Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Salmo 9:1-20

Al direttore su Mut-Labben.* Melodia di Davide. א [ʼÀlef]* 9  Certamente [ti] loderò, o Geova, con tutto il mio cuore;+Di sicuro dichiarerò tutte le tue meravigliose opere.+   Certamente mi rallegrerò ed esulterò in te,+Di sicuro innalzerò melodie al tuo nome, o Altissimo.+ ב [Behth]   Quando i miei nemici si volgeranno indietro,+Inciamperanno e periranno d’innanzi a te.+   Poiché hai eseguito il mio giudizio e la mia causa;+Ti sei seduto sul trono giudicando con giustizia.+ ג [Ghìmel]   Hai rimproverato le nazioni,+ hai distrutto il malvagio.+Hai cancellato il loro nome a tempo indefinito, sì, per sempre.*+   O nemico, giunte alla loro perpetua fine sono le [tue] desolazioni,+E le città che hai sradicato.+La loro medesima menzione certamente perirà.+ ה [Heʼ]   In quanto a Geova, sederà a tempo indefinito,+Stabilendo fermamente il suo trono per lo stesso giudizio.+   Ed egli stesso giudicherà il paese produttivo* nella giustizia;+Farà giudizio dei gruppi nazionali nella rettitudine.+ ו [Waw]   E Geova diverrà una sicura altezza per ogni oppresso,+Una sicura altezza in tempi di angustia.+ 10  E quelli che conoscono il tuo nome confideranno in te,+Poiché certamente non lascerai quelli che ti cercano, o Geova.+ ז [Zàyin] 11  Innalzate melodie a Geova, che dimora in Sion;+Annunciate fra i popoli le sue opere.+ 12  Poiché, quando cercherà lo spargimento di sangue,+ certamente si ricorderà di quei medesimi;+Di sicuro non dimenticherà il grido degli afflitti.+ ח [Chehth] 13  Mostrami favore, o Geova; vedi la mia afflizione [causata] da quelli che mi odiano,+O tu che mi innalzi dalle porte della morte,+ 14  Affinché io dichiari tutte le tue opere degne di lode+Alle porte+ della figlia di Sion,+Perché io gioisca nella tua salvezza.+ ט [Tehth] 15  Le nazioni sono affondate nella fossa che esse hanno fatto;+Nella rete+ che nascosero è stato preso il loro proprio piede.+ 16  Geova è conosciuto dal giudizio che ha eseguito.+Dall’attività delle sue proprie mani il malvagio è stato preso in trappola.*+Higgaion.* Sela. י [Yohdh] 17  I malvagi+ si volgeranno allo Sceol,*+Anche tutte le nazioni che dimenticano Dio.*+ 18  Poiché non sempre sarà dimenticato il povero,+Né perirà mai la speranza dei mansueti.+ כ [Kaf] 19  Sorgi, o Geova! Non si mostri l’uomo mortale superiore in forza.+Siano giudicate le nazioni dinanzi alla tua faccia.+ 20  Metti in loro timore,* o Geova,+Affinché le nazioni sappiano di non essere che uomini mortali.+ Sela.

Note in calce

“Su Mut-Labben”: ebr. ʽalmùth labbèn, espressione ebr. di cui non si conosce il significato, ma che alcuni traducono “riguardo alla morte del figlio”.
Nel M questo salmo è unito al Sl 10 in forma di acrostico alfabetico, con l’omissione di alcune lettere.
O, “per i secoli dei secoli”.
“Paese produttivo”: ebr. tevèl; LXX, “la terra abitata”; Vg, “il circolo”, cioè quello della terra.
“È stato preso in trappola”, con un cambiamento di puntazione vocalica; M, “egli intrappola”.
“Higgaion”: termine tecnico musicale dal significato incerto.
“Sceol”, MTSy; gr. hàiden; lat. infernum. Vedi App. 4B.
“Dio”: ebr. ʼElohìm.
“Metti su di loro una maledizione”, con una correzione del M.