Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Zaccaria 12:1-14

12  Dichiarazione solenne: “La parola di Geova riguardo a Israele”, è l’espressione di Geova, Colui che distende [i] cieli+ e pone le fondamenta della terra+ e forma lo spirito+ dell’uomo* dentro di lui.  “Ecco, faccio di Gerusalemme+ una coppa [che causa] barcollamento a tutti i popoli all’intorno;+ e anche contro Giuda egli verrà nell’assedio, [sì,] contro Gerusalemme.+  E deve accadere in quel giorno+ [che] farò di Gerusalemme una pietra da carico+ per tutti i popoli. Tutti quelli che la solleveranno si faranno immancabilmente gravi scalfitture; e contro di lei certamente si raccoglieranno tutte le nazioni della terra.+  In quel giorno”,+ è l’espressione di Geova, “colpirò ogni cavallo+ di smarrimento e il suo cavaliere di pazzia;+ e aprirò i miei occhi sulla casa di Giuda,+ e colpirò ogni cavallo dei popoli con la perdita della vista.  E gli sceicchi+ di Giuda dovranno dire in cuor loro: ‘Gli abitanti di Gerusalemme sono per me una forza mediante Geova degli eserciti loro Dio’.*+  In quel giorno renderò gli sceicchi di Giuda come un braciere di fuoco tra gli alberi+ e come una torcia infuocata in un filare di grano appena tagliato,+ e devono divorare a destra e a sinistra tutti i popoli all’intorno;+ e Gerusalemme dovrà ancora essere abitata nel suo [proprio] luogo, a Gerusalemme.+  “E certamente Geova salverà per prime le tende di Giuda, affinché la bellezza della casa di Davide e la bellezza degli abitanti di Gerusalemme non divengano troppo grandi su Giuda.  In quel giorno Geova sarà una difesa intorno agli abitanti di Gerusalemme;+ e chi inciampa fra loro deve divenire in quel giorno come Davide,+ e la casa di Davide come Dio,*+ come l’angelo di Geova davanti a loro.+  E deve accadere in quel giorno [che] cercherò di annientare tutte le nazioni che vengono contro Gerusalemme.+ 10  “E certamente verserò sulla casa di Davide e sugli abitanti di Gerusalemme lo spirito* di favore+ e di suppliche+ e certamente guarderanno a Colui che* hanno trafitto,+ e certamente faranno lamento per Lui come nel lamento per un [figlio] unico; e vi saranno per lui amari gemiti come quando ci sono amari gemiti per un [figlio] primogenito.+ 11  In quel giorno il lamento sarà grande a Gerusalemme, come il lamento di Adadrimmon nella pianura della valle di Meghiddo.*+ 12  E il paese* certamente si lamenterà,+ ciascuna famiglia da sé,* la famiglia della casa di Davide da sé, e le loro donne da sé;+ la famiglia della casa di Natan+ da sé, e le loro donne da sé; 13  la famiglia della casa di Levi+ da sé, e le loro donne da sé; la famiglia dei simeiti+ da sé, e le loro donne da sé; 14  tutte le famiglie che si lasciano rimanere, ciascuna famiglia da sé, e le loro donne da sé.+

Note in calce

“Lo spirito dell’uomo”: ebr. ruach-ʼadhàm.
“Loro Dio”: ebr. ʼElohehhèm.
O, “come quelli simili a Dio”. Ebr. keʼlohìm, pl.; LXX, “come la casa di Dio”; lat. quasi Dei. Cfr. nt. a Sl 8:5.
“Spirito di”: ebr. rùach; gr. pnèuma, lat. spiritum.
“A Colui che”, Th e Gv 19:37; MVg, “a me che”.
“Meghiddo”: ebr. Meghiddòhn; lat. Mageddon. Cfr. nt. a Ri 16:16, “Har-Maghedon”.
O, “la terra”. Ebr. haʼàrets.
Lett. “famiglie famiglie separatamente”.