Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture (edizione per lo studio)

Giosuè 9:1-27

9  Quando tutti i re che erano a ovest del Giordano+ vennero a sapere cos’era successo, quelli nella regione montuosa, nella Sefèla, lungo tutta la costa del Mar Grande*+ e di fronte al Libano — gli ittiti, gli amorrei, i cananei, i ferezei, gli ivvei e i gebusei+  si allearono per fare guerra contro Giosuè e Israele.+  Anche gli abitanti di Gàbaon+ vennero a sapere quello che Giosuè aveva fatto a Gèrico+ e ad Ai.+  Agirono dunque con accortezza: misero provviste in sacchi consumati che caricarono sui loro asini, insieme a otri per il vino logori che si erano squarciati ed erano stati rammendati,  si misero ai piedi sandali consumati e rappezzati e indossarono abiti consumati; tutto il pane che si portarono dietro era secco e si sbriciolava.  Andarono quindi da Giosuè all’accampamento di Ghìlgal+ e dissero a lui e agli uomini d’Israele: “Siamo venuti da un paese lontano. Stringete, vi preghiamo, un patto con noi”.  Ma gli uomini d’Israele dissero a quegli ivvei:+ “E se invece vivete nelle vicinanze? Come facciamo a stringere un patto con voi?”+  Loro risposero a Giosuè: “Siamo tuoi servitori”.* Quindi Giosuè disse: “Chi siete, e da dove venite?”  Gli risposero: “I tuoi servitori sono venuti da un paese molto lontano+ per riguardo verso il nome di Geova tuo Dio, perché la sua fama è arrivata fino a noi e abbiamo sentito tutto ciò che fece in Egitto+ 10  e tutto ciò che fece ai due re degli amorrei che erano dall’altra parte* del Giordano, Sihòn+ re di Èsbon e Og+ re di Bàsan, che era ad Astaròt. 11  Così i nostri anziani e tutti gli abitanti del nostro paese ci hanno detto: ‘Prendetevi provviste per il viaggio e andate loro incontro. Dite loro: “Saremo vostri servitori.+ Stringete, vi preghiamo, un patto con noi”’.+ 12  Questo pane che ci siamo portati dietro era ancora caldo il giorno in cui lasciammo le nostre case per venire qui da voi. Ora, guardate, è secco e si sbriciola.+ 13  E questi otri per il vino erano nuovi quando li riempimmo, ma, vedete, si sono squarciati.+ E i nostri abiti e i nostri sandali si sono consumati per il lunghissimo viaggio”. 14  Allora gli uomini presero* parte delle loro provviste, ma non interrogarono Geova.+ 15  Giosuè perciò fece pace con loro+ e strinse con loro un patto per lasciarli in vita, e questo è ciò che i capi dell’assemblea giurarono loro.+ 16  Nel giro di tre giorni da che avevano stretto il patto con loro, vennero a sapere che vivevano lì, nelle vicinanze. 17  Quindi il terzo giorno gli israeliti partirono e arrivarono nelle loro città, ovvero Gàbaon,+ Chefìra, Beeròt e Chiriàt-Iearìm.+ 18  Ma gli israeliti non li attaccarono, perché i capi dell’assemblea avevano giurato loro su Geova,+ l’Iddio d’Israele. Così tutta l’assemblea iniziò a mormorare contro i capi. 19  Allora tutti i capi dissero all’intera assemblea: “Abbiamo giurato loro su Geova, l’Iddio d’Israele, perciò non ci è permesso fare loro del male. 20  Questo è ciò che faremo: li lasceremo in vita, così che non ci sia indignazione contro di noi a causa del giuramento che abbiamo fatto loro”.+ 21  E proprio come avevano promesso ai gabaoniti, i capi aggiunsero: “Rimangano pure in vita, ma dovranno raccogliere legna e attingere acqua per tutta l’assemblea”. 22  Giosuè ora li chiamò e disse loro: “Perché ci avete ingannato dicendo che venivate da un luogo molto lontano da qui, mentre vivete proprio in mezzo a noi?+ 23  D’ora in poi siete maledetti;+ sarete per sempre schiavi che raccolgono legna e attingono acqua per la casa del mio Dio”. 24  Loro risposero a Giosuè: “L’abbiamo fatto perché ai tuoi servitori era stato chiaramente riferito che Geova tuo Dio aveva comandato al suo servitore Mosè di darvi tutto il paese e di annientarne tutti gli abitanti davanti a voi.+ Quindi tememmo per la nostra vita* a motivo vostro.+ 25  Ora siamo nelle tue mani. Trattaci nel modo che ritieni buono e giusto”. 26  Giosuè fece proprio così, e li liberò dalle mani degli israeliti, che non li uccisero. 27  Quel giorno, però, Giosuè stabilì che raccogliessero legna e attingessero acqua per l’assemblea+ e per l’altare di Geova nel luogo che Egli avrebbe scelto,+ e questo è ciò che continuano a fare tuttora.+

Note in calce

Cioè il Mediterraneo.
O “schiavi”.
Cioè a est.
O “esaminarono”.
O “anima”.

Approfondimenti

Galleria multimediale