Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture (edizione per lo studio)

Secondo libro delle Cronache 34:1-33

34  Giosìa+ aveva 8 anni quando diventò re, e regnò 31 anni a Gerusalemme.+  Fece ciò che era giusto agli occhi di Geova e seguì le vie del suo antenato Davide; non deviò né a destra né a sinistra.  Nell’8o anno del suo regno, mentre era ancora un ragazzo, cominciò a ricercare l’Iddio del suo antenato Davide;+ nel 12o anno iniziò a purificare Giuda e Gerusalemme+ dagli alti luoghi,+ dai pali sacri,* dalle immagini scolpite+ e dalle statue di metallo.*  In sua presenza furono demoliti gli altari dei Bàal, ed eliminò gli altari per l’incenso che vi si trovavano sopra. Inoltre fece a pezzi i pali sacri, le immagini scolpite e le statue di metallo, riducendoli in polvere. Sparse poi quella polvere sulle tombe di coloro che avevano offerto sacrifici a tali idoli.+  E bruciò le ossa dei sacerdoti sui loro altari.+ Così purificò Giuda e Gerusalemme.  Nelle città di Manasse, di Èfraim,+ di Simeone e fino a Nèftali, nelle rovine che le circondavano,  demolì gli altari e frantumò i pali sacri e le immagini scolpite,+ riducendoli in polvere; eliminò tutti gli altari per l’incenso nell’intero paese d’Israele,+ dopodiché tornò a Gerusalemme.  Nel 18o anno del suo regno, dopo aver purificato il paese e il tempio,* mandò Sàfan+ figlio di Azalìa, Maaseìa capo della città e Ioa il cancelliere figlio di Iòacaz a riparare la casa di Geova suo Dio.+  Questi andarono dal sommo sacerdote Ilchìa e gli diedero il denaro che era stato portato nella casa di Dio, denaro che i leviti che prestavano servizio come guardiani delle porte avevano raccolto da Manasse, da Èfraim e da tutto il resto d’Israele,+ come anche da Giuda, da Beniamino e dagli abitanti di Gerusalemme. 10  Il denaro fu poi dato a quelli incaricati di soprintendere ai lavori nella casa di Geova. A loro volta quelli che eseguivano i lavori nella casa di Geova lo usarono per aggiustare e riparare la casa. 11  Fu dato agli artigiani e ai costruttori perché acquistassero blocchi di pietra e legname per i sostegni, e travi per costruire gli edifici che i re di Giuda avevano lasciato andare in rovina.+ 12  Gli uomini svolsero fedelmente i lavori.+ Su di loro furono posti i leviti Iàat e Abdìa, dei merariti,+ e Zaccarìa e Mesullàm, dei cheatiti,+ per prestare servizio come soprintendenti. I leviti, tutti musicisti esperti,+ 13  erano responsabili dei manovali* e soprintendevano a tutti quelli che svolgevano lavori di ogni tipo; e tra loro alcuni erano segretari, funzionari e portinai.+ 14  Mentre veniva ritirato il denaro che era stato portato alla casa di Geova,+ il sacerdote Ilchìa trovò il libro della Legge di Geova+ data per mezzo* di Mosè.+ 15  Quindi Ilchìa disse al segretario Sàfan: “Nella casa di Geova ho trovato il libro della Legge”. Allora Ilchìa diede il libro a Sàfan. 16  Sàfan portò il libro al re e gli disse: “I tuoi servitori stanno facendo tutto ciò che sono stati incaricati di fare. 17  Hanno raccolto* il denaro che è stato trovato nella casa di Geova e lo hanno consegnato agli uomini incaricati e a quelli che fanno i lavori”. 18  Il segretario Sàfan disse inoltre al re: “Il sacerdote Ilchìa mi ha dato un libro”.+ Quindi Sàfan cominciò a leggerlo davanti al re.+ 19  Non appena sentì le parole della Legge, il re si strappò le vesti.+ 20  Quindi diede questo comando a Ilchìa, ad Aicàm+ figlio di Sàfan, ad Abdòn figlio di Mica, al segretario Sàfan e ad Asaìa servitore del re: 21  “Andate, interrogate Geova a favore mio e di quelli che sono rimasti in Israele e in Giuda riguardo alle parole del libro che è stato trovato. Infatti grande è l’ira di Geova che sarà riversata su di noi, dato che i nostri antenati non hanno ubbidito alla parola di Geova osservando tutto ciò che è scritto in questo libro”.+ 22  Così Ilchìa, insieme a quelli che erano stati mandati dal re, andò dalla profetessa Ulda,+ moglie di Sallùm, responsabile del guardaroba e figlio di Ticva, figlio di Aràs. Ulda viveva nel Secondo Quartiere di Gerusalemme, e fu lì che andarono a parlarle.+ 23  Lei disse loro: “Questo è ciò che Geova, l’Iddio d’Israele, dice: ‘Riferite all’uomo che vi ha mandato da me: 24  “Questo è ciò che Geova dice: ‘Farò abbattere su questo luogo e sui suoi abitanti la calamità,+ tutte le maledizioni contenute nel libro+ che è stato letto davanti al re di Giuda. 25  Dato che mi hanno abbandonato+ e fanno fumare sacrifici ad altri dèi per offendermi+ con tutte le opere delle loro mani, la mia ira si riverserà su questo luogo e non si placherà’”.+ 26  Ma al re di Giuda, che vi ha mandato a interrogare Geova, dovete riferire: “Questo è ciò che Geova, l’Iddio d’Israele, dice: ‘In relazione alle parole che hai sentito,+ 27  visto che il tuo cuore è stato sensibile* e ti sei umiliato davanti a Dio quando hai ascoltato le sue parole riguardo a questo luogo e ai suoi abitanti, e ti sei umiliato davanti a me, ti sei strappato le vesti e hai pianto davanti a me, anche io ti ho ascoltato,+ dichiara Geova. 28  Per questo motivo ti riunirò ai tuoi antenati,* e sarai sepolto in pace, e i tuoi occhi non vedranno tutta la calamità che farò abbattere su questo luogo e sui suoi abitanti’”’”.+ La risposta fu quindi portata al re. 29  Così il re convocò tutti gli anziani di Giuda e di Gerusalemme.+ 30  Poi salì alla casa di Geova con tutti gli uomini di Giuda, gli abitanti di Gerusalemme, i sacerdoti e i leviti, tutto il popolo, sia i grandi che i piccoli. Lesse loro tutte le parole del libro del patto che era stato trovato nella casa di Geova.+ 31  Il re stette in piedi al suo posto e fece un patto*+ davanti a Geova, impegnandosi a seguire Geova e a osservare i suoi comandamenti, le sue esortazioni* e le sue norme con tutto il cuore e con tutta l’anima,*+ ubbidendo alle parole del patto che erano scritte nel libro.+ 32  Inoltre fece accettare il patto a tutti quelli che erano a Gerusalemme e in Beniamino. E gli abitanti di Gerusalemme agirono in base al patto di Dio, l’Iddio dei loro antenati.+ 33  Dopo ciò Giosìa eliminò tutte le cose detestabili* da tutti i paesi che appartenevano agli israeliti,+ e fece sì che tutti in Israele servissero Geova loro Dio. Per tutta la sua vita* non deviarono dal seguire Geova, l’Iddio dei loro antenati.

Note in calce

O “metallo fuso”.
Lett. “casa”.
O “portatori di pesi”.
Lett. “per mano”.
Lett. “versato”.
Lett. “tenero”.
Espressione poetica riferita alla morte.
O “rinnovò il patto”.
O “rammemoratori”.
O “idoli”.
Lett. “giorni”.

Approfondimenti

Galleria multimediale