura di Gèrico caddero dopo che il popolo vi aveva marciato attorno per sette giorni.+ 31  Per fede Ràab la prostituta non morì con i disubbidienti, perché aveva accolto le spie pacificamente.+ 32  E cos’altro posso dire? Non mi basterebbe il tempo se volessi raccontare di Gedeone,+ di Bàrac,+ di Sansone,+ di Iefte,+ di Davide,+ di Samuele+ e degli altri profeti. 33  Grazie alla fede sconfissero regni,+ stabilirono la giustizia, ottennero promesse,+ chiusero la bocca dei leoni,+ 34  spensero la violenza del fuoco,+ sfuggirono al taglio della spada,+ erano deboli e furono resi forti,+ diventarono valorosi in guerra,+ misero in fuga eserciti invasori.+ 35  Ci furono donne che riebbero i loro morti per risurrezione,+ mentre altri furono torturati perché rifiutarono la liberazione offerta loro,* al fine di ottenere una risurrezione migliore. 36  Per altri ancora la prova consisté in derisioni e frustate, e perfino catene+ e prigionia.+ 37  Furono lapidati,+ furono messi alla prova, furono segati in due,* furono assassinati con la spada,+ andarono in giro coperti di pelli di pecora e di capra,+ bisognosi, afflitti,+ maltrattati.+ 38  Il mondo non era degno di loro. Vagarono nei deserti, sui monti e per le caverne+ e le grotte della terra. 39  Eppure tutti questi, nonostante avessero avuto conferma dell’approvazione di Dio* a motivo della loro fede, non ricevettero ciò che era stato loro promesso, 40  perché Dio aveva previsto per noi qualcosa di migliore,+ affinché essi non fossero resi perfetti senza di noi.

Note in calce

O “prova convincente”.
O “i nostri antenati”.
Lett. “ricevettero testimonianza”.
O “ere”, “epoche”. Vedi Glossario, “sistema di cose”.
Lett. “ricevette testimonianza”.
O “rese testimonianza riconoscendo”.
O “trasferito”.
Lett. “ricevette testimonianza”.
O “il cui architetto e costruttore è Dio”.
Lett. “seme”.
O “degno di fiducia”.
Lett. “unigenito”.
Lett. “seme”.
O “sepoltura”.
O “la liberazione mediante qualche riscatto”.
O “a pezzi”.
Lett. “avendo ricevuto testimonianza”.

Approfondimenti

Galleria multimediale